Manfredonia
"Con l’arrivo della bella stagione e delle ferie estive torna anche il triste fenomeno dell’abbandono degli animali"

Sovraffollamento ENPA Manfredonia. Appello: ‘adottate i nostri ospiti’

"Siamo aperti al pubblico dal lunedì al sabato, dalle ore 12 alle ore 13. L'adozione dei nostri animali è gratuita"


Di:

Marco Lupoli, responsabile Enpa di Manfredonia (immagine d'archivio)

Marco Lupoli, responsabile Enpa di Manfredonia (immagine d’archivio)

Roma/Manfredonia – ”CON l’arrivo della bella stagione e delle ferie estive torna anche il triste fenomeno dell’abbandono degli animali. Una piaga di difficile controllo e monitoraggio che non coinvolge solo tantissimi cani e gatti lasciati a bordo strada, ma che riguarda anche un numero sempre più considerevole di conigli, cavie e animali esotici. Per contrastare questa crudeltà Enpa ha dato il via ad una strutturata campagna antiabbandono promossa anche attraverso una petizione creata ad hoc su Firmiamo.it (link: http://goo.gl/MnsDTe) e lanciata in occasione delle ‘Giornate contro l’abbandono’ del 4 e 5 luglio”.

Medesimo appello anche da Manfredonia, da parte del responsabile dell’Enpa locale Marco Lupoli: “siamo in sovraffollamento e in considerazione del periodo estivo la situazione è diventata ingestibile”. Da atti del Comune, le presenze canine registrate nella struttura di ricovero e cura del cane randagio Enpa di Manfredonia è stata al 31.12.2014 di 407 animali, di cui 12 riferibili al canile sanitario e 395 riferibili al rifugio per cani. Numeri che potrebbero essere aumentati in considerazione dei mesi estivi.

“Siamo aperti al pubblico dal lunedì al sabato, dalle ore 12 alle ore 13. L’adozione dei nostri animali è gratuita, nessun onere per coloro che vorranno adottare i nostri bellissimi ospiti. Parliamo di animali sverminati, vaccinati e sterilizzati. Non sono mancate richieste di cani di razza – sottolinea Lupoli – ma ricordiamo che l’Enpa di Manfredonia non effettua servizio di commercializzazione di questa tipologia di animali ma unicamente dei propri ospiti, in gran parte meticci”. Come da atti del Comune, si ricorda che “le eccedenze, rispetto alla capacità ricettiva” della struttura Enpa (che di recente ha usufruito di un’ulteriore proroga per il servizio nel territorio – “sono riconducibili ad ingressi, debitamente autorizzati dal Comune di Manfredonia in deroga a detta ordinanza sindacale, per salvaguardare il benessere degli animali, in termini di alimentazione ed assistenza sanitaria a numerosissimi cuccioli abbandonati e cani malati, feriti o anziani, nonché al fine di salvaguardare l’incolumità pubblica riferibile a cani aggressivi”.

Redazione Stato

Sovraffollamento ENPA Manfredonia. Appello: ‘adottate i nostri ospiti’ ultima modifica: 2015-07-06T13:34:50+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Marco

    Il sovraffollamento del canile è un chiaro segno del modo errato con cui si è (non) cercato di far fronte a questo fenomeno nel corso degli ultimi anni con un aggravio della spesa pubblica da parte del Comune per centinaia di migliaia di euro. Ma il fatto peggiore è che chi è stato politicamente responsabile di tutto questo nei recenti anni ovvero l’assessore Varrecchia (sonoramente bocciata dagli elettori) è stata pure promossa dal sindaco a ricoprire nuove e diverse deleghe assessorili. Ma come è possibile?!?! Senza dignità! Mentre noi cittadini continuiamo a pagare le tasse per mantenere in piedi questo teatrino…


  • Tony

    ..per anni ed ora pagano i poveri animali…….non si è mai fatto niente…..


  • amo i cani

    E come mai si son svegliati adesso? Non hanno più un profilo facebook.. non c è un appello … una pubblicità… ma davvero vogliono farli adottare questi cani o no?
    Non voglio essere cattivo ma per ogni cane che hanno in carico prendono soldi.. a questa associazione io non credo mi dispiace.. ma mi dispiace di più per i cani che son li dentro…


  • giorgia

    Una societù è civile se le istituzioni lo sono insieme ai privati, i cittadini. Se i privati capissero finalmente che STERILIZZARE in un territorio ad alto tasso di randagismo come il Gargano (e ahimé tutto il Sud Italia) è civiltà il canile di Manfredonia non sarebbe affollato, non verrebbero gettati nel mondo animali destinati alla fame e all’incuria, si risparmierebbero soldi pubblici. Purtroppo troppo spesso è sempre la solita storia, cani femmine padronali legate alla catena non sterilizzate o libere di vagare, ingravidate e cuccioli su cuccioli, affidati dai privati ad altre persone che non sterilizzeranno le femmine o incivilmente abbandonate qua e là. Ricordo che la moltiplicazione dei cani non è addittiva ma esponenziale. Una cana femmina che fa sei cuccioli di cui tre femmine dopo solo 7 mesi creerà almeno 23 cani, sei figli suoi della seconda cucciolata e sei figli a testa delle sue tre figlie femmina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi