Manfredonia

CARA Mezzanone, valutazione su anomalie della Cri – Video


Di:

tendopoli-esterno

tendopoli-esterno (image Fp)

Foggia – SARA’ una Commissione di professionisti del territorio (cd ‘Commissione per la valutazione dell’offerta anomala – commissione nominata stamane a Foggia dal Prefetto dottore Antonio Nunziante) a valutare le difformità economiche emerse nell’offerta presentata dalla Croce Rossa Italiana, attraverso il relativo Comitato Provinciale di Foggia (lo scorso 19 gennaio 2009) per l’appalto avente ad oggetto “l’affidamento della gestione del Centro di accoglienza per immigrati sito in località Borgo Mezzanone”. Una valutazione fondamentale e che replica pertanto, come precisato stamane dalla Prefettura, quella già redatta in occasione dell’analoga stima, redatta da una passata Commissione, relativa all’altra offerta anomala inserita nel piano di gestione finanziario presentato dal consorzio Connecting People per l’aggiudicazione del bando relativo alla gestione del C.a.r.a. di Mezzanone.

DUE pertanto le ipotesi: valutazione a favore delle motivazioni arrecate dalla Cri per giustificare l’offerta economica presentata (che si ripete, come la Connecting People, risultò ‘anomala’) e relativa assegnazione della gestione del Cara allo storico ente di diritto pubblico italiano (“non economico con prerogative di carattere internazionale” e gestore dal 1997 al 2009 del Cara di Borgo Mezzanone). Al contrario rigetto delle stesse motivazioni apportate dalla Cri (per giustificare l’anomalia nell’offerta economica) e revoca relativa dell’incarico assegnato alla Croce Rossa Italiana per la gestione del Cara, e con la recente sentenza del Tar di Bari, dichiarante l’annullamento delle disposizioni del Prefetto di Foggia ( La sentenza integrale del Tar della Puglia di Bari, sentenza depositata lo scorso 1 settembre, con camera di consiglio del 4 giugno 2010 ) risultante pertanto “illegittima”.

IN OGNI MODO, SEMPRE PIU’ CONCRETO IL RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO DA PARTE DELLA CONNECTING – In ogni caso, qualora le motivazioni della Cri fossero accolte dalla Commissione nominata stamane dal Prefetto di Foggia dottor Antonio Nunziante, l’Avvocatura dello Stato (organo statale, si ricorda, istituzionalmente preposto alla tutela legale di pubbliche amministrazioni”) valuterà a sua volta la sentenza del Tar della Puglia di Bari, prima sezione (come deciso in Bari nella camera di consiglio del giorno 9 giugno 2010 con l’intervento dei Magistrati: Corrado Allegretta, Presidente; Doris Durante e Giuseppina Adamo) decidendo se impugnarla e dunque fare appello al Consiglio di Stato. Un appello al Consiglio di Stato che è stato dato come “certo” all’interno degli ambienti del consorzio siciliano Connecting People, con gli operatori attualmente all’interno del Cara a continuare a svolgere il proprio lavoro.

NEL CASO DI ACCOGLIMENTO DELLE MOTIVAZIONI, GESTIONE IMMEDIATA DEL CARA – In ogni modo, nel caso di un accoglimento favorevole delle motivazioni apportate dalla Cri, atte a giustificare l’offerta anomala emersa in seno al piano di gestione economico, la Prefettura di Foggia dovrebbe provvedere già il giorno successivo a revocare l’incarico affidato alla Connecting.

Previsto un incontro (come si riporta al termine del testo) fra lo stesso Prefetto di Foggia Nunziante e il direttore generale della Cri, la dottoressa Ravaioli, anche per risolvere una presunta crisi economica che avrebbe colpito le casse dello storico ente di diritto pubblico italiano.

LA STORIA – IL BANDO DI GARA DEL 2009– Si ricorda, che la Prefettura-U.T.G. di FOGGIA aveva bandito una gara, lo scorso 19 gennaio 2009, per “l’affidamento della gestione del CDA/CARA di Borgo Mezzanone, con una capienza pari a 778 posti disponibili” e, conseguentemente, per “l’affidamento dei contratti per le forniture ed i servizi (in seguito solo Appalto) allo scopo necessari”.

TUTTO SUL RICORSO PER LA SOSPENSIVA DELL’AGGIUDICAZIONE DI GARA – Dopo la graduatoria finale (vincitore: Connecting in People), la Cri fece ricorso al Tar ( Il ricorso della Cri), chiedendo l’annullamento di tutti i Verbali della Commissione Aggiudicatrice, in particolare di “quello relativo l’aggiudicazione provvisoria a favore di uno dei partecipanti alla gara, dei diversi verbali della Conferenza dei Servizi del 2009 (..) dello Schema di Capitolato di Appalto per la Gestione dei Centri di Accoglienza per Immigrati, approvato con Decreto del Ministro dell’Interno in data 21.11.2008”.

L’Appalto era stato affidato con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, “con applicazione dei parametri di valutazione e dei criteri di attribuzione dei punteggi riportati nella scheda denominata struttura dell’offerta allegata al Capitolato”.

SCOPO SOCIALE: CONNECTING AMMESSO INIZIALMENTE CON RISERVA – IL 25 febbraio 2009, la Commissione aggiudicatrice esaminava le offerte pervenute. Relativamente alla domanda di partecipazione presentata dal Consorzio Connecting People rilevava che “…per quanto concerne i Requisiti minimi di partecipazione, di cui al punto 10 dell’Avviso, il Consorzio ha come iscrizione alla Camera di Commercio, sotto la voce Attività quella della promozione e organizzazione di attività poste ad aiutare soggetti che vivono in condizioni di disagio ed emarginazione”. La Commissione decideva di ammettere con riserva Connecting People, ritenendo necessario acquisire chiarimenti, anche attraverso appositi pareri richiesti all’Avvocatura Distrettuale di Bari, relativamente alla necessità contrattuale per la quale erano ammessi a presentare offerte “…organismi che abbiano nei propri fini istituzionali quello di operare in un settore di intervento pertinente con i servizi oggetto dell’Appalto”.

CONNECTING AMMESSO DEFINITIVAMENTE ALLA GARA LO SCORSO 27 MAGGIO 2009 – Il 27 maggio 2009, la Commissione, ammetteva definitivamente alla gara il Consorzio Connecting People. Si era ritenuto, infatti, che l’attività di “promozione e organizzazione di attività poste ad aiutare soggetti che vivono in condizioni di disagio ed emarginazione” potesse corrispondere a quella di “…operare in un settore di intervento pertinente con i servizi…oggetto dell’appalto”.

QUALITA’ DEL SERVIZIO: PER CRI E CONNECTING ASSEGNATI INIZIALMENTE 60 PUNTI – In seguito l’esame della documentazione (offerta tecnica) presentata dalle ditte partecipanti e contestualmente all’attribuzione dei punteggi. Il Capitolato prevedeva l’obbligo di garantire la contemporanea presenza in servizio di 17 operatori di accoglienza per la fascia diurna, ore 8,00-20,00 e n. 7 operatori, per la fascia notturna ore 20,00-8,00. La Cri ottiene con riferimento alla qualità del servizio 60 punti (per numero operatori per l’accoglienza, diurni e notturni, in aggiunta al minimo di 24 richiesti dal bando, per la struttura organizzativa del servizio e delle proposte migliorative. Anche Connecting People ottiene 60 punti.

L’OFFERTA ECONOMICA – La Cri di Foggia offriva un prezzo annuale per l’espletamento del servizio Euro 7.927.176,00 ed un prezzo su base triennale: Euro 23.781.528,00. La Connecting People un prezzo annuale di Euro 7.099.041,98 ed un prezzo su base triennale di Euro 21.297.125,94. Il 13 agosto 2009 la Commissione rettificava il punteggio relativo all’Offerta Tecnica, pari a 60, attribuito al Consorzio Connecting People, in 58 punti (meno due punti, in considerazione del fatto che il Consorzio aveva iniziato la propria attività dall’anno 2006 e non pure dal 2004). In conclusione: per Connecting People – Offerta Tecnica + Offerta Economica = 58+40= 98 punti. Per la Cri di Foggia: 60+35,82 = 95,82 punti. Di seguito le altre cooperative (terza il Consorzio Cooperative Sociali “OPUS” Opere Pugliesi di Utilità Sociale).

L’AGGIUDICAZIONE PROVVISORIA – Il 9 novembre 2009, con verbale n.8, la Commissione aggiudicatrice, dichiarava l’aggiudicazione provvisoria a favore del Consorzio Connecting People, dell’appalto per la Gestione del Centro di accoglienza per immigrati di Borgo Mezzanone (CDA e CARA), per l’importo complessivo di Euro 21.297.125,94.

VERBALE CONFERENZA SERVIZI DEL 4 NOVEMBRE 2009: “OFFERTA NON ANOMALA” – NEL verbale si dava conto della circostanza che con verbale del 4 novembre 2009 la Conferenza dei Servizi all’uopo indetta, con provvedimento del Prefetto, adottato in data 17 settembre 2009, aveva dichiarato all’unanimità l’offerta del Consorzio Connecting People “non anomala”. Successivamente, con decreto del 20 novembre 2009, “solo recentemente conosciuto”, la Prefettura di Foggia aveva provveduto ad aggiudicare l’appalto relativo per la gestione del Cara.

I PARTICOLARI DEL RICORSO – Nel proprio ricorso la Cri aveva evidenziato ‘la violazione e falsa applicazione del T.U. dei contratti pubblici’, violazione e falsa applicazione dell’articolo 10 dell’avviso pubblico, oltre a riferimenti al Capitolato d’appalto per la gestione nel Cara; eccesso di potere “sotto il profilo della contraddittorietà”, nonché “travisamento, sviamento, difetto d’istruttoria e motivazione”.

UN’OFFERTA ECONOMICA “ANORMALMENTE BASSA” – Difatti, con provvedimento del 21 agosto 2009, la Prefettura di Foggia comunicava alla Connecting People che la propria offerta, economicamente più vantaggiosa, risultava “anormalmente bassa”, invitando in seguito la C.P. a produrre “adeguate giustificazioni in merito agli elementi costitutivi dell’offerta medesima e a fornire esaustive ed analitiche indicazioni con le relative giustificazioni in ordine alle voci di costo che concorrono alla costruzione dell’offerta economica presentata”, con indicazione esplicita, tra l’altro, del “rispetto del costo del lavoro”, “costi della sicurezza”, “…modalità attuative attraverso le quali verranno realizzate le prestazioni ulteriori nell’ambito dei servizi” e altro.

A SETTEMBRE 2009 NUOVO PIANO DEI COSTI CON AGGIORNAMENTO DELLE SINGOLE VOCI – Con nota del 7 settembre 2009 la Connecting People, forniva “giustificazione a totale conferma della congruità e correttezza dell’offerta formulata” ed allegava “il piano dei costi con relativo aggiornamento delle singole voci e dei relativi preventivi di spesa, nel rispetto offerta economica formulata”. Pertanto, a seguito dell’apertura della procedura di anomalia dell’offerta la Connecting People aggiornava l’originaria offerta economica formulata in sede di partecipazione alla gara lasciando inalterato il costo complessivo dell’offerta stessa.

TAR: “OFFERTA NON AGGIORNATA MA COMPLETAMENTE MODIFICATA” – In sede di procedimento per anomalia dell’offerta la Connecting People affermò di aver effettuato una “mera rimodulazione dell’offerta”, che sarebbe consentita per giurisprudenza consolidata, secondo la quale “è possibile spostare i costi delle singole voci dell’offerta senza incidere né sull’importo globale dell’offerta né sui singoli prezzi”. Tuttavia, secondo il Tar, dall’analisi del prospetto costi allegato dalla Connecting People nella nota di giustificazione del 7 settembre 2009 appare evidente che la medesima “non aveva provveduto semplicemente a rimodulare il costo del lavoro, ma ha di fatto, formulato una nuova offerta. Dal confronto tra la prima e la seconda offerta oltre alla sostanziale mutazione del costo del lavoro emerge che l’offerta tecnica originariamente formulata è sta completamente modificata”.

L’intervista con A.Gemma, rappresentante Rdb Foggia (St)

CARA Mezzanone, valutazione su anomalie della Cri – Video ultima modifica: 2010-09-06T14:55:31+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • Marco

    Se vincerà la CRI, ci sarà da ridere.
    Voglio proprio vedere come faranno a pagare la gestione se con 50.000 mensili non si pagano nemmeno i 30 dipendenti “statali” !!!!
    Figuriamoci aggiungerci quelli della Connecting e tutti i collaboratori e i fornitori di beni e servizi.
    A meno che non vogliono ripulire le casse dell’ente CRI.
    Ma tanto ci sono già abituati!!!
    Anche Rocca con una ordinanza ha sprecato un milione di euro per prorogare i contratti fino al 15 settembre “posteggiandoli” a destra e a manca.
    Altro che Trento !!!


  • luca

    In sei mesi è stato raggiunto un alto livello di qualità del servizio. Di questo ne sono coscienti la Prefettura, la Questura, l’Acnur, Save the Children e le organizzazioni operanti. Speriamo che l’alta qualità continui ad essere garantita.


  • SEBASTIANO

    LA CRI HA GESTITO PER 15 ANNI IL CAMPO DI BORGO MEZZANONE E GIA’ NEL 2007 CI E’ STATO DATO L’ECCELLENZA DEL COMMISSARIO EUROPEO PER I DIRITTI UMANI(andatevi a leggere il servizio giornalistico)
    ORA CHE LA CONNECTING PEOPLE CON ONESTA’ DUBBIOSA VOGLIA DISTRUGGERE UN ENTE DALLA QUALE NON E’ NEMMENO UNA MINUSCOLA POLVERINA CE’ DA RIDERE A CREPAPELLE
    PER QUANTO LE ASSUNZIONI ALLA QUALE LA CONNECTING VOLEVA ASSUMERE I LAVORATORI C.R.I NOI QUEI CONTRATTI DI SFRUTTAMENTO
    X I LAVORATORI (mi ricordo— voi dovete solo pulire le camere ed i bagni)
    domanda ma la nostra proffessionabilitaì RISPOSTA A NOI NON SERVE.

    P.S.capisco la perdita di un posto di lavoro e me ne dispiace ma questo non vi autorizza a gettare fango sulla c.r.i secondo marchio conosciuto in tutto il mondo


  • anna

    carissimo Marco /Luca non vedo cosa ci sarà da ridere x tè lavoratore
    io penso che ti metterai a piangere anche se questi personaggi vostri datori di lavoro sono abituati a giocare ( non pulito) e non vorranno lasciare le loro opere pie…sic!incompiute. 6 mesi con 60 ospiti c’era da mettere la testa sotto terra se non eravate in grado di gestirli (400 sulla pista???? ) noi abbiamo gestito un campo di 1200 ospiti e non 60 con pane ed acqua (in modo figurato) quindi vi consiglio di lavorare facendo in modo che gli ospiti non soffrano per il loro distaccamento dalle famiglie venendo in un paese dove ci sono condizioni di vita nuove x loro (religione,usi,costumi e quant’altro)senz’altro sono più coraggiosi di voi. quindi cercate di chiedere come ci si comporta con tali persone che da quello che voi dite li presentate come merce. questo dovete imparare! E la cri ve lo può insegnare – Con simpatia ANNA


  • Redazione

    Dalla Redazione un nuovo invito alla moderazione. In qualche modo state condividendo l’analoga situazione a livello lavorativo. Grazie, Red. STATO


  • SEBASTIANO

    GIA’ DA 15 ANNI LA CRI GESTISCE IL CAMPO DI B, MEZZANONE AVENDO AVUTO NEL 2007 DURANTE UNA ISPEZIONE, L’ECCELLENZA DEL NOSTRO CAMPO CON 1200 OSPITI PRESENTI NEL CAMPO(andatevi a leggere il servizio se non lo trovate potete chiedermelo) ORA ACCAMPARE QUESTI MERITI CON UNA CAPIENZA DI APPENA 60 OSPITI SAREBBE UN OLTTRAGIO AL BUON GUSTO NON SAPER GESTIRE TALI POTENZIALITA’
    SE DOVRETE PRENDERLA CON QUALCUNO PRENDETEVELA CON LA CONNECTING CHE HA GIOCATO IN UN MODO NON ONESTO NON SO’ SE E LORO ABITUDINE GESTIRE IN MODO SUBDULO LE PROBLEMATICHE VI RICORDO CHE LA CRI E’ IL SECONDO MARCHIO CONOSCIUTO AL MONDO E QUINDI PRIMA DI PARLARE DELLA CRI SCIAQUATEVI LA BOCCA CON ACIDO MURIATICO .
    LA CONNETTING NON LA CONOSCONO NEMMENO IN SICILIA
    A NOI DISPIACE LA VOSTRA PERDITA DI LAVORO MA QUESTO NON VI AUTORIZZA A GETTARE FANGO SULLA CRI .
    IN QUANTO ALLE 50.000 EURO MENSILI SIETE VERAMENTE INFORMATI MALE ANDATEVI A LEGGERE IL CAPITOLATO (vi stanno sfruttando st….i)
    PER QUANTO RIGUARDA LE ASSUNZIONI ALLORA PROPOSTE PER NOI DALLA CONNECTING CONSISTEVA IN SFRUTTAMENTO E DISTRUZIONI DELLE NOSTRE PROFESSIONALITA’ AQUISITE DURANTE 15 ANNI DI SERVIZIO AL CAMPO.
    ABBIAMO DETTO NO!!!!!!!!!
    SIAMO ABITUATI A LAVORARE CON DIGNITA’ E PROFFESSIONALITA’

    PER QUANTO RIGUARDA A DESTRA ED A MANCA VI RICORDO CHE ABBIAMO GESTITO LA DIALISI/EVENTI SPORTIVI/CAMPO NOMADI CON 109 PERSONE SE QUESTO VUOL DIRE BUTTARE I SOLDI, VUOL DIRE CHE NON SAPETE NEMMENO COSA SIA LA SOLIDARIETA’CRISTIANA ANCHE SE VI AVVALATE DI PRETI CHE DOVREBBERO INSEGNARVI LA SOLIDARIETA’.
    PREGO PER VOI !!!!!!!!!


  • Paola

    Farsi fare la morale da chi ha ……, e sottolineo …. (sottratto – moderazione) il posto di lavoro ai cittadini italiani e soprattutto ai foggiani, è veramente il colmo dei colmi.

    E va bene che l’Italia è diventata la nazione dei comici ma dire che i “lavoratori” della CRI di Foggia sono professionali è troppo. Prima di essere “assunti”, facevate (in base alle dichiarazioni della stessa lettrice, ndR) il meccanico, l’agricoltore, il pittore, l’idraulico, il fabbro, lo scrittore, gli studenti, le estetiste, ecc. e mi sa che c’era pure problemino penale e di idoneità fisica.

    Non mi sembra che eravate i professionisti dell’emergenza e dei migranti. (…..)
    (…)
    Dovreste vergognarvi e tacere in queste situazioni che ora vedono coinvolte altre associazioni e l’Emblema (non il marchio, ignorante) della CRI. La CRI ha speso molto per voi, credo che sia arrivata l’ora di andare a lavorare davvero. Avanti.


  • SEBASTIANO

    CARA PAOLA MA PERCHE’ TE LA PRENDI TANTO, FORSE TI HANNO BOCCIATA ALLE SELEZIONI DEI CITTADINI CHE HANNO TOLTO IL POSTO AI FOGGIANI? (razzista!!!!! noooooo!!!!) SI SIAMO MECCANICI.AGRICOLTORI,IDRAULICO,FABRO
    EMBEE!!!!!!!!!!!

    LAVORI PER PERSONE CHE ………….E TU VORRESTI FARE LA MORALE A NOI??? MA VERGOGNATI!!!!!!!!!!!!!!!

    MARCHIO O EMBLEMA NULLA CAMBIA

    PAOLA TI CONSIGLIO DI FARE LA CODA SEMPRE CHE NON TI CACCIANO DI NUOVO DALLA CRI.
    VI RIPETO VOI SIETE ABITUATI A VEDERE IL PROSSIMO(vedi profugo) COME MERCE …… E PARLATE DI PREZZI

    PER LA PROFESSIONALITA’ TI RIPETO 1200 E NON 60 CAPISCO CHE QUESTO TI FA’ SENTIRE MALE MA E’ LA REALTA’ FATTENE UNA RAGIONE. NOI LAVORIAMO PER UN ENTE ONESTO CHE ESISTE PER ALLEVIARE LE SOFFERENZE


  • Paola

    Ma di quali selezioni stai parlando?
    Delle più bieche raccomandazioni da prima repubblica?
    Dalle tue affermazioni si nota la totale ignoranza dei Principi della CRI e della sua storia.
    …….(omissis)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi