Foggia
Gara dominata dai rossoneri

Foggia, pari “in bianco” allo Zaccheria

I rossoneri restano momentaneamente secondi con il Lecce

Di:

Foggia. Termina a reti bianche allo “Zaccheria”. Nel match valido per la 12^giornata del girone C di Lega Pro, Foggia e Catania impattano 0-0: gara dominata dai rossoneri, che però non riescono a scalfire la resistenza degli etnei, guidati da un Pisseri sempre motivatissimo in terra dauna.

Mister Stroppa ritrova Guarna dal 1’, come già annunciato alla vigilia, e schiera un 4-3-3 in cui Padovan resta inizialmente fuori; risponde con un 4-3-1-2 Rigoli, che schiera Mazzarani alle spalle di Paolucci e Di Grazia. Il Foggia mette subito le cose in chiaro, prendendo in mano il pallino del gioco e sfiorando il gol già al 6’, quando, su cross di Sainz-Maza, autore di una bella discesa sulla sinistra, Mazzeo devia, mandando la sfera a lato di poco. Un paio di minuti più tardi, ci prova Chiricò, la cui conclusione termina sul fondo. I rossoneri gestiscono il possesso palla, ma al 27’ rischiano di capitolare, con Fornito che, sugli sviluppi di un angolo, coglie una clamorosa traversa in rovesciata. Nel finale avviene poco altro, da ricordare sicuramente un contropiede non sfruttato da Biagianti che non riesce a servire Di Grazia.

In avvio di ripresa, Stroppa prova a porre rimedio inserendo Padovan al posto di Mazzeo. Al 49’ è però Chiricò ad avere l’occasione per portare avanti i suoi, ma Pisseri si esibisce in un vero e proprio miracolo, mandando la palla in corner. A cavallo del 60’, ci provano ancora Agnelli e Chiricò, ma per la difesa ospite non ci sono pericoli concreti. Al 61’ si rivedono gli etnei, con Biagianti che finalizza il contropiede con un colpo di testa che però termina lontano dalla porta di Guarna. C’è la solita girandola di cambi, Stroppa prova ad inserire Riverola e Sarno, mentre Rigoli punta su Parisi ed Anastasi. L’ultima opportunità concreta arriva a due giri di lancette dal 90’: conclusione dalla distanza di Riverola, ma Pisseri è attento e devia nuovamente in calcio d’angolo. Il recupero non regala ulteriori sussulti, si arriva al triplice fischio: termina 0-0 tra Foggia e Catania, i rossoneri restano momentaneamente secondi con il Lecce (fermato 2-2 a Fondi), ma vedono la vetta allontanarsi, con la Juve Stabia che ha tre lunghezze di vantaggio.

TABELLINO
FOGGIA: (4-3-3) Guarna; Angelo, Empereur, Martinelli, Rubin; Vacca, Agnelli (dal 70’ Riverola), Gerbo; Chiricò, Sainz-Maza (dal 55’ Sarno), Mazzeo (dal 46’ Padovan). A disp.: Sanchez, Tucci, Dinielli, Loiacono, Agazzi, Quinto, Sansone, Sicurella, Letizia. All.: Stroppa.
CATANIA: (4-3-1-2) Pisseri; Di Cecco, Gil, Bergamelli, Djordjevic; Biagianti, Bucolo, Fornito (dall’87’ Bastrini); Mazzarani (dal 68’ Parisi); Paolucci (dal 77’ Anastasi), Di Grazia. A disp.: Martinez, Nava, Piermarteri, Scoppa, Barisic, Calil, Russotto. All.: Rigoli.
Arbitro: sig. Piscopo di Imperia.
AMMONITI: Sarno, Empereur (F); Parisi (C). – ANGOLI: 14-2 per il Foggia. – RECUPERI: 0’ p.t.; 3’ s.t..

(A cura di Salvatore Fratello, Foggia 06.11.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati