CapitanataLucera
Gli uomini dell’Arma sono intervenuti nell’abitazione della famiglia

Lucera, “Ti ammazzo! Voglio andare in galera…” poi le botte

I Carabinieri, una volta accompagnato l’uomo presso la caserma di Via San Domenico, hanno potuto accertare minuziosamente tutti i contorni della vicenda


Di:

Lucera. Nella giornata di mercoledi i Carabinieri della Compagnia di Lucera hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di maltrattamenti in danno di familiari, un 43enne incensurato del posto. L’accusa è di aver usato violenze verbali e fisiche nei confronti della moglie e del figlio di appena due anni.

Gli uomini dell’Arma sono intervenuti presso l’abitazione della famiglia a seguito di un’accorata richiesta di aiuto della donna che, provata e spaventata dalle continue angherie cui era costretta a sottostare, nel corso dell’ennesimo litigio ha deciso di rivolgersi a Carabinieri, decisa a porre fine alla squallida vicenda che la vedeva vittima.

I militari, una volta giunti presso la casa, sono entrati tempestivamente in azione bloccando il 43enne, in condizioni di assoluta sicurezza, mentre stava per colpire la consorte e il bambino, cui aveva già provocato escoriazioni e tumefazioni in volto.

Alla vista dei Carabinieri l’uomo non ha affatto placato le sue ire. Lo stesso ha infatti iniziato ad inveire contro i militari, minacciando la donna con frasi del tipo “Ti ammazzo! Sono disposto a farmi 30 anni di galera”.

I Carabinieri, una volta accompagnato l’uomo presso la caserma di Via San Domenico, hanno potuto accertare minuziosamente tutti i contorni della vicenda, riscontrando come tali violenze fossero all’ordine del giorno. In più circostanze, infatti, sia la donna che il bambino avevano dovuto ricorrere alle cure di personale sanitario a seguito delle aggressioni subite.

Ma la vicenda ha avuto un lieto fine: svolti tutti gli accertamenti di rito il 43enne, inchiodato alle proprie responsabilità dalle evidenze della flagranza del reato, è stato così dichiarato in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Foggia, dove resterà a disposizione della locale Procura della Repubblica.

Redazione StatoQuotidiano.it

Lucera, “Ti ammazzo! Voglio andare in galera…” poi le botte ultima modifica: 2017-10-06T21:02:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This