Sport
La Juve risponde al Napoli superando l'Atalanta con un gol per tempo e rimane sola in testa alla classifica

Barzagli e Lemina stendono l’Atalanta

Ieri gli uomini di Sarri avevano raggiunto quelli di Allegri in testa alla classifica superando il Chievo

Di:

Roma. Se Napoli chiama, la Juve risponde. Ieri gli uomini di Sarri avevano raggiunto quelli di Allegri in testa alla classifica superando il Chievo. Oggi i bianconeri allungano ancora, blindando ancora una volta la difesa e rifilando un gol per tempo all’Atalanta.

Da Bergamo arriva la conferma che la notte di San Siro è stata solo un innocuo passaggio a vuoto: le intenzioni della Juve sono chiare fin dall’inizio e riflettono quelle di Allegri che alla vigilia aveva sottolineato come contasse un solo risultato: la vittoria. I bianconeri manovrano velocemente e attaccano bene gli spazi con Pereyra, piazzato dietro le punte, ma anche con Dybala che, arretrando spesso il suo raggio di azione, si muove tra le linee ed è di fatto un trequartista aggiunto. Al 10′ arriva la prima occasione con Khedira, che chiude un ampio triangolo con Pereyra e arriva al tiro da posizione defilata, trovando la respinta di Sportiello.

Pogba danza con il pallone, dà la sensazione di poter creare un pericolo ogni volta che entra in azione e il suo tentativo dal limite al 20′ è alto di poco. È grazie alla caparbietà del francese che la Juve conquista l’angolo da cui nasce il vantaggio: al 24′ Dybala calcia dalla bandierina, Mandzukic di testa piazza il pallone nell’area piccola dove l’unico a scattare è Barzagli, che a tu per tu con Sportiello piazza in rete e realizza il suo secondo gol in bianconero, 91 partite di campionato dopo il primo. Era il 13 maggio 2012 quando la Roccia andava a segno dal dischetto, nel giorno della festa del primo dei quattro scudetti consecutivi, proprio contro l’Atalanta.

I bianconeri continuano a dominare, nonostante un campo antipatico, le cui zolle decidono un po’ troppo spesso la traiettoria dei passaggi. L’unica giocata concessa all’Atalanta è la girata al volo di De Roon, che spedisce tra le mani di Buffon l’assist di Borriello. L’esperienza insegna che gare simili, per quanto a senso unico, possono sempre riservare sorprese e per evitarle occorrono concentrazione e soprattutto spirito di sacrificio. È emblematico quello di Mario Mandzukic che, dopo appena due minuti dall’inizio della ripresa, quando l’Atalanta parte con un velocissimo contropiede, si fa settanta metri di scatto ed è il primo ad arrivare a chiudere e ad anticipare Borriello. Il croato è una macchina: difende il pallone, pressa a tutto campo e approfitta anche di un’uscita avventata di Sportiello, rubando palla e calciando nella porta sguarnita, trovando però Toloi che riesce a respingere. L’Atalanta non crea particolari pericoli, ma mostra una buona condizione atletica e Allegri manda in campo forze fresche, inserendo Lemina e Alex Sandro al posto di Khedira e Pereyra.

Ancora una volta il tecnico ci vede lungo, perché dopo una ventina di minuti dal suo ingresso in campo, proprio nel miglior momento dell’Atalanta, Lemina inventa un gol da antologia: al limite fa fuori Paletta con un doppio passo, evita anche Toloi e spara nell’angolino l’esterno destro che chiude la partita. La Signora è ancora sola in vetta. E manca una partita in meno.

ATALANTA-JUVENTUS 0-2
RETI: Barzagli 24′ pt, Lemina 41′ stba, 6′ st Paletta, 36′ st Marchisio, 39′ st Toloi

www.juventus.com

Classifica
Juventus 64
Napoli 61
Roma 56
Fiorentina 53
Inter 48
Milan 47
Sassuolo 44
Lazio 38
Bologna 36
Chievo 34
Empoli 34
Torino 33
Sampdoria 31
Genoa 31
Atalanta 30
Udinese 30
Palermo 27
Frosinone 26
Carpi 22
Verona 18

Barzagli e Lemina stendono l’Atalanta ultima modifica: 2016-03-06T20:23:57+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi