Politica

Mancata elezione Emiliano a vertice ANCI, Cassano: Persa da PD grande occasione


Di:

Il sindaco di Bari Michele Emiliano. (Copyright: mimmomagistro.it)

Bari – “NELLE vicenda della mancata elezione del Sindaco di Bari Michele Emiliano a presidente nazionale dell’ANCI il PD ha perso una grande occasione, dimostrando di essere spaccato sia a livello regionale che nazionale”. Lo ha affermato il vice capogruppo del PdL in Consiglio regionale, Massimo Cassano. Il partito ha dimostrato di non essere compatto. “Non esiste solo la Lega di Bossi come partito espressione degli interessi dell’Italia settentrionale – ha aggiunto -, ma anche l’anima del PD, che dietro una compattezza fittizia, asseconda le istanze del Nord, dando dimostrazione della inadeguatezza rispetto al ruolo politico che è chiamato a svolgere”. “Questi contrasti interni tra le anime del PD e tra lo stesso PD e il presidente Vendola – ha concluso il vice capogruppo del PdL – stanno creando, peraltro, non pochi problemi all’economia pugliese, declassata delle agenzie di rating, con il risultato che la regione è passata dalla posizione di vertice che deteneva tra quelle del Sud ai tempi del presidente Fitto al penultimo posto attuale”.

Salvatore Negro, UdC (fonte image: iltaccod'italia.it)

Elezione presidente Anci, Negro: “Il terzo polo unica alternativa per il Sud. Le lacerazioni del PD non favoriscono il Mezzogiorno”. “La mancata elezione del sindaco Emiliano a presidente dell’Anci rappresenta l’ennesima occasione persa per il Mezzogiorno e la conferma di un Pd spaccato al suo interno che non riesce a ritrovare l’unità nemmeno su scelte strategiche dove sono in gioco gli interessi del territorio e lo sviluppo di una parte del Paese”. Lo ha detto il presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, commentando il risultato dell’elezione del nuovo presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani.
“Il Nord porta a casa un’altra vittoria con l’elezione del sindaco Delrio, a cui non possiamo che rivolgere i nostri auguri di buon lavoro – ha sottolineato il capogruppo Udc – mentre al Sud non resta che inghiottire l’amaro boccone. È evidente che c’è una parte del Pd mosso da logiche che poco hanno a cuore lo sviluppo del Mezzogiorno”.

“Tutto questo – ha evidenziato Negro – rafforza l’idea che, tra un centrodestra di Governo sotto il perenne ricatto della Lega secessionista e un Partito Democratico che non nasconde le sue lacerazioni interne e contribuisce a dare una mano al partito di Bossi per ad allargare il divario tra il nord ed il sud del Paese, l’unica alternativa valida resta quella del Terzo Polo, fatto di gente con la ‘testa sulle spalle’ in grado di ricucire l’Italia”.
“Un segno di attenzione in questo senso – ha concluso – è stata la scelta della città di Lecce per la celebrazione della prima Assemblea del Sud del Terzo Polo, che si terrà il 22 ottobre, il cui obiettivo è proprio quello di ripartire dal Mezzogiorno per ricucire gli strappi di un bipartitismo e di una classe politica che ha privilegiato solo una parte del Paese, tentando di far ricadere il Sud nel suo antico oblio ed abbandono”.

Redazione Stato@riproduzione riservata

Mancata elezione Emiliano a vertice ANCI, Cassano: Persa da PD grande occasione ultima modifica: 2011-10-06T15:44:50+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This