Editoriali

Qualità edilizia scolastica. Foggia è indietro


Di:

Ragazzi a scuola (ph: blog.panorama.it)

Foggia – DI recente è stato pubblicato il XI I Rapporto di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica,delle strutture e dei servizi ,una indagine realizzata sui Comuni capoluogo di provincia. L’indagine sulle scuole d’infanzia primarie e secondarie di primo grado di 93 capoluoghi di provincia, racconta di un patrimonio edilizio scolastico ancora in stato di emergenza, in cui ben il 36% degli edifici necessita di interventi di manutenzione immediati. Un dato che non accenna a scendere e che restituisce ancora la difficoltà degli Enti Locali di tenere in piedi un patrimonio edilizio vetusto, costruito nel 65% dei casi prima del 1974, anno dell’entrata in vigore dei provvedimenti per le costruzioni localizzate in aree sismiche. Ed è proprio la messa in sicurezza antisismica delle scuole costruite prima degli anni ’70 a rappresentare una delle emergenze cui far fronte, dal momento che oltre il 50% dei 42.000 edifici scolastici italiani si trova tuttora in area a rischio sismico, il 9% è a rischio idrogeologico, meno del 50% degli edifici possiede il certificato di collaudo statico e solo il 10,14% è costruito secondo criteri antisismici.

Nella graduatoria generale del rapporto, la nostra città si colloca al 75° posto su 86 comuni capoluoghi. Ancora una volta viene evidenziato la scarsa qualità del nostro patrimonio edilizio e la mancanza di attenzione che viene data da chi governa alla manutenzione ordinaria e straordinaria dei plessi scolastici e della sicurezza delle scuole. Basta solo pensare a quanto sta accadendo per la Scuola Media “De Sanctis”, chiusa con ordinanza sindacale per ulteriori indagini sulla sicurezza, gettando nello sconforto centinaia di famiglie che vedono i propri figli spostati in altre scuole, casomai lontane dalle proprie case; o per la Scuola Elementare “ Pascoli” in piazza De Sanctis, che ha due piani,che erano frequentati dagli alunni della scuola dell’infanzia, chiusi e mai risistemati nonostante le indagini svolte lo scorso anno non avevano evidenziato problemi particolari. Resta il fatto che i due piani che avevano l’accesso da via Mastrolilli sono ancora inutilizzabili nonostante le sollecitazioni dei genitori e le rassicurazioni dell’Amministrazione Comunale.


Per quanto riguarda i dati relativi alle pratiche ecocompatibili Foggia si colloca al 77° posto, evidenziando una diminuzione del numero di alunni che usufruiscono della mensa scolastica, che fra l’altro è esternalizzata e non serve prodotti bio; a questo bisogna aggiungere che si fa scarsa attenzione ai rifiuti, considerato che vige l’utilizzo di piatti e bicchieri usa e getta. Scarsa presenza di piste ciclabili e vi è scarsa presenza di istituti scolastici con giardini, perché nel tempo, anche dove vi erano, sono stati cementificati per utilizzarli come parcheggio. Troppo pochi ancora gli istituti che utilizzano fonti di illuminazione a basso consumo.

Legambiente si aspetta che per le istituzioni l’edilizia scolastica divenga terreno di riqualificazione e gestione edilizia di eccellenza, attenta alla sostenibilità e alla vivibilità anche formativa dei luoghi, luoghi dove ogni giorno vivono migliaia di studenti.
E intanto tutto tace sulla riorganizzazione della rete scolastica, prevista Decreto Legge n. 98, convertito nella legge 15 luglio 2011 n. 111, “Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria”). Tale Decreto prevede la soppressione dei Circoli Didattici e delle Scuole Medie, che dovranno essere uniti in Istituti Comprensivi , che se vorranno avere un dirigente scolastico di ruolo e un D.S.G.A. dovranno ricomprendere almeno 1000 alunni ( mille ). La riorganizzazione avrà i suoi effetti su centinaia di migliaia di genitori che vedranno cambiare il loro punto di riferimento e su migliaia di operatori della scuola ( personale ata e docenti e dirigenti scolastici) che subiranno un ulteriore taglio. Delle 21 scuole elementari e medie autonome esistenti frequentate da 14.061 alunni si dovrà passare a 14 Istituti Comprensivi con la prevedibile chiusura anche di alcuni punti di erogazione del servizio scolastico (Plesso); mentre delle 13 Scuole Superiori, una sola è sottodimensionata e dovrà essere accorpata ad altra scuola.

Insomma le norme contenute nel Decreto produrranno una caduta verticale della qualità della scuola, un suo impoverimento in termini di nuovi tagli al personale (Dirigente scolastico, Docenti, DSGA, assistenti amministrativi e collaboratori scolastici) e un indebolimento delle scuole pubbliche a unico beneficio delle scuole private. E’ necessario che il Comune e la Provincia di Foggia avviino una larga discussione fra il personale e i soggetti interessati.

[Tonino Soldo è presidente del Circolo Gaia Legambiente di Foggia]

Qualità edilizia scolastica. Foggia è indietro ultima modifica: 2011-11-06T18:25:35+00:00 da Tonino Soldo



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This