Focus risoluzione su criminalità approvata dalla VI Commissione e CPO del CSM

Gargano. Guerra tra clan, estorsioni, maxi importazioni marijuana: l’analisi del CSM

"Con riferimento agli organici, è emersa una strutturale carenza di magistrati, che rende anch’essa difficile sia la celebrazione dei processi, sia la costituzione di sezioni specializzate in materia di prevenzione"


Di:

Roma. ”Nel Gargano la criminalità opera innanzitutto nei tradizionali settori del traffico degli stupefacenti, delle estorsioni, dell’usura, dei furti di auto, delle rapine, in particolare, con assalti a furgoni portavalori e agli sportelli bancomat, della ricettazione. Con particolare riferimento all’ambito dei reati di ricettazione è stato accertato che, di recente, i gruppi criminali stanno sviluppando sofisticate tecnologie per “ripulire” le banconote contrassegnate con elementi di sicurezza”.

E’ quanto emerge nela “Risoluzione in materia di analisi del fenomeno mafioso e criticità per l’amministrazione della giustizia negli uffici giudiziari operanti nella provincia di Foggia nel settore della criminalità organizzata“, approvata dalla VI Commissione e CPO del Consiglio superiore della magistratura.

L’analisi della VI Commissione

“Nel settore degli stupefacenti nel territorio garganico, in particolare in quello di Vieste – si legge-, a decorrere dal mese di aprile, sono stati accertati reati di importazione di rilevanti quantitativi di marijuana, nonché reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina per numerosi sbarchi di clandestini, trasportati su imbarcazioni da diporto, guidate da albanesi e croati, utilizzate anche per il trasporto dello stupefacente.

Altissima è l’incidenza sulla costa garganica delle attività estorsive finalizzate, soprattutto, all’imposizione della guardiania abusiva, molto lucrativa per la presenza sul territorio, con forte vocazione turistica, di molti operatori del settore alberghiero e balneare, costantemente vessati da atti di intimidazione (danneggiamenti seguiti da incendio e minacce), perpetrati in modo seriale e protratto nel tempo. L’assetto della criminalità operante nel comune di Vieste è attualmente molto instabile per i frequenti mutamenti di alleanze tra le varie consorterie criminali, in guerra tra loro per l’acquisizione della supremazia nel controllo delle attività criminali svolte sul territorio. E’ in questo scenario “di guerra tra clan” che si collocano una serie di eventi omicidiari, alcuni solo tentati poichè, sulla base delle indagini svolte, sono emersi collegamenti tra i vari fatti, accomunati da una comune “causale” e cioè l’acquisizione, da parte dei vari gruppi, della supremazia nel controllo delle attività criminali sul territorio di Vieste”.

Si ricorda come nella seduta del 18 ottobre 2017 il plenum ha approvato una risoluzione che analizza la situazione degli uffici giudiziari di Foggia e Bari.

La delibera si colloca nell’ambito dell’azione consiliare in materia di criminalità organizzata (per tutte, la risoluzione in materia di misure di prevenzione patrimoniale e fa seguito alla missione della Sesta commissione a Bari e Foggia, che – dopo i gravi episodi criminali verificatisi nello scorso agosto nel Gargano – si è recata in Puglia per acquisire i dati necessari per un intervento consiliare di supporto agli uffici giudiziari

Nello specifico la risoluzione analizza compiutamente i fenomeni criminali che caratterizzano la provincia di Foggia, sia con riferimento alle tipologie delittuose “tipiche” delle diverse aree, sia con riguardo alle numerose associazioni delittuose che vi operano. Quanto ai reati, è emerso che quelli di maggiore impatto sono usura, estorsione, delitti connessi al traffico di stupefacenti e di armi, rapina, ricettazione, riciclaggio, caporalato. Ramificazioni della criminalità organizzata sono state riscontrate anche nei settori degli appalti pubblici, dell’edilizia e della tutela ambientale. Quanto, invece, alle organizzazioni criminali che operano sul territorio, è stata constatata l’esistenza di numerosi gruppi, spesso in cruenta lotta fra loro.

Sulla base del contesto così descritto, la risoluzione procede ad esaminare la situazione delle attività di contrasto delle forze di polizia e della magistratura, rilevando che quest’ultima è impegnata nella celebrazione di un elevato numero di procedimenti penali, aventi ad oggetto sia reati riconducibili a fattispecie associative (delitti che, molto spesso, implicano la celebrazione di impegnativi maxiprocessi), sia reati non aventi tale connotazione. In parallelo, si registra un notevole incremento di procedimenti volti all’applicazione di misure di prevenzione patrimoniale.

PH ENZO MAIZZI - SAN MARCO IN LAMIS, 09.08.2017

PH ENZO MAIZZI – SAN MARCO IN LAMIS, 09.08.2017

Ciò posto, la delibera registra una serie di criticità, relative all’edilizia giudiziaria e agli organici dei magistrati e del personale amministrativo.

Con riferimento al primo profilo, è emersa una situazione di disagio legata alla obsolescenza delle strutture, che rendono complessa la celebrazione dei processi, sia per la difficoltà di reperire aule adeguate alla celebrazione di maxiprocessi, sia per la vetustà degli immobili stessi.

Con riferimento agli organici, è emersa una strutturale carenza di magistrati, che rende anch’essa difficile sia la celebrazione dei processi, sia la costituzione di sezioni specializzate in materia di prevenzione.

Gli interventi elaborati dal CSM contro le criticità

Sulla base di tale analisi, il CSM ha elaborato una serie di interventi.
In primo luogo, la delibera ribadisce la necessità di un forte raccordo operativo – in fase investigativa – tra la DDA e le varie procure, sia attraverso il coordinamento, sia individuando modelli organizzativi che prevedano una stabile presenza di magistrati della DDA presso i singoli uffici, anche con il ricorso all’istituto dell’applicazione.

Quanto alla carenza degli organici, un primo intervento è già stato effettuato attraverso l’assegnazione delle sedi ai magistrati in tirocinio del D.M. 2017, che andranno a coprire molte delle vacanze. Sono stati difatti assegnati 7 posti al Tribunale di Foggia, 1 alla relativa sezione lavoro e 4 alla procura; a Bari, invece, sono andati 2 posti al Tribunale e 4 alla sezione lavoro.

Altre soluzioni possono consistere in pubblicazioni straordinarie, applicazioni extradistrettuali, nonché nella possibilità di chiedere al Ministero della Giustizia di garantire, attraverso il c.d. posticipato possesso, la contemporaneità fra trasferimenti in entrata e trasferimenti in uscita, così da limitare al massimo le scoperture.

Quanto alla riscontrata necessità di formazione specifica per la trattazione dei procedimenti di criminalità organizzata, che possa condurre alla necessaria specializzazione dei magistrati, è necessario che – attraverso la Scuola superiore (cui la delibera si rivolge) – si incentivi una offerta formativa mirata, anche con riferimento al procedimento di prevenzione.

Quanto, infine, all’edilizia giudiziaria, il Consiglio si è attivato, attraverso il Comitato paritetico, con il Ministero della Giustizia, per individuare le migliori e urgenti soluzioni
allegati.

REDAZIONE STATOQUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA

Gargano. Guerra tra clan, estorsioni, maxi importazioni marijuana: l’analisi del CSM ultima modifica: 2017-11-06T09:34:30+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi