Manfredonia
"La situazione rischia seriamente di sfuggire di mano"

Mezzanone, Bordo “La gente ha paura ed è costretta a barricarsi in casa”

"Chiederò – conclude Bordo - al ministro Minniti, al quale ho presentato un’altra interrogazione parlamentare, di venire personalmente a rendersi conto della situazione ed a presiedere una riunione con i vertici delle forze dell'ordine"

Di:

Manfredonia. “A Mezzanone la gente è esasperata ed ha paura. Ormai è costretta a barricarsi in casa per non correre il rischio di essere coinvolta nei raid sempre più frequenti contro gli stranieri o di essere vittima delle aggressioni da parte di migranti e richiedenti asilo che bivaccano nella piazza della borgata”. L’on. Michele Bordo, presidente della Commissione Politiche UE della Camera, rilancia l’allarme sulla “degenerazione del clima sociale all’interno del borgo che ha bisogno sempre più urgentemente degli interventi necessari a ripristinare l’ordine pubblico”.

Ogni giorno – continua Bordo – ricevo decine di messaggi e telefonate dai residenti terrorizzati e che temono per la propria incolumità.

I ragazzini non sono più liberi di giocare negli spazi aperti del borgo, i citta-dini di passeggiare e i commercianti vivono con l’ansia che scoppino tafferugli dentro e fuori i loro negozi.
Il contesto sociale, già molto difficile per la presenza di migliaia tra richie-denti asilo politico, ospitati nel vicino CARA, e migranti che trovano lavoro nei campi, molti dei quali vivono in una baraccopoli abusiva a pochi chilometri, è adesso aggravato dalla presenza di gruppetti di persone che girano armati per la borgata con l’intento di spaventare ed eventualmente aggredire i cittadini stranieri. È di ieri la notizia secondo la quale sarebbero stati esplosi colpi di arma da fuoco contro le videocamere di una scuola.

Quanto fatto fino ad oggi dal Governo evidentemente non è sufficiente. È necessario intervenire subito per ridurre drasticamente il numero degli stranieri presenti nel borgo, smantellare la baraccopoli e, soprattutto, attivare un posto fisso di Polizia. Non c’è più tempo da perdere. La situazione rischia di sfuggire di mano da un momento all’altro. I cittadini della borgata non ne possono più di vivere una condizione così difficile dal punto di vita sociale e dell’ordine pubblico.

Chiederò – conclude Bordo – al ministro Minniti, al quale ho presentato un’altra interrogazione parlamentare, di venire personalmente a rendersi conto della situazione ed a presiedere una riunione con i vertici delle forze dell’ordine per individuare le soluzioni operative più efficaci da adottare ra-pidamente e prima che sia troppo tardi”.



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • OCCHIO

    PRENDETE IL PROBLEMA CON SERIETA’…NON SI POSSONO VEDERE GENTE DI GIORNO E DI NOTTE GIROVAGARE…E INTANTO CRESCE ANCHE A DUE CHILOMETRI DA BORGO MEZZANONE UN VILLAGGIO ROM CON TANTE BARACCHE DI CARTONI MA NESSUNO VEDE..


  • La sindrome di Torino

    Nessun scandalo, nessuna meraviglia, questa il l’Italia che vuole il Pd.


  • Fonte Rosa

    Giusto! Infatti voterò o a Forza nuova o a Salvini.


  • Le ragazze straniere che offrono l'estasi dei sensi a 2 euro

    Si vede che le elezioni sono vicine.


  • Indignato

    Poveri immigrati, nei lager nazisti erano trattati meglio.


  • Franco

    Benvenuto nel mondo reale, on. Bordo: ecco il risultato delle vostre politiche di accoglienza e valorizzazione di “risorse” straniere.


  • deluso dallasinistra

    On Bordo, lei come politico oggi al Parlamento è complice di tutto questo,
    come tanti altri a solo obbedito agli ordini di scuderia
    – che forse recuperi qualcosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi