FoggiaManfredonia
Le osservazioni e le proposte di modifica presentate dopo le audizioni che hanno avuto luogo nei giorni scorsi

Riordino ospedaliero: i lavori della III commissione

Il presidente della Giunta regionale si è impegnato ad una interlocuzione permanente con la commissione sanità nell’ottica di una osmosi continua

Di:

Bari. Riordino ospedaliero in III commissione: le osservazioni e le proposte di modifica presentate dopo le audizioni che hanno avuto luogo nei giorni scorsi, saranno esaminate dalla tecnostruttura assessorile; nel frattempo si svolgeranno i tavoli ministeriali sul Piano operativo 2013-2015 (in programma domani) e sui due provvedimenti approvati dalla Giunta regionale in materia di ristrutturazione della rete ospedaliera. A seguire la commissione sanità si riunirà per verificare, d’intesa con la tecnostruttura, quali emendamenti recepire. E’ questa, in sintesi, la conclusione dei lavori odierni in cui il presidente della commissione Pino Romano ha evidenziato in particolare il riconoscimento del Governatore Michele Emiliano (che ha partecipato ai lavori) al prezioso lavoro di ascolto svolto nei giorni scorsi dalla commissione, con le audizioni che hanno coinvolto tutte le articolazioni del SSR. Il presidente della Giunta regionale si è impegnato ad una interlocuzione permanente con la commissione sanità nell’ottica di una osmosi continua. Ha assicurato che le delibere approvate sul riordino ospedaliero sono da intendersi come permanentemente aperte nell’ottica della previsione di eventuali correzioni, così come hanno fatto anche altre Regioni. Il presidente Emiliano ha fatto anche riferimento alla battaglia che sta conducendo a livello centrale con la altre Regioni del Sud per ottenere parità di risorse e personale, rispetto a quelle del Nord che “si regge sulle nostre inefficienze”.

Sulla necessità di congelare momentaneamente i lavori della commissione sulla materia, con l’istruttoria sugli emendamenti affidata ai tecnici assessorili, nelle more dei riscontri dei tavoli ministeriali si erano espressi in precedenza Marco Lacarra (PD), Paolo Pellegrino (la Puglia con Emiliano), Giannicola De Leonardis (Area popolare) e Guglielmo Minervini (Noi a Sinistra per la Puglia). Nino Marmo (FI) ha espresso la necessità di una maggiore chiarezza sul procedimento per capire se ci sono effettivamente gli spazi per la discussione, anche dopo la valutazione degli emendamenti da parte dell’assessorato. L’opportunità di un documento di sostegno politico da parte dell’intero Consiglio regionale al Presidente Emiliano è stata espressa da Cosimo Borracino (Noi a Sinistra per la Puglia). Marco Galante e Mario Conca (M5S) hanno evidenziato che in alcune ASL il piano sta già cominciando a produrre qualche effetto e che lo stesso risulta carente in particolare rispetto al servizio di Emergenza urgenza e alla problematica del personale.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This