Manfredonia
Nota stampa

“Valorizziamo i porti a cominciare da quello di Manfredonia”

"A questo proposito – conclude Gelsomino – un ruolo determinante lo potrà svolgere la nuova autorità portuale del Basso Adriatico"

Di:

Manfredonia. In provincia di Foggia sembrano essere positivi i primi riscontri sulla stagione estiva agli sgoccioli. In attesa dei risultati ufficiali su presenze e arrivi, in Confcommercio giungono segnali soddisfacenti da parte di molti operatori turistici che hanno visto un buon riscontro alle loro proposte per la stagione 2016.

E’ evidente, dunque, che l’offerta estiva del Gargano, prevalentemente incentrata sul mare, continua ad attirare. Ma è altrettanto chiaro che per sviluppare e dare maggiore redditività al settore è necessario allungare la stagione e riuscire ad intercettare nuovi target. Per questo l’organizzazione di categoria presieduta da Damiano Gelsomino guarda con particolare interesse e soddisfazione all’iniziativa imprenditoriale di chi punta ad attirare sul Gargano le piccole navi da crociera di lusso.

“L’esperienza di Vieste, a cui seguirà quella su Manfredonia di ottobre – commenta Gelsomino – sono segnali di una vitalità dei nostri operatori sempre alla ricerca di nuove opportunità. Il prodotto mare sul Gargano può essere declinato in vari modi e certamente può rivelarsi una scelta vincente puntare sulla unicità italiana in Adriatico della costa del promontorio, con le Isole Tremiti; soprattutto se vogliamo favorire l’internazionalizzazione. Per questo – prosegue il leader di Confcommercio – chiederemo alla Regione, anche alla luce della recente costituzione del Distretto Turistico del Gargano, di sostenere e promuovere iniziative di promozione che vadano in questa direzione. Una valorizzazione che, come organizzazione di categoria, sosterremo favorendo contratti di rete e integrazione tra i diversi attori della filiera; compresi quelli delle aree interne che possono offrire valore aggiunto alla nostra offerta rispetto a quella dei potenziali competitor.

In questo direzione a nostro avviso – prosegue Gelsomino – c’è bisogno anche di una maggiore valorizzazione della rete dei porti, a cominciare da quello di Manfredonia. Una scelta strategica anche in ottica di rilancio del turismo nautico da diporto, di cui possiamo diventare la base italiana di riferimento nel basso Adriatico, anche grazie alla vicinanza con Croazia e Montenegro.
Fondamentale per il raggiungimento di questi obiettivi sarà, accanto alla capacità del territorio di offrire un proposta integrata in grado di soddisfare le diverse esigenze di questo tipo di clientela, l’attenzione delle istituzioni locali in materia di infrastrutture. Infrastrutture che necessitano di interventi, servizi e gestione professionale all’altezza delle aspettative. A questo proposito – conclude Gelsomino – un ruolo determinante lo potrà svolgere la nuova autorità portuale del Basso Adriatico a cui chiediamo un dialogo e un confronto immediato sulle potenzialità di sviluppo del nostro porto principale e una strategia condivisa con la Regione per il rilancio della portualità turistica”.



Vota questo articolo:
16

Commenti


  • Antonello Scarlatella

    Se iniziamo a far gestire gli Enti da uomini capaci di lavorare per raggiungimento obbiettivo possiamo farcela.
    Se continuiamo a far “sedere” a capo degli enti i trombati della politica qualsiasi azione sarà fallimentare.
    Per chi non è d’accordo mi indicasse un ente gestito dalla politica in Italia che è stato performante.


  • svolta

    In rada si vede una nave che ha strane gru a poppa e prua….. mi sa tanto che il referendum arriverà troppo tardi.
    Se penso a male e l’azzecco….. qui le lobby sono molto più veloci e convincenti…..

  • Si certo x far venire le navi gasiere. Quando chiacchier mort…

  • Hai capito bene svolta..per il corso dicevano quello che pensi tu.


  • Giovanni

    E’ ora di far sedere alla testa di questi Enti gente con le p… ma soprattutto competente in materia, vedi il dottor Vincenzo Prencipe della agenzia Marittima Galli che fa arrivare le navi crociere a Vieste perché non a Manfredonia . datevi Voi una risposta? ed il Perché?


  • alberto

    Caro Scarlatella,come al solito sei bravo agli orali,ma scarso agli scritti,ma tu chi sei che giudichi tutti,e come ha detto il generale Marasco a qualcuno,chi sei tu?e cosa hai fatto per Manfredonia,ma fammi il piacere……


  • Zuzzurellone Sipontino

    Con le navi gasiere attraccate, altre navi possono lo stesso attraccare o sostare in rada come adesso oppure NO?


  • MANFRENERGAZ

    Non ho mai letto alcuna dichiazione ufficiale di questo signore in merito al grandissimo deposito di GPL…chissà cosa ne pensa…


  • So lo

    Qui occorre applicare un famoso detto dell’ex presidente Sandro Pertini: “Quando il governo non fa quello che chiede il popolo, lecito è prenderlo a sassate e bastonate”. Da dove si incomincerebbe ?


  • Arciere

    Si può proporre ed accettare un deposito con quelle dimensioni nelle zone ad alto rischio sismico?


  • Lorenzo

    Concordo con Giovanni. Mentre qualcuno cercava di fare le tabelline ma limitatamente alle addizioni e sottrazioni nel chiuso del proprio ufficio, c’è chi si è mosso in giro per il mondo a cercar lavoro per se e per tanta gente, portuale, camionisti, magazzini, eccetera eccetera.
    Una risorsa da utilizzare, non perdiamoci in inutili ed ulteriori impieghi di tromboni.
    Saluti da Civitavecchia


  • Stefania

    Bravo presidente dobbiamo puntare e incentivare le buone pratiche e quelle iniziative lodevoli. Imprenditori come Prencipe che offrono nuove opportunità al territorio vanno supportati . Il porto di Manfredonia merita molto altro che il GAZ.


  • Antonello Scarlatella

    Caro Alberto innominato. Io per Manfredonia non ho fatto nulla ma non ne ho neanche avuto l opportunità.
    Non sono un politico e non lo sarò mai.
    Accetto la tua critica. Ma dimmi quale ente in Italia gestito dai trombati della politica o dagli amici degli amici è stato performante in termini di risultati e non è oberato dai debiti.
    Forza …. Attendo tua risposta


  • La stazione fantasma di Manfredonia ovest

    che gusto avete a denigrare chi ci mette nome e cognome? Non voglio difendere il signor Scartalella ma abbiate un pò di rispetto per chi ci mette la faccia!


  • La stazione fantasma di Manfredonia ovest

    Ma che dovete valorizzare quella struttura è solo una mungitoia secolare di spreco di risorse pubbliche! E ridicolo poi leggere che quella struttura fatiscente e pericolosa dovrà essere adibitare ad ospitare navi da crociere! Sono stufo delle balle che ci vengono propinate.


  • Gli ingegneri dormono negli hotel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati