Economia
I dipendenti dei vari Comuni d’Italia hanno subito un progressivo impoverimento a causa di un blocco illegittimo degli stipendi

P.A.: Cgil, giù paga del comunale, -740euro con blocco

Si tratta di un azione risarcitoria collettiva – e non di una class action in senso stretto – lanciata nelle settimane scorse dal Codacons

Di:

Roma. I dati forniti oggi dalla Fp Cgil e relativi al danno economico subito dai dipendenti comunali a causa del blocco della contrattazione, confermano e rafforzano l’azione risarcitoria lanciata dal Codacons a tutela dei lavoratori del settore pubblico. I dipendenti dei vari Comuni d’Italia hanno subito un progressivo impoverimento a causa di un blocco illegittimo degli stipendi che la Corte Costituzionale ha bocciato in pieno – spiega il Codacons – Finora non è stato fatto nulla per dare esecuzione alla sentenza della Consulta che impone il rinnovo contrattuale; per tale motivo i lavoratori comunali possono chiedere un indennizzo da “attività legittima” dello Stato – al pari di quando avviene ad esempio per gli espropri – che ha bloccato per 6 anni la contrattazione e, contestualmente, possono chiedere un vero e proprio risarcimento per inadempimento dell’obbligo per il periodo successivo alla pubblicazione della sentenza.

Si tratta di un azione risarcitoria collettiva – e non di una class action in senso stretto – lanciata nelle settimane scorse dal Codacons, alla quale possono aderire tutti i dipendenti pubblici seguendo le indicazioni riportate sul sito www.codacons.it

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi