Manfredonia
A cura di Benedetto Monaco

Manfredonia “Power Rangers” nei Parchi giochi per ‘contrastare’ il degrado cittadino?

Un tempo l’area del Castello era presieduta da custodi che potevano fare ammende a coloro che “distrattamente” sporcavano o arrecavano danno alla cosa pubblica

Di:

Manfredonia. Una città che vuol dirsi turisticamente appetibile deve rappresentare un buon biglietto da visita innanzitutto per i suoi cittadini, che volendo possono contribuire a preservarla e migliorarla. In questi giorni sono diversi i manfredoniani che hanno segnalato una situazione di degrado in città a iniziare dal parco giochi prossimo al castello di Manfredonia. Da diverse testimonianze si evince l’incuria dei luoghi dove i piccoli dovrebbero crescere in modo ludico e sicuro, ma anche lontani da rischi sanitari dovuti ad animali indesiderati come i ratti.

Tanti cittadini raccontano di aver notato delle vere e proprie pantegane aggirarsi anche nei parchi giochi vicino alla villa comunale; c’è chi li ha notati addirittura mentre tentavano di arrampicarsi sui pochi alberi presenti vicino l’area giochi. Escludendo delle trappole per topi in un luogo frequentato da bambini, una soluzione potrebbe essere una lotta biologica, pare che i topi temano i gatti ed il pepe. Ed un po’ di pepe andrebbe consigliato anche a chi d’autorità è preposto alla sicurezza e fruibilità degli spazi pubblici.

Limitandoci all’area prossima al castello le immagini documentano uno stato d’incuria alimentato dall’inciviltà di alcuni cittadini: strutture ludiche in rovina ed inadeguate spesso compromesse da ragazzi che non hanno ancora acquisito la consapevolezza di essere cresciuti e quindi di non poter continuare a giocare in aree studiate per i più piccoli. Inoltre, un tempo tali aree erano custodite da recinti, cancellate che facevano stare tranquilli anche i genitori più distratti evitando che gli infanti si potessero allontanare dall’area di gioco ed arrischiarsi in strade trafficate ed ad alto scorrimento. Tanti genitori si domandano che non sia il caso di ripristinare tali recinzioni e dotare quei luoghi anche di servizi igienici e presidi sanitari che ci farebbero progredire sapientemente.

Un tempo l’area del Castello era presieduta da custodi che potevano fare ammende a coloro che “distrattamente” sporcavano o arrecavano danno alla cosa pubblica, non sarebbe anche questa una soluzione per chi vive nella “terza Repubblica”? E pensare che un tempo abbastanza recente una guida turistica per sbarcare il lunario, non potendo lavorare come altri suoi colleghi, per la contemporaneità con cui si sono chiusi gli attrattori turistici, aveva proposto all’amministrazione una soluzione originale.

Ad esempio, si immagini dei “Power Rangers” la cui funzione potrebbe essere quella di custodire e valorizzare la villa prossima al Castello. Sostanzialmente tali figure professionali con una divisa simile a quella di alcuni anime potrebbero sostituire quella dei custodi di un tempo potendo emettere ammende ai trasgressori di regole civili e rammentare la storia locale, anche chi vuol sentirsela raccontare. Magari un giorno potremo sentirci raccontare di come la civiltà coltivata nei luoghi dell’infanzia sia giunta a quella adulta, premiata anche per qualche trovata che ha fatto crescere il benessere sociale assieme a quello economico e culturale.

FOTOGALLERY

(A cura di Benedetto Monaco, Manfredonia 06.08.2016)



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Pasquino

    Amministratori di Manfredonia datevi da fare per ripristinare lo stato dei luoghi. E’ pur vero che ci sono cittadini incivili ma la vostra inerzia grida vendetta al cielo. Che brutto biglietto da visita per i turisti.


  • ezio

    Da 8 anni fino a 99 anni avranno pure il diritto di quale attivita fisica o ginnica ? Pare di no, infatti la città è piena di parchi per neonati, gli altri si arrangino.


  • Franko Am

    ezio, questo non giustifica il comportamento di certa gentaglia ignorante come la m. i parchi devono essere utilizzati come si deve e le regole civiche rispettate. spero che l’iniziativa abbia affetto e propongo pure che il comune si attivi per fornire altri posti per ragazzi adulti in cui magari fare corsa, attività fisiche o ludiche, sperando sempre che non vengano poi distrutte dai soliti vandali incivili e vigliacchi. però, caro comune, nella persona del sindaco, perché non far pattugliare ogni tanto le zone così da beccare qualcuno in flagranza e fargli un bel verbale che se lo ricorda per un po’ di tempo???!!


  • Manfredonianomaevoluto

    Si dice sempre che in questo paese manca lavoro. Ma la possibilità di creare lavoro esiste eccome! Ci sono dei giochi nel parco dei bambini con delle transenne messe dal comune da molto tempo e non potrebbero essere utilizzati, ma sono sempre pieni di bambini. Sono stati poi fatti i lavori attorno al castello e quell’area è abbandonata oltre al fatto che il punto di accesso è uno solo; il resto degli ingressi è sempre stato chiuso con lucchetti… Ma di quale biglietto da visita stiamo parlando? La villa e tutta l’area del castello ha bisogno di almeno una persona che stia la a controllare. Spero che l’amministrazione comprenda e prenda “al più presto ” provvedimenti


  • Cittadino indignato

    Lo stanno facendo di proposito i poteri forti, Manfredonia l’hanno portata alla disperazione occupazionale, al degrado totale, persino il calcio sull’orlo del fallimento, affinchè potesse inserirsi qualcuno che portasse un pugno di posti di lavoro posti di lavoro, salvasse il Manfredonia calcio e che potesse costruire un deposito gas in zona critica (sismica e protetta) manco in Libia piuttosto che in Somalia o in Siria avrebbero potuto costruire un deposito di 60.000 milioni di litri e con tutto quelo che ne consegue. A Manfredonia si può..


  • Manfredonianomaevoluto

    Una città, Manfredonia, turisticamente appetibile…. Se si realizza il deposito Energas, che cosa diventerà? Una città industriale? Ma chi ne beneficia, a parte qualche politico, coloro che realizzano l’opera e la stessa Energas (70% royalties sulla capacità produttiva nominale, che pagherà lo Stato, quindi noi)? Ma quanti posti di lavoro perderà la nostra città in cambio di quei 20 posti di cui la metà non saranno nemmeno di Manfredonia. Altro che biglietto da visita….


  • MANFREDONIA E I SUOI ABITANTI COLONIA DELLA Q8

    E’ UNA PURA FOLLIA!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati