Nota stampa

Scipio, UGL: in assoluta controtendenza, in Italia si cancella il Corpo Forestale

"Il paese sta perdendo l'ultimo ed unico baluardo contro la criminalità ambientale e le eco-mafie""

Di:

Roma. “Mentre ieri, alla giornata mondiale dell’ambiente ben 193 nazioni hanno detto no al bracconaggio e alla criminalità forestale, in Italia si sta per cancellare il Corpo Forestale dello Stato, che combatte la criminalità ambientale e le eco-mafie da quasi due secoli”. A denunciarlo Scipio Danilo, Segretario Generale dell’Unione Generale Lavoratori Corpo Forestale dello Stato. “Nonostante il CFS sia l’unica forza di polizia specializzata nella repressione dei reati ambientali e forestali, Matteo Renzi ha in serbo un futuro piuttosto originale per tutti i dipendenti che ne fanno parte: la soppressione del Corpo e la riduzione alla cieca obbedienza militare, che costringerà tutti i lavoratori all’assoluto rispetto della catena gerarchica anche nelle indagini, che ora invece vengono condotte in assoluta autonomia e con la sola dipendenza dalla magistratura “.

“Il paese sta perdendo l’ultimo ed unico baluardo contro la criminalità ambientale e le eco-mafie, per colpa di un Presidente del Consiglio miope che evidentemente ha obiettivi diversi dalla tutela del nostro immenso patrimonio naturalistico”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati