Eventi

150 anni di Unità d’Italia ‘raccontata’ da Antonio Manganaro


Di:

Stenterello (ST)

Manfredonia – PROSEGUE il viaggio ( Focus ) intrapreso da Francesco Granatiero alla scoperta delle opere del sipontino Antonio Manganaro, considerato tra i maggiori caricaturisti italiani del Risorgimento. Caricaturista anch’egli, Granatiero è animato da profonda passione verso questo artista, che considera fulgida espressione della nostra terra, e che ha portato all’attenzione del grande pubblico attraverso ricerche continue e a approfondite, che lo hanno condotto anche nei luoghi in cui il Manganaro visse e operò, ricostruendone la carriera e la cospicua produzione artistica.

Impiegato presso il Centro Informa del Comune di Manfredonia, poeta e cultore di Storia della Satira, Francesco Granatiero ha finora dato contributi fondamentali alla ricostruzione dei dati biografici del Manganaro, facendo scoperte interessanti sulle sue opere. Un filone entusiasmante è quello costituito da vignette satirico-allegoriche e illustrazioni riguardanti il Risorgimento e l’Unità d’Italia che, con perspicacia e grande determinazione, Granatiero ha portato alla luce setacciando musei, siti web e pubblicazioni specializzate. Qualche tempo fa si è imbattuto, infatti, in una caricatura non firmata, ma attribuibile con certezza al Manganaro, pubblicata sul sito www.labottegadegliorrori.it a corredo di un annuncio relativo alla vendita di alcuni numeri del periodico satirico napoletano ‘Strenna dello Stenterello’, a cui collaborò lo stesso Manganaro.

“L’illustrazione raffigura Giuseppe Garibaldi che, mentre tenta di oltrepassare i ‘confini romani’, subisce un taglio netto della gamba sinistra da parte di Napoleone III e di un altro personaggio, non facilmente identificabile”, spiega Francesco Granatiero. Alla pagina 61 del libro ‘Illustrazione e Grafica nella Stampa Periodica Napoletana dalla Bella Époque al Fascismo’ di Mariadelaide Cuozzo, stampato per i tipi di Electa, a Napoli, nel 2005, si trova riprodotta, invece, una splendida illustrazione del Manganaro risalente al 1891, quando venne pubblicata sul periodico ‘Le Varietà’, settimanale illustrato di politica, letteratura e attualità. La descrizione che ne fa Granatiero è così minuziosa che ci sembra proprio di vederlo questo Garibaldi che, “con la spada in pugno, cavalca un cavallo dal manto bruno. Il destriero appare in una corsa di possente dinamismo, molto ben rappresentata graficamente dal Manganaro, su di una corposa nuvola di fumo”.

“A destra, in primissimo piano –continua-, vi sono frammenti di ruote di carri, alcuni sassi, una palla di cannone. A sinistra, sempre in primissimo piano, vi sono alcuni stemmi e un’asta a cui si avvita uno stendardo, con riferimenti alla famosa battaglia del Volturno in cui i garibaldini sconfissero i borbonici”. Sullo sfondo si intravedono alcuni soldati che guerreggiano; in alto si legge ‘1 Ottobre 1860’, mentre in basso campeggia la scritta ‘Vittoria su tutta la linea’. “Il disegno è eseguito con ricercata raffinatezza. Si tratta, senza alcun dubbio, di una delle più belle illustrazioni cosiddette ‘popolari’ riguardanti il mito garibaldino”, dichiara Francesco Granatiero.

Altre ben 22 tavole tratte da ‘L’Album dei 500 di Montecitorio’, di Antonio Manganaro, sono riprodotte in bianco e nero nel libro di Giovanni Spadolini intitolato ‘Autunno del Risorgimento-Miti e contraddizioni dell’Unità’, pubblicato nel 1986 dalle Edizioni della Cassa di Risparmio di Firenze.

Granatiero, infine, elenca una serie di libri che, pubblicati recentemente, riportano in copertina tavole del Manganaro tratte da ‘L’Album dei 500 di Montecitorio’: ‘Briganti e Senatori. Garibaldi, Pisacane e Nicotera nel destino di un senatore del Regno’, di Alberico Bojano (Alfredo Guida Editore, 1997), vede in copertina la tav. XLII ‘I Puritani di sinistra’; alla pagina 130 dello stesso volume viene riprodotta, inoltre, una ironica vignetta del Manganaro, datata al 1866, raffigurante un vecchio e magro prelato, Giuseppe Garibaldi e il senatore Achille Del Giudice, ricco senatore borghese-liberale che favorì l’unità d’Italia.

Buongiorno onorevole-Diario di un deputato’, di Luciano Radi (SEI, terza edizione del 1973, pp. 174), riporta in copertina la tav. XX riprodotta a colori e ‘Storia d’Italia del XX Secolo’ (I volume, Editalia Poligrafica e Zecca dello Stato, 2007) riporta la tav. I. Questa illustrazione, riprodotta a colori, “raffigura l’allegoria dell’Italia che, nel 27 novembre 1871, incorona Vittorio Emanuele II”, conclude Francesco Granatiero.

“Sono estremamente grato a Francesco Granatiero per questa sua ricognizione sul campo dell’arte, che ha restituito alla memoria cittadina un maestro tanto illustre come Antonio Manganaro. Si tratta di un tassello che va a inserirsi nel quadro della storia di Manfredonia, tassello tanto più prezioso in quanto ha corso il serio rischio di essere dimenticato”, ha affermato il sindaco Angelo Riccardi. Altri sentiti ringraziamenti a Granatiero sono giunti numerosi dopo la pubblicazione della ‘prima tappa’ di questo viaggio: quelli di Letizia Frigerio per il Museo ‘Diotti’ di Casalmaggiore (Cremona); quelli di Giuseppe Diodati, direttore onorario dell’associazione culturale musicale ‘Giuseppe Verdi’ di Maddaloni (Caserta), che ha immediatamente provveduto ad attribuire al Manganaro l’illustrazione apparsa sul proprio sito; quelli di Roberta Sala e Giacomino Rodini per il blog isolacometivorrei di Isolabona (Imperia).

(Testo a cura di Teresa La Scala, ufficio stampa Comune Mf)

150 anni di Unità d’Italia ‘raccontata’ da Antonio Manganaro ultima modifica: 2011-05-06T19:54:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This