Manfredonia
"Il Prc, come il PCdI, persegue la linea, giusta, dell’unità delle forze di tutta la sinistra"

M. Marziliano: “L’unità dei comunisti, per una casa comune”

"Nel Paese, senza tessera e senza organizzazione, stanno oggi in solitudine circa 200 mila comuniste e comunisti. Noi vogliamo, insieme, dare un progetto unitario a questa grande diaspora""!


Di:

Lettera aperta del PCdI al PRC pubblicata su “il manifesto” del 27 febbraio 2016

”Caro compagno Paolo Ferrero, care compagne e cari compagni del Prc,

noi constatiamo che, giorno dopo giorno, va costituendosi nel Paese, attorno al cosiddetto partito della nazione, un nuovo ordine liberista, di carattere strategico e subordinato ai disegni antipopolari e antidemocratici dell’Unione europea. Noi constatiamo che, sotto la pressione imperialista degli Usa e della Nato, l’Italia è sempre più vicina alla guerra. Gli interventi militari in Libia e in Siria, da parte del governo Renzi, sono disgraziatamente vicini. Noi assistiamo all’attacco forsennato, da parte del governo, del Pd e delle forze reazionarie, alla Costituzione e agli assetti democratici. Tutto ciò mentre l’imposizione dei dettami di Maastricht sta portando l’economia italiana nella stagnazione, nel crollo dell’esportazione, nell’impoverimento. C’è una continua, incessante distruzione del welfare — dalla sanità, alla scuola, ai servizi alle persone — che si accompagna ad imponenti processi di privatizzazione, mentre il lavoro, attraverso il jobs act, si struttura in una sorta di sott’occupazione di massa, dal carattere precario e socialmente disperato.

È in questo contesto, care compagne e cari compagni, che noi rilanciamo il progetto dell’unità dei comunisti e della ricostruzione di un più forte partito comunista in Italia. E per questo progetto ci rivolgiamo innanzitutto a voi, dirigenti, militanti e iscritti del Prc.

Non credete che sia nel pensiero, nella prassi, nel progetto del partito comunista che si ritrovano, per l’oggi e per il domani, i valori più grandi? Quelli della lotta contro la guerra, l’antimperialismo, l’internazionalismo, l’anticapitalismo, il progetto di socialismo. Non credete che attorno a questi valori, oggi, in Italia, siamo innanzitutto noi, i comunisti/e, che dobbiamo ritrovarci e riorganizzarci? Non credete che, oggi, le questioni che ci hanno diviso siano decantate, superate?

A noi pare di sì, e siamo pronti ad unirci. Noi siamo convinti che la gravità della situazione democratica e sociale superi di gran lunga le nostre scorie e le nostre residue differenze.

In questi giorni sono entrati in lotta gli operai del’Ilva, dell’Alcoa, della Piaggio, di Gela e di tante fabbriche e uffici e servizi. Sono lotte importanti, alcune durano da anni, ma sono di natura difensiva e soprattutto non hanno riferimenti né sbocchi politici: non è ora di offrire al movimento operaio complessivo una sponda più solida e chiara? Un partito comunista?

Il Prc, come il PCdI, persegue la linea, giusta, dell’unità delle forze di tutta la sinistra. Senza tuttavia, sopprimere, in essa, l’autonomia comunista ed anzi, all’interno dell’unità della sinistra, rafforzando il soggetto di classe e rivoluzionario: il partito comunista.

In questi anni, segnati dalla nostra divisione, ci siamo indeboliti. Nel Prc, dalla sua nascita, sono entrati e poi usciti migliaia di compagne e compagni; lo stesso Prc, in misura maggiore, e il PCdI, in misura minore, sino a pochi anni fa hanno continuato ad organizzare molte e molti. Nel Paese, senza tessera e senza organizzazione, stanno oggi in solitudine circa 200 mila comuniste e comunisti. Noi vogliamo, insieme, dare un progetto unitario a questa grande diaspora. Vogliamo, insieme, darle passione, restituirle una nuova “casa comune”, una nuova possibilità di militanza. Vogliamo, assieme, ricostruire un partito comunista ed un fronte unitario della sinistra all’altezza dei tempi e dello scontro di classe. Noi siamo pronti a scioglierci, a rinunciare al nostro partito per ricominciare uniti. Camminiamo insieme, venite anche voi?”

La Segreteria nazionale del PCdI

(testo inoltrato a Stato Quotidiano.it da Il segretario cittadino del Partito dei Comunisti d’Italia Matteo Marziliano)

M. Marziliano: “L’unità dei comunisti, per una casa comune” ultima modifica: 2016-03-06T10:00:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Gianni

    Potevate mettere una foto migliore.


  • gimbo

    Carissimo Marziliano, ancora co sti comunisti? Non ci posso credere!!! Ci avete già governati con quella ideologia e avete fatto flop. Fatevi da parte. Lasciate spazio a idee più innovative e calibrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This