Cronaca

Bagno a Ripoli, dentista evasore e nullatenente: sequestri Fiamme Gialle

Di:

Bagno a Ripoli, dentista evasore e nullatenente: sequestri Fiamme Gialle (image: webstorage.it)

Firenze – I finanzieri del Gruppo di Firenze hanno dato esecuzione, nei giorni scorsi, ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP presso il Tribunale di Milano – dott.ssa Maria Grazia Domanico – su richiesta del PM dott. Sergio Spadaro -, per il reato di infedele presentazione della dichiarazione dei redditi ai fini delle II.DD.. Destinatario della misura cautelare è risultato un odontoiatra fiorentino (59enne), residente a Milano ma operante nella Provincia di Firenze.

Le indagini sono iniziate lo scorso anno quando i finanzieri del Gruppo di Firenze avevano individuato un odontoiatra fiorentino che svolgeva la sua attività utilizzando tre giovani dipendenti donne (cc.dd. “assistenti di poltrona”) prive di qualsiasi titolo abilitativo per effettuare le prestazioni odontoiatriche o di igiene dentale. Il proseguo degli accertamenti permetteva di constatare che il professionista operava anche un’ingente evasione fiscale, dichiarando al fisco solamente la metà dei suoi ricavi. La restante parte, sebbene certificata mediante l’emissione della documentazione fiscale, non era dichiarata ai fini delle II.DD.. I finanzieri erano riusciti ad individuare la doppia contabilità grazie al rinvenimento di un hard disk nascosto all’interno dell’autovettura del medico, sotto il sedile anteriore dell’auto. Su tale supporto informatico il professionista aveva registrato tutte le sue prestazioni di servizio ed i relativi introiti, attribuendo una doppia numerazione alle fatture emesse. Le fatture riconducibili ad una serie numerica erano state contabilizzate, le altre non erano contabilizzate e, senza destare sospetti sui pazienti, sfuggivano alla tassazione. Con tale sistema è stata quantificata un evasione all’Erario pari ad € 448.000 per gli anni 2007/2009.

Gli accertamenti svolti dalle fiamme gialle fiorentine in ordine al patrimonio del professionista, al fine di permettere il c.d. sequestro preventivo per equivalente (fino alla concorrenza dell’imposta evasa), hanno evidenziato la riconducibilità al professionista di un conto corrente (con un saldo attivo pari a € 36.000) nonché di immobili e terreni intestati alla moglie.

Quest’ultima, sebbene nei vari anni non abbia avuto la disponibilità di redditi sufficienti a giustificare le proprie possidenze (non ha svolto alcuna attività lavorativa dall’anno 2004), è risultata proprietaria di 1 immobile di prestigio e di terreni (uliveto e terreno boschivo) situati nel comune di Bagno a Ripoli. Successivamente alle attività ispettive, è divenuta anche proprietaria dello studio di Campi Bisenzio dove il professionista esercitava la sua attività.

Il conto corrente ed l’immobile di Bagno a Ripoli, considerata la posizione economica della donna, sono stati ricondotti al professionista e quindi sequestrati.


Redazione Stato@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi