ManfredoniaMattinata
"Correttezza professionale vorrebbe che un'intervista della durata di alcuni minuti sia mandata in onda integralmente"

Servizio “Nemo” – RAI2 su mafia garganica, sindaco Prencipe “Intervista stravolta”

"Così facendo non si vuole cercare la verità ma solo....confonderla"


Di:

VIDEO PUNTATA “La mafia garganica più uccide e meno se ne parla” #NemoRai2

Mattinata, 6 OTTOBRE 2017. ”Correttezza professionale vorrebbe che un’intervista della durata di alcuni minuti sia mandata in onda integralmente con tutte le domande fatte e tutte le risposte date e non parzialmente (stralcio di pochi secondi con frasi estrapolate a convenienza) stravolgendo così il suo significato e contenuto. Così facendo non si vuole cercare la verità ma solo….confonderla!”.

Così il sindaco di Mattinata, Michele Prencipe, intervistato nel corso del servizio “La mafia di Foggia spietata e sconosciuta“, andato in onda durante il programma “Nemo” di Rai2, a cura di Nello Trocchia

Di queste faide non parla nessuno. Eppure da aprile ci sono stati tanti morti in Provincia di Foggia (riferito all’omicidio di Omar Trotta a Vieste,ndr): uno ogni 8 giorni. Ad agosto è strage (‘Strage di San Marco’): 4 morti ammazzati: ne hanno parlato tutti perchè tra le vittime c’erano due innocenti. Questa è la storia della mafia garganica, che più uccide e meno se ne parla. Per i turisti un paradiso, che nasconde pero’ una ferocia senza pari“. Così nell’introduzione del servizio.

Tra le intervistati: Piernicola Silvis, ex Questore di Foggia, con spazio ad approfondimenti sulla società foggiana; Luisa Lapomarda, mamma del giovane Francesco Armiento , scomparso nel nulla da Mattinata, la mattina del 27 giugno 2016, mentre si stava recando sul luogo del lavoro. Il ragazzo era stato in passato “testimone di un omicidio”.

Le interviste

Interviste anche con alcuni cittadini di Mattinata, con il sindaco del Comune garganico Michele Prencipe. Poi, sempre a Mattinata all’indomani della processione della festa patronale, il giornalista Trocchia ha tentato di avvicinare Francesco Scirpoli ,- nel sottotitolo del servizio Rai indicato come “fratello della segretaria del Pd di Mattinata”-, (coinvolto con altri 21 indagati, tra i quali lo stesso Mario Luciano Romito, nell’operazione “Ariete” dei Carabinieri della Compagnia di Manfredonia). Inutili i tentativi di avere risposte dall’uomo relativamente alla situazione criminalità nel territorio.

L’arresto di “Baffino”

Si è parlato anche di Antonio Quitadamo “Baffino”, anch’egli coinvolto nell’operazione ‘Ariete’ e che di recente si è consegnato ai Carabinieri (mentre pochi giorni fa il fratello minore è stato associato in carcere per aggravamento della misura cautelare,ndr). Antonio Quitadamo “Baffino” “è finito in carcere perchè qualcuno ha rotto il silenzio”.

Difatti, come pubblicato i Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, nello specifico quelli della Stazione di Mattinata, hanno arrestato Antonio Quitadamo, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa a carico dell’uomo dal Tribunale di Foggia, su richiesta della Procura, che ha concordato con le risultanze investigative dell’Arma, scaturite da una denuncia per tentata estorsione continuata.

La denuncia per tentata estorsione

“Baffino“, per gli inquirenti “appartenente e referente nel territorio di Mattinata del gruppo criminale riconducibile ai Romito, egemone sull’area garganica di Manfredonia, Mattinata e Vieste”, con più azioni e la minaccia di furti e danni al proprietario di una villetta a Mattinata, “ha posto in essere atti idonei e diretti in modo inequivoco a costringere la vittima a consegnarli prima la somma di 1.500 euro al mese (“…tu non hai capito! Sai che facciamo… facciamo una bella cosa.. mi dai 1.500 euro e la casa non si tocca..”) e, in seguito, dopo un ulteriore furto all’interno della villetta, ‘Baffino’ ha detto al proprietario dell’immobile “..tu non la vuoi capire, tu sei montanaro e noi qui siamo mattinatesi, tu ci devi pagare!..va bene allora, facciamo 500 euro al mese.. vedi che ti conviene..”.

Gargano. L’editoriale di Trocchia “La strage degli innocenti si poteva evitare?”

FOCUS
“Strage San Marco”, su TV7 i familiari dei fratelli Luciani (VIDEO)
Un mese dalla “Strage di San Marco”: i risultati delle Forze dell’Ordine

Redazione StatoQuotidiano.it

Servizio “Nemo” – RAI2 su mafia garganica, sindaco Prencipe “Intervista stravolta” ultima modifica: 2017-10-06T19:50:53+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
14

Commenti


  • VITTIMA

    Non ho il coraggio di denunciare un estorsione un tizio mi ha chiesto 3000€ se no mi incendiavano l’automobile… Ignorando l’estorsione incominciava a farmi i dispetti all’automobile versando l’acido su tutta l’auto… entrando di nascosto nel mio garage per me questa è mafia o futura mafia vorrei che non cresce questa mafia? per paura che succede qualcosa ai miei cari sn stato obbligato ad andarmene da Manfredonia c’è qualcuno che può aiutarmi in qualche modo?


  • lettore attento

    Sindaco nell’inervista è sembrato alqiamto impaurito perchè?


  • Corrotti.

    Ci sono infiltrazioni ovunque, una corruzione spaventosa, le mazzette fanno comodo a tutti , ne sentiremo delle belle , questione di tempo, debelleranno anche loro. Ricordavo quando sentivo i montanari i montanari ok infamati da ki oggi legalmente ci fa divertire, ma p piacior, addica avt me fatiet dà.


  • Michele

    Perché non si prendono provvedimenti nei confronti del dirigente PD di mattinata, .. Di cosa si ha paura? Sveglia gente, il territorio è nostro e dobbiamo difenderlo …. per il commento di vittima: se davvero hai ricevuto un’estorsione di questo tipo, rivolgiti alle forze dell’ordine


  • Vergognatevi

    Ancora con sta mafia……ma jetvinn


  • Michele

    Cara redazione, che Francesco Scirpoli sia un presunto -, non è frutto della mia immaginazione, ma ci sono delle indagini della polizia in corso, vedasi operazione Ariete, e lo dicono nello stesso servizio… avete paura che circoli la parola mafioso nel vostro quotidiano online? Complimenti vivissimi x la censura.. dovreste prendere esempio da giornalisti come Nello Trocchia, che ha avuto il coraggio di affrontare di persona il suddetto presunto mafioso, e non trincerarvi dietro una censura che non fa altro che alimentare la MAFIA GARGANICA.. ecco perché la nostra rimarrà una terra desolata, dalla quale i giovani non faranno altro che fuggire..


  • Redazione

    Buongiorno, riportiamo la parola MAFIA e possiamo continuarlo a fare anche milioni di volte. Lo stesso dicasi per MAFIOSO e/o vocaboli affini. MAFIA e dunque: NO alla MAFIA, NO ai MAFIOSI.

    In risposta al commento: innanzitutto non riporta pubblicamente neanche il suo nome e cognome. Perché? Non ha fatto riferimento al coraggio? Inoltre, riporta e ha riportato vocaboli senza avere, forse, la totale comprensione del valore legale e tantomeno letterale della parola MAFIA. Dal nostro punto di vista, il problema non è la censura ma le inesattezze. Al di la’ del lavoro quotidiano, abbiamo riportato numerosi articoli sull’operazione “Ariete”, dei Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia, citando e allegando foto, reati e nominativi. Compreso quello che cita. Nominativo citato anche in altri testi.

    E’ tutto nel nostro archivio, visibile, registrato e dunque dimostrabile.

    In qualità di testata giornalistica registrata nella cancelleria del tribunale di riferimento, quando eliminiamo uno o più vocaboli dai commenti del forum e’ solo in seguito ad una nostra – soggettiva, sia chiaro – valutazione sulla correttezza o meno per l’utilizzo degli stessi, nell’ambito dei principi correlati all’espressione del diritto di critica.

    Probabilmente conosce norme e principi di riferimento, da qui – a tutela della nostra immagine e del nostro lavoro quotidiano – provvediamo ad inviare il suo commento al nostro ufficio legale.

    StatoQuotidiano.it
    Segreteria
    Manfredonia, 7 ottobre 2017


  • Michele

    Allora fate in modo che tutti debbano registrarsi e verificare la propria identità sul vostro sito web. Non mi pare di averno scritto eresie, né tantomeno di aver leso la reputazione di qualcuno. Avete comunque il mio indirizzo mail, che è un indirizzo mail reale. Sarei curioso di sapere quale capo d’imputazione mi può essere contestato. Saluti e buon lavoro.


  • Vecchio lettore

    Grande Stato quotidiano!!


  • lettore attento

    Piena vicinanza alla redazione di stato quotidiano. Continuate cosí!


  • imm....


  • Ciccio

    Comunque il signor Torcchia x me ha esagerato con quel servizio…..Mattinata non è quella che ha mostrato non è solo delinquenza addirittura mafia…Rispetto a tanti altri paesi del gargano e molto tranquilla


  • gianni

    cara vittima fatti coraggio e vai a denunciarlo (i) chiedi Alle forze Armate credimi ti aiutono com mi stanno aiutanto a mè.Non avere paura di questa gente di me…da


  • andrea

    Se non abbiamo il coraggio di denunciare non possiamo pretendere che le cose cambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This