CulturaManfredonia
Sindaco di Pollica, il 5 settembre del 2010 ucciso con 7 colpi di pistola

Manfredonia omaggia Angelo Vassallo “il sindaco pescatore” (foto-video)

Il fratello Dario Vassallo è impegnato da anni in progetti con cui si cerca di portare avanti i sogni di Angelo


Di:

Manfredonia. “Rispetto dell’ambiente e legalità: queste sono le risorse del domani per la costruzione di una nuova felicità e di una nuova economia”: questa la linea politica di Angelo Vassallo, sindaco del Comune di Pollica ucciso con 7 colpi di pistola – da ignoti -, il 5 settembre del 2010.

“Festa della Speranza” a cura dell’associazione “Manfredonia nuova”

Ieri, 5 settembre, in occasione del settimo anniversario dalla sua morte, si è svolta una ‘Festa della Speranza’ – presso il Centro Velico di Manfredonia -, organizzata dall’associazione Manfredonia Nuova, presieduta da Italo Magno . Magno ha voluto omaggiare la memoria del ‘sindaco pescatore’ con la piantagione di un albero per non dimenticare chi ha saputo donare tutto se stesso per delle giuste cause“. Ancora oggi è importante ricordare chi, come Vassallo, ha dedicato la sua vita alla rinascita della sua comunità con il suo contributo in ambito ambientalistico ( e non solo): Pollica, nel 2011, riuscì ad ottenere 5 bandiere blu di Legambiente e di Touring Club, unica città in tutta la penisola ed inoltre riuscì nel 2010 a far includere la dieta mediterranea tra i Patrimoni dell’Unesco.

Il fratello Dario Vassallo (che dovrebbe essere il prossimo 16 settembre a Manfredonia per un convegno,ndr) è impegnato da anni in progetti con cui si cerca di portare avanti i sogni di Angelo: tra gli altri ‘Pulizia dei Fondali Marini’ è stato premiato tra i 24 progetti provenienti da tutto il pianeta come il miglior nel 2016 e presentato alla Conferenza Mondiale sugli Oceani, (Our Ocean 2016) organizzata dall’allora Segretario di Stato John Kerry.

Dario Vassallo “Voglio darti un consiglio: non tornare, ti ucciderebbero un’altra volta”

Questa la lettera aperta di Dario a suo fratello Angelo: «Caro Angelo, sia pure a malincuore e sapendo che è impossibile voglio darti un consiglio: non tornare, ti ucciderebbero un’altra volta». È l’amara conclusione di una lettera aperta scritta da Dario Vassallo, fratello di Angelo, il sindaco-pescatore di Acciaroli in Cilento ucciso il 5 settembre di sette anni fa. Un delitto ancora irrisolto e che ha gettato un’ombra sulla località marina nota per la qualità del mare e la dieta mediterranea. Così, mentre la magistratura affida le residue speranze di scovare il colpevole sui risultati dei test del Dna a carico di 94 persone, Dario Vassallo lancia un durissimo atto di accusa nei confronti della politica campana ma anche di alcuni amministratori locali. «In questi 7 anni — scrive — il Cilento e questo nostro Paese sono precipitati sempre più in basso. Se tu tornassi non riconosceresti la tua Pollica e tantomeno Acciaroli, lì dove noi siamo cresciuti e diventati uomini è diventato tutto artificiale, come un parco divertimenti, suoni, rumori, cemento, tanto. Troppo cemento, puzza di fritture, soldi, alcool, droga costellano l’estate e “altri” la fanno da padrone. Il tuo sogno è stato venduto ad altri per un piatto di lenticchie, la tua Dieta Mediterranea viene trattata come una puttana che si da a tutti e che fa gli interessi di pochi e sempre gli stessi».

(A cura di Libera Maria Ciociola, Manfredonia 06.09.2017)

VIDEO FOTOGALLERY ANTONIO TROIANO

Manfredonia omaggia Angelo Vassallo “il sindaco pescatore” (foto-video) ultima modifica: 2017-09-06T10:36:46+00:00 da Libera Maria Ciociola



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • cittadino

    Bella e buona inziativa. Il prof. M. Illiceto ha letto un suo scritto, che si gradirebbe venisse pubblicato, ove possibile. Esso è intriso di principi, valori e considerazioni che fanno molto riflettere gli uomini di buona volontà e forse anche altri… Un albero è anche un simbolo, ma una scultura che lo rappresenterebbe in riva al mare sarebbe un’alto valore aggiunto a tutto ciò che ha rappresentato un piccolo sindaco ma indubbiamente un grande uomo non solo per il suo territorio.


  • Redazione

    Attendiamo e-mail, grazie


  • Antonello Scarlatella

    Da cittadino di Manfredonia sono veramente entusiasta di questa iniziativa.
    Al netto delle tensioni che si sono create per altri motivi con Italo in questo contesto mi complimento con lui.
    E’ un grande gesto, e’ un grande segno.
    La mia speranza associata a questa iniziativa è che questo albero e questa festa della Speranza….dia inizio ad un interlocutorio diverso e costruttivo tra le varie forze politiche della città. Solo abbassando i toni e unendo le menti pensanti possiamo sperare in un futuro diverso per la città.
    Io spero.


  • Nicola

    Avvenimento intriso di DEMAGOGIA E IPOCRISIA.


  • cittadino

    Nicola o chi per esso, anche se fosse questa contrariamente a quella espressa da altri non fa male a nessuno… capisc a me…..


  • Cantalupo di maggese

    Gli avete fatto vedere le vecchie foto della scogliera del villaggio dei pescatori e del lungomare del sole risalenti a prima che costruissero il porto dei gelati e la barriera frangiflutti?


  • E' tutto inutile in Italia

    Ucciderebbero di nuovo, non solo lui, ma anche tanti altri eroi se potessero ritornare in vita.


  • Manfredonia agnellino sacrificale degli emirati/napoletani


  • Giorgio

    Cittadinoooo alias SVOLTA datti alla raccolta di pomodori.


  • Roberto

    Disse Borsellino: in un territorio o mafia e istituzione si fanno la guerra oppure vanno a nozze.


  • Contadino

    Giorgio, vergognati! Che cosa trovi da ironizzare circa la raccolta dei pomodori??


  • svolta

    Giorgio oh Giorgio…. ti riscrivo quanto già scrittoti in precedenza:
    Giorgio, oh Giorgio, sempre in riscontro al tuo intervento da imb…., che dire, purtroppo mi fai ripetere e dire sempre le stesse cose…. , ma non hai proprio niente in quella zucca vuota (d’altronde in un imb…. è difficile trovare materia grigia),
    Solo tu ed altri nomignoli….. usano questo giornale per denigrare il pensiero altrui… senza mai dire nulla a riguardo dell’argomento trattato.
    D’altronde da certi mantenuti dalla politica non si può pretendere che dicano il brutto dalla stessa, ed è poco dire brutto, atteso che il piatto sulla propria tavola deriva da essa….
    Tu, e pseudo altri denigratori, i valori che ho indicato nel mio intervento manco li sogni la notte…. figuriamoci di giorno che vai sempre alla ricerca di cu….. da leccare per poterti garantire il futuro…. di mantenuto dalla politica.
    Se non hai capito il senso del mio intervento precedente…. cosa si può dire…. “è incomprensibile solo ad una specifica categoria di persone…..”
    Saluti…. Giorgio, oh Giorgio.
    Vieni sempre a galla …impropriamente
    Giorgio, oh Giorgio… il redivivo imbe- di sempre che come sempre non dice un c….. e che quindi esce a galla come gli s…… appuzzolendo il clima di discussione a cui non è capace tenere testa, in quanto appunto nella sua testa alberga perennemente la imbe- che gli è propria.
    “sono i fatti che distinguono le persone da quello che dicono”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi