Cronaca

Pattodifoggia selezionata dal Ministero dello Sviluppo economico


Di:

Paolo Romani, ministro per lo Sviluppo

Foggia – Il Soggetto Responsabile di tre Patti Territoriali si è distinto per i risultati conseguiti nella gestione della Programmazione Negoziata. Questo è quanto comunicato dal Ministero che ha incaricato Promuovi Italia SpA, di realizzare il progetto VOPN 2, relativo all’analisi degli impatti della Programmazione Negoziata nei territori italiani. Il progetto, realizzato da Promuovi Italia Spa, in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, mira a favorire, mediante il trasferimento di metodologie e know-how, il processo di trasformazione di alcuni dei Soggetti Responsabili di Patti Territoriali verso Agenzie di Sviluppo Locale. A tal fine è prevista l’attivazione di un’Agenzia di Sviluppo in ciascuna delle dodici regioni del centro nord e due in ciascuna sei regioni del sud.

L’ufficializzazione è stata data in un incontro operativo tenutosi lo scorso 5 maggio presso la Provincia di Foggia, tra i tecnici di Promuovitalia, i rappresentati di Pattodifoggia scpa, esponenti dell’Amministrazione Provinciale di Foggia e rappresentanti delle organizzazioni imprenditoriali della Provincia di Foggia.

L’idea progettuale nasce per valorizzare l’esperienza maturata dai Soggetti Responsabili nel corso delle attività di supporto al Ministero dello Sviluppo Economico per la gestione dei Patti Territoriali. In particolare, si vogliono valorizzare coloro che nelle modalità di svolgimento delle loro funzioni e servizi hanno evidenziato casi di eccellenza gestionale. A tale riguardo, il Ministero, a seguito di una analisti delle attività svolte e dei risultati raggiunti, ha selezionato 25 Soggetti Gestori, rispetto ai 200 italiani, destinatari delle attività previste nel progetto, tra questi l’unico della Provincia di Foggia è Pattodifoggia spa.

La società consortile per azioni nata nel 1998 è costituita da 28 soci tra cui la Provincia di Foggia, otto comuni, sei banche, la Camera di Commercio di Foggia, il consorzio ASI, l’Associazione degli Industriali di Foggia e altre 10 associazioni di categoria. In questi anni ha gestito il Patto Territoriale di Foggia, il Patto territoriale di Ascoli Satriano, Candela, Sant’Agata di Puglia, e il Patto Territoriale per la Pesca. I tre Patti hanno comportato: investimenti da parte delle 71 imprese coinvolte pari a 108 milioni di euro, di cui 52 milioni di fondi pubblici pari al 48% del totale; occupazione aggiuntiva diretta realizzata dalle imprese di 533 unità; 11 interventi infrastrutturali per circa 14 milioni di euro, tra questi c’è il Centro servizi della Provincia di Foggia, il Centro di Ricerche di Manfredonia per i mangimi destinati agli allevamenti di pesce, il cofinanziamento dell’incubatore di Candela e del Centro intermodale di Ascoli Satriano, la rete telematica nell’area industriale di Ascoli Satriano, oltre ad infrastrutture primarie a Cerignola e in altre aree industriali.

“Io ritengo” afferma Nicola Biscotti, Presidente di Pattodifoggia, “che il lavoro svolto in tredici anni di attività sia stato significativo per l’economia locale, e quest’ultimo riconoscimento avuto dal Ministero, rappresenta un’opportunità di crescita e valorizzazione per la società Pattodifoggia. Ancora di più”, sottolinea Biscotti, “ritengo che tale riconoscimento sia una opportunità per l’intero territorio della Provincia che potrebbe dotarsi di un’Agenzia di Sviluppo riconosciuta dal Ministero che opererebbe a supporto degli enti locali e dell’intera economia: sia per mettere a sistema le tante iniziative di sviluppo avviate in Capitanata, sia in prospettiva della futura programmazione dei fondi FAS e dei fondi strutturali Europa 2020”.

Pattodifoggia selezionata dal Ministero dello Sviluppo economico ultima modifica: 2011-05-06T20:50:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This