Manfredonia

Allaccio abusivo, acqua gratis a Monte Sant’Angelo. Aqp rimuove


Di:

Palazzo acquedotto pugliese, immagine d'archivio

Palazzo acquedotto pugliese (Foggia, fonte: wikipedia)

Monte Sant’Angelo – TECNICI dell’Acquedotto Pugliese hanno rilevato, denunciato e rimosso in agro di Monte Sant’Angelo, Località Macchia, nei pressi di vallone dei Porci un allaccio abusivo alla rete del diametro di 40 mm capace di sottrarre risorse sufficienti a soddisfare le esigenze potabili di un piccolo centro abitato. Prosegue, intanto il progetto “Archimede” la campagna per la rilevazione e la rimozione delle situazioni di illegalità e prelievo abusivo anche domestico su tutto il territorio servito.

Dall’analisi dei dati di consumo rilevabili dalle banche dati aziendali ed il telecontrollo sono emerse circa 50.000 posizioni anomale. Tra queste, le più diffuse sono quelle relative a consumi storici atipici rispetto ai contratti sottoscritti con l’azienda e incongruità di utenze che non sono attive con servizi idrici e fognari (quelle utenze che, ad esempio, pur in presenza di un servizio idrico non dispongono di un impianto fognario). Tutte le posizioni elaborate da un gruppo di esperti in sistemi informativi e di gestione commerciale sono ora state trasferite alle unità operative locali organizzate su base provinciale che stanno effettuando le verifiche sul campo e, dove necessario, procedono al ripristino della legalità rimuovendo gli eventuali allacci abusivi e denunciandone i fruitori. Diverse decine gli allacci abusivi rilevati e rimossi, a partire dallo scorso anno su tutta la Puglia, con particolare concentrazione nell’area del Gargano, del Tarantino, del Leccese e del Brindisino, ma le operazioni si stanno estendendo a tutto il territorio servito.

Il recupero del corrispettivo per il servizio erogato, ma non riscosso, si applicherà fino a 10 anni dalla scoperta del prelievo abusivo. Una attività oggi resa possibile grazie anche all’introduzione, a partire dalla scorsa estate, della nuova flotta aziendale di officine mobili; 103 automezzi furgonati dotati della più moderna attrezzatura ed alti standard di sicurezza,che consentono interventi immediati sulle reti e la ricerca puntuale di perdite e di prelievi abusivi.

“L’acqua è un bene comune che impone diritti e doveri. In capo alla collettività quella di contribuire al mantenimento degli standard di qualità del servizio richiesti. Il servizio svolto da Acquedotto Pugliese, infatti – dicono i tecnici di Aqp – ha un costo e viene svolto senza alcun intervento della fiscalità generale, ma semplicemente grazie al pagamento di un corrispettivo da parte dei titolari dei contratti di somministrazione che, con la correttezza dei loro comportamenti, garantiscono a tutti la fruibilità del bene. Il comportamento illecito assunto da qualcuno, duole richiamare, è dannoso per Acquedotto Pugliese, che svolge la propria attività grazie al corrispettivo per il servizio reso e soprattutto, irrispettoso nei confronti di quegli utenti che onorano con puntualità le fatture, consentendo, di fatto, il servizio anche a chi non onora i suoi impegni”.

Redazione Stato, riproduzione riservata

Allaccio abusivo, acqua gratis a Monte Sant’Angelo. Aqp rimuove ultima modifica: 2011-05-06T21:00:08+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Luca Paolicelli ("Scarichi fognari nel torrente Gravina")

    Al sindaco di Matera Salvatore Adduce
    All’assessore alle Politiche per la sostenibilità ambientale, servizi per la tutela dell’ambiente, igiene pubblica Giuseppe Falcone

    Al direttore generale di Acquedotto Lucano s.r.l. ing. Enrico Gerardo Marotta

    Si segnala alle SS.LL la presenza di palesi perdite a carico della rete fognaria di Matera in corrispondenza dei tratti sottostanti via Casalnuovo (quartiere albanese) e p.zza S.Pietro Caveoso. Detto danneggiamento, provocato dalle abbondanti piogge, da circa due mesi determina prorompenti convogliamenti di acque reflue direttamente nel torrente Gravina, andando ad aggravare il già preoccupante inquinamento del corso fluviale.

    Si sollecitano pertanto adeguati interventi di ripristino per tali punti, in attesa di interventi più organici e risolutivi del problema dell’inquinamento. Si allega alla presente corredo fotografico illustrativo della situazione in oggetto.
    Distinti saluti.

    MATERAZIONE – Gruppo di Azione Civica per Matera ass. B.R.I.O. Brillanti Realtà in Osservazione sede operativa di Matera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This