CapitanataSan Severo
"Non dobbiamo dividerci. Questa è una sfida per il futuro della nostra terra, per l'avvenire dei nostri figli. Superiamo gli steccati e diciamo "no" tutti insieme all'eco mostro!!!"

San Severo, “Un comitato per fermare l’ecomostro”

Di:

San Severo. “Costruiamo insieme il Comitato Civico Cittadino per fermare il megaimpianto di compostaggio dei rifiuti organici “.

Peppino Altieri, Alessio Annolfi, Massimo D’Amico, Mariella Di Monte, Paola Liguori, Santo Mangia, Dino Marino, Rosaria Ponziano, Luigi Presutto, Pinuccio Russi, Michele Santarelli, Giorgio Sernia, Trivento Davide Cosma si rivolgono a tutti i cittadini e alle forze politiche, sociali e culturali della città di San Severo.

“Parte da oggi la sfida per fermare l’ecomostro di via Foggia. Ci auguriamo che a raccoglierla siano tutti i cittadini, tutte le forze politiche, sociali e culturali di San Severo”, così annunciano il lancio del comitato per fermare la realizzazione dell’impianto di compostaggio rifiuti organici in via Foggia, zona ex Safab e ribadiscono che si tratta di un impianto “sovradimensionato che farebbe diventare la nostra città, con la sua capacità di 60.000 tonnellate, una delle pattumiere più grandi della Puglia, in una provincia dove già insistono due impianti dello stesso tipo: a Lucera e a Deliceto e un altro è stato previsto e finanziato a Manfredonia. Hanno baypassato il Consiglio Comunale e ogni concertazione con la cittadinanza svilendo e annullando contesti di partecipazione dal basso come prevista dall’Agenda 21. Questa autorizzazione tra le altre cose potrebbe dare un duro colpo alla nostra agricoltura di pregio. Fermare questo progetto è lo scenario che ne consegue è un impegno morale e un dovere civico per ogni cittadino. Una battaglia per l’igiene pubblica, per riaffermare la trasparenza amministrativa che nulla ha a che vedere con le contrapposizioni ideologiche e le schermaglie della politica”. Il Comitato sarà ufficializzato giovedì 11 maggio, alle ore 18,30, presso la sala dell’asilo Trotta di c.so Gramsci, la stessa sera nascerà all’interno del Comitato Cittadino un gruppo scientifico formato da medici e tecnici del settore ambientale.

“Non dobbiamo dividerci. Questa è una sfida per il futuro della nostra terra, per l’avvenire dei nostri figli. Superiamo gli steccati e diciamo “no” tutti insieme all’eco mostro!!!”



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • antonio

    sig.Marino bene la battaglia contro l’ecomostro, ma vi consiglio di informare la gente anche sulle altre condotte amministrative poco chiare di questa amministrazione .
    guardate chi venne messo al comitato di impatto ambientale….chi vince i concorsi per la pedonalizzazione….poi vanno in televisione e si riempiono la bocca di legalità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This