Un successo quasi inatteso per il nuovo corso di laurea dell’Università di Foggia

Exploit Scienze biomolecolari, oltre 320 i candidati ai test di domani

Chi vi accederà potrà scegliere se studiare in italiano o in inglese, e potrà anche sostenere degli stage bimestrali nelle più prestigiose Università europee

Di:

Foggia. Ai test di selezione per l’accesso al nuovo corso di laurea (a numero programmato) in *Scienze e tecnologie biomolecolari, in programma domani presso l’aula magna Valeria Spada dell’Università di Foggia a partire dalle ore 8,00, si presenteranno oltre 320 candidati provenienti da 13 regioni italiane.

Saranno in 329, per l’esattezza, provenient*i in larga maggioranza dalla Puglia, ma anche – ed è forse questo il dato più interessante, soprattutto da un punto di vista sociale e culturale – dalla Lombardia (un candidato da Milano, uno da Mantova e uno da Mede in provincia di Pavia), dal Piemonte, dalla Liguria, dal Lazio, dall’Emilia Romagna e dalla Toscana solo per citarne alcune. Come da bando, saranno 50 i posti disponibili per il debutto del nuovo corso di laurea internazionale, che offrirà la possibilità – ai suoi effettivi studenti – di scegliere quali esami sostenere in italiano e quali invece in inglese, garantendo inoltre a chi dovesse farne richiesta un lungo stage presso la convenzionata Wolverhampton University (Regno Unito) oltre alla certezza del doppio titolo (spendibile, dopo la laurea, in entrambi i Paesi: forse il vero valore aggiunto di questo nuovo corso). Inoltre, sarà offerta l’opportunità di stage bimestrali nelle più prestigiose sedi universitarie europee, fruendo delle borse di studio erogate dall’Università di Foggia.

Una adesione – quella registrata ai test di ammissione al corso – che può dirsi davvero molto significativa, se si considera che, ad esempio, per i 74 posti messi a bando per l’accesso al corso di laurea in Medicina e chirurgia e per i 28 banditi invece per Odontoiatria e Protesi dentaria, i candidati che si sono iscritti alle prove sono stati complessivamente 706 (680 gli effettivi partecipanti). E se si considera, inoltre, che tra i requisiti indispensabili per l’iscrizione ai test, come da prassi, vi era il pagamento della quota organizzativa (52 euro a candidato) necessaria per la preparazione e la somministrazione delle prove.

«Un successo che quasi non ci aspettavamo – spiega la coordinatrice del nuovo corso di laurea, ordinaria di Biochimica e delegata alle Relazioni internazionali e internazionalizzazione, prof.ssa Claudia Piccoli – e ci conforta e ripaga di tutto il lavoro che abbiamo svolto. Un grande lavoro, per la divulgazione scientifica del nuovo corso e per l’orientamento che abbiamo
svolto negli istituti scolastici di tutte le province limitrofe alla Capitanata. Una risposta che ci conferma, ancora una volta se ve ne fosse bisogno, che i ragazzi sanno perfettamente ciò che vogliono. Sono capaci di scegliere in piena autonomia, e soprattutto sono capaci di distinguere la qualità dalla quantità. Siamo davvero molto felici, un risultato che va oltre ogni previsione».

Dopo che i risultati saranno resi noti ai diretti interessati, e che quindi saranno stati selezionati i candidati che diverranno studenti del corso di laurea in Scienze e tecnologie biomolecolari, sarà organizzata una prima giornata interamente dedicata agli studenti e ai loro famigliari, ospitando alcuni luminari italiani della farmaceutica e della medicina biomolecolare: un appuntamento di scienza e cultura, aperto alla cittadinanza, attraverso cui illustrare dettagliatamente le ambizioni di un corso di laurea che – ne è certo il Rettore, prof. Maurizio Ricci – darà «molte soddisfazioni, a noi come Ateneo che lo abbiamo fortemente sostenuto e infine conseguito, e agli studenti che potranno spendere il titolo di studio conseguito a Foggia in giro per il mondo».

Video descrittivo del corso di laurea in Scienze e Tecnologie biomolecolari

fotogallery

Exploit Scienze biomolecolari, oltre 320 i candidati ai test di domani ultima modifica: 2017-09-06T11:11:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi