Cronaca

Sereno (PdCi Foggia): “Il sindaco Mongelli politicamente sordo”


Di:

Gino Sereno, Pdci Foggia (teleradioerre.it)

Foggia – “A Palazzo di Città c’è molta sordità, politica naturalmente”. Gino Sereno, segretario cittadino del PdCi non le manda a dire a Gianni Mongelli. E, in una nota durissima, torna ad attaccare il primo cittadino di Foggia a partire dalla questione spinosa del piano parcheggi e della mancata consultazione popolare. “Il sindaco di Foggia – scrive Sereno – di tutto parla e si interessa fuorchè della richiesta delle tre circoscrizioni di indire un referendum sul piano parcheggi secondo quanto stabilito dallo statuto comunale. Le proteste dei cittadini, delle organizzazioni varie e non ultimo la forte protesta della Confesercenti che ha chiesto al primo cittadino di ritirare la delibera del progetto parcheggi che sta determinando, in quasi tutti i settori della città, proteste e sgomento per il fatto che il sindaco non intende verificare la propria scelta attraverso lo strumento del referendum partecipativo alla vita della città”.

Anche perché, rafforza i toni Sereno, “la democrazia è democrazia; non la si può utilizzare quando conviene”. Dunque, “il sindaco Mongelli non può sottrarsi al referendum chiesto non solo dalle circoscrizioni (il che è molto importante) ma sopratutto da vastissimi settori della vita cittadina e sopratutto dal mondo dell’artigianato e del commercio in particolare. Non promuovere il referndum oltre alla violazione dello statuto comunale (che non può valere quando conviene) testimonia la scarsa considerazione che si ha dei cittadini e di molte categorie sociali”.

Un diniego che “contrasta con le nuove ‘Linee programmatiche per il rilancio dello sviluppo e della coesione sociale’ che Mongelli presenta, o si accinge a presentare. Coesione sociale appunto che viene messa da parte in un momento delicato della vita amministrativa di questa città che non può essere diretta in maniera assolutistica”. All’interno del piano di rilancio steso da Mongelli, in particolare, il segretario comunista avverte: “Contraddittorio è l’ipotesi – ad esempio – di un rilancio del PUG (Piano Urbanstico Generale) ormai completamente svuotato dalle eccessive ‘varianti’ allo stesso PUG”.

Sereno domanda “quali strumenti intende il sindaco riproporre e realizzare un ‘nuovo programma’ amministrativo”. E aggiunge: “Con una giunta inadeguata come quella che è insediata a Palazzo di Città? Con un centro sinistra ch’egli (il sindaco) ha ‘mutilato’? Col centro destra? Non lo pensiamo neanche noi del PdCI. E allora con chi? Forse, unicamente con la ben nota classe industriale locale gran parte della quale rivolge le sue attenzioni maggiori all’edilizia abitativa e non nel promuovere lo sviluppo delle aere a sostegno dell’agricoltrura, dell’industria e dei servizi?” Interrogativi che, chiaramente, saranno sciolti soltanto a verifica conclusa.

Redazione Stato

Sereno (PdCi Foggia): “Il sindaco Mongelli politicamente sordo” ultima modifica: 2011-10-06T19:50:28+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • totò

    credo che il sindaco si debba vergognare di come sta gestendo questa città, aumenta tutto senza fornire dei servizi adeguati, immondizie, spazzini inesistenti,bidoni rotti e puzzolenti, strade piene di buche, potatura degli alberi non fatta, verde inesistente, marciapiedi con l’asfalto che non si usa neanche nel terzo mondo, meglio il COMMISSARIATO se siete ….della mal….. SPARITE!!!! vergogna!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This