Manfredonia

Manovra, attacco di Rifondazione: “inaccettabili misure su pensioni, Iva e ICI”


Di:

Il premier Monti. Critiche dalla Sinistra dopo l'approvazione della Manovra dal CdM (st - fonte image: lapoliticaitaliana)

Manfredonia – IL circolo del Partito della Rifondazione Comunista – Federazione della Sinistra di Manfredonia, dopo la fine del governo Berlusconi, “non ha visto – a differenza di quanto i rispettivi organi centrali avevano continuato a proporre sino alla fine – il necessario passaggio democratico delle elezioni anticipate”.

“Non v’e’ chi non vede come l’esito del governo Monti produrra’ un quadro che avra’ pesanti effetti negativi sul piano sociale e politico. Quello che il governo Monti ha progettato di fare, invero, non solo e’ iniquo ed intollerabile. E’ anche pericolosissimo, poiche’ semina paura, disperazione e abbia: una miscela esplosiva che puo’ spingere il nostro Paese, gia’ stremato, verso avventure tragiche. Il governo Monti, difatti, e’ un governo costituente”.

“Gli inaccettabili interventi sulle pensioni, sul mercato del lavoro, sull’Iva e sull’Ici, rappresentano un nuovo micidiale attacco alle condizioni di lavoro e di vita delle lavoratrici e dei lavoratori, dei pensionato, dei giovani e delle donne. Mentre gli scenari che si aprono sul versante delle privatizzazioni di quel che resta dell’industria pubblica, dei servizi locali, della stessa riproduzione sociale, se da un lato sono coerenti con gli interessi delle banche e del sistema industriale tedesco, dall’altro prefigurano il rilancio della sussidiarieta’ e degli interessi delle grandi agenzie che operano per la privatizzazione del welfare. E’ un disegno costituente, in cui questo governo puntera’ ad un nuovo equilibrio dei ceti dominati”.

“Per questo chiediamo, a tutte ed a tutti, lo sforzo, quotidiano e concreto, di operare, nei nostri comportamenti, la piu’ ampia opposizione sociale al governo Monti“.


Redazione Stato@riproduzione riservata

Manovra, attacco di Rifondazione: “inaccettabili misure su pensioni, Iva e ICI” ultima modifica: 2011-12-06T14:42:45+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Giuseppe

    Invece di scrivere quello che avete sempre scritto negli ultimi 50 anni, proponete una soluzione. E’ facile criticare, ma poi? Io sono dell’ opinione che siete inutili, assolutamente inutili ai fini sociali e politici (intendo come circolo). Ad un livello più macroscopico(come ex partito nazionale) siete colpevoli nella stessa misura e responsabilità di chi ci ha condotto sull’ orlo del baratro!!!! Siete superati ormai, per noi non ha più senso il sistema partiti…..


  • cosimo

    Giuseppe, fatti furbo loro possono anche essere superati ma se l’unico futuro che ci propinano i “nuovi politici” è quello del potere finanziario vuoldire che siamo messi male e lo saremo sempre di più.La ricetta secondo me per uscire dalla crisi è semplice, basterebbe ridistribuire la ricchezza togliendo ai ricchi e dando ai poveri non come vuol fare monti (non si merita neanche l’iniziale maiuscola)e cioè togliere ai poveri per dare ai ricchi,tieni presente che 6 miliardi della manovra vanno agli industriali.


  • KLAUS

    Di tutto e di più, ma i rimborsi elettorali non sono stati nemmeno presi in considerazione. Pensate, riflettete, si stanno pagando ancora i rimborsi elettorali a partiti che non sono più in parlamento o addirittura spariti come la Democrazia Cristiana. Ricorderete un certo PIZZA che ha fatto causa per essere lui l’erede della DC e quindi pretendere i rimborsi che a questa competevano. Svegliamoci e andiamo con i forconi sotto il parlamento. Un mio amico mi diceva che le rivoluzioni le fann ochi non trova pane nei fornai. Io dico che la rivoluzione in Italia non si può fare perche in piazza del parlamento le autoblinde non possono parcheggiare perchè c’è il divieto di sosta.


  • Luigi

    Lauriola bastaaaaaaaaa!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi