GarganoManfredonia
Dagli chef di Capitanata al “matrimonio gastronomico” con i presidi Slow Food delle zone terremotate

La Festa delle Fave di Carpino che unisce il Gargano e non solo

Il programma della serata, che si terrà presso l’agriturismo L’Oasi, prevede alle 18 una dimostrazione pratica della Pesatura delle Fave di Carpino

Di:

Foggia. Il 22 luglio l’associazione Fave di Carpino organizza una serata di festa dedicata al legume omonimo, lo speciale “ecotipo” di fava conosciuta e apprezzata ormai in tutt’Italia (tanto che la piccola produzione va subito a ruba).

Dalla affollata sagra dell’estate carpinese ai percorsi avviati col presidio Slow Food, fino alla partecipazione a tante fiere, anche internazionali, la Fava di Carpino ha riscosso sempre un grande successo fino ad arrivare nello spazio con Samantha Cristoforetti, grazie alle sue caratteristiche culinarie che la rendono diversa, più tenera al palato, più saporita ma soprattutto ricca di nutrienti.

Una iniziativa di valorizzazione del prodotto dunque, ma anche del lavoro antico dei vecchi contadini che hanno saputo tramandare fino a noi il seme con quel lavoro manuale che, ancora oggi, è richiesto per avere la fava sulle nostre tavole; suggestive le fasi della raccolta, dallo sfalcio delle piante fino alla setacciatura del legume dalla pagliuzza grazie al vento che arriva dal lago di Varano e accarezza i terreni (e ovviamente sabato 22 non mancheranno dimostrazioni delle fasi del lavoro).

Per questa quarta edizione – aggiunge il Presidente – grazie alla Condotta Slow Food Gargano nord che rappresentiamo, abbiamo voluto creare un ponte tra Puglia e zone terremotate organizzando una cena a buffet dal titolo “Abbracciamo la Terra che Balla”, che vede sposarsi a tavola i prodotti enogastronomici Presidi Slow Food pugliesi e quelli dei territori colpiti dal sisma nel 2016. L’evento si arricchisce ancor più di valore perché vede in azione sinergie importanti come il sostegno del Parco Nazionale del Gargano, il supporto fondamentale del Comune di Carpino e quello gastronomico dell’Associazione Cuochi del Gargano e di Capitanata”.

Il programma della serata, che si terrà presso l’agriturismo L’Oasi, prevede alle 18 una dimostrazione pratica della Pesatura delle Fave di Carpino secondo le antiche tradizioni, alle 20 una Cena a buffet, “Abbracciamo la Terra che Balla”, con prodotti Presidi Slow Food Pugliesi e dei Territori colpiti dal Terremoto nel 2016, con la collaborazione dell’Associazione Cuochi Gargano e Capitanata. Infine, alle 21.30 lo spettacolo La Malachianta dell’attore teatrale Nazario Vasciarelli.

Per informazioni e iscrizioni contattate il numero 3921195508 o collegatevi alla pagina Facebook “Associazione Fave di Carpino”

La Festa delle Fave di Carpino che unisce il Gargano e non solo ultima modifica: 2017-07-06T15:53:54+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi