Cronaca

Tatarella e Candela: caso Amica dimostra che musica è finita

Di:

Il coordinatore provinciale di Fli Fabrizio Tatarella (ST)

Foggia – “ERRARE è umano, perseverare è diabolico. La pronuncia dei giudici d’appello, che hanno confermato la declaratoria di fallimento di Amica Spa, ha messo in chiaro che l’azione del Comune di Foggia in questi mesi, al di là delle buone intenzioni, è consistita nel nulla cosmico”. Così in una nota Fabrizio Tatarella e Candela di Fli.

“Una imbarazzante pochezza di idee che si era già manifestata all’inizio del mandato di Mongelli, quando l’unica ricetta messa in campo era stata quella di sostituire il vecchio Cda con un bravo funzionario prefettizio. Una scelta necessitata dall’emergenza, alla quale però avrebbe dovuto far seguito un piano di rilancio aziendale che è mancato, sostituito dall’idea un po’ imbarazzante che bisognasse fare piazza pulita delle “chiacchiere” e che l’Amica dovesse preoccuparsi soprattutto di spazzare le strade, come nel buon tempo antico.”

“Idea naufragata in un mare di cassonetti non svuotati e in una affannosa rincorsa dell’emergenza sociale. Negli otto mesi trascorsi dalla sentenza la Giunta si è baloccata in un’attesa dell’impossibile, tenendo in stand-by un tecnico come Raphael Rossi e non muovendo un dito per la new company che doveva sostituire la vecchia azienda. Ora ci troviamo non solo in presenza di un altissimo rischio per i livelli occupazionali, ma anche di un definitivo depauperamento della città e di una micidiale doppia emergenza: quella immediata, di un crack del servizio e di un conseguente disastro igienico-sanitario, e quella di medio periodo, che rinvia ulteriormente la questione del ciclo dei rifiuti e del loro smaltimento. Una prova di insipienza e di incapacità che non solo suggerirebbe, ma imporrebbe le dimissioni”, terminano Fabrizio Tatarella Coordinatore provinciale FLI e Umberto Candela, Coordinatore FLI Foggia.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi