Cronaca

Ridimensionamento scuole San Severo. Damone interroga Sasso


Di:

Damone (Ppdt)

Il consigliere F.Damone (immagine d'archivio - IlGrecale)

San Severo – IL Capogruppo de La Puglia prima di tutto in Consiglio regionale, Francesco Damone ha riproposto un’interrogazione presentata già un mese fa, riguardante la costituzione di 4 Istituti Comprensivi delle Scuole dell’infanzia, Primaria e Secondaria di San Severo. Indirizzata al Presidente Vendola ed all’assessore regionale al Diritto allo studio e formazione, Alba Sasso, l’interrogazione, riepilogando le vicende amministrative che hanno caratterizzato il processo di formazione dei 4 Istituti Comprensivi, richiamando il parere espresso dai dirigenti scolastici degli istituti di S. Severo, gli atti deliberativi assunti dalla giunta comunale del centro foggiano, sollecita valutazioni sul tema “allo scopo di tranquillizzare tutti i cittadini di San Severo” scrive Damone nel dispositivo dell’interrogazione.

Nel testo, il capogruppo della PPDT non manca di ricordare come già nel recente passato abbia avanzato considerazioni sulle modalità seguite per aggregare gli istituti scolastici, procedura che non avrebbe rispettato alcuni fondamentali parametri legislativi, come riconosciuto anche dalla Provincia di Foggia. Di qui l’invito all’assessore Alba Sasso ad intervenire sollecitamente per dare attuazione alla pianificazione della rete scolastica sanseverina secondo le indicazioni fornite da docenti e Consigli di Istituto cittadini.

L’INTERROGAZIONE – Premesso che:
-ho fatto un primo intervento sul tema in data 7.11.11, che richiamo integralmente;
-vi è stata una nota sottoscritta da tutti i Dirigenti Scolastici delle scuole di San Severo del 1° ciclo di istruzione in data 11.11.11 (che propone la “costituzione, nel Comune di San Severo, di n. 4 Istituti Comprensivi che, nel rispetto di criteri di equità, imparzialità e correttezza, permettano di: valorizzare la specificità di ogni Scuola, con la sua memoria storica e il suo patrimonio di esperienze e risorse; contrastare la frammentazione delle realtà scolastiche preesistenti; accorpare sulla base dell’omogeneità dei bacini di utenza; rispettare la continuità didattica … grazie alla salvaguardia delle singole identità scolastiche, mantenere l’assetto organizzativo di ciascuna scuola, con ripercussioni positive sul piano didattico e sull’offerta formativa, porre premesse solide per una funzionale stabilità nel tempo”;
-vi è stata una delibera di Giunta Comunale di San Severo n. 3111 del 15.11.11;
-a seguito di tale delibera ho formalizzato una lettera aperta in data 22.11.11, con la quale, intendendo sgombrare il campo da ogni polemica e strumentalizzazione sul tema, ho chiesto di garantire una scelta che risponda all’esigenza primaria di tutelare il bene comune delle varie componenti incise: gli studenti, le famiglie, gli insegnanti, il personale tutto ed i dirigenti;
-dall’esame della documentazione è emerso che è stato largamente condivisa la scelta di procedere – in conformità a quanto previsto dalla legge – all’aggregazione in Istituti Comprensivi delle scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie, mediante la costituzione di 4 Istituti (conformemente a quanto deliberato dai Collegi dei Docenti di tutte le 9 istituzioni scolastiche del territorio);
-ho esposto alcune considerazioni sulle modalità adottate per addivenire a tale risultato, in quanto la legge, come noto, prevede la necessità che le scuole vengano aggregate in Istituti Comprensivi con almeno 1000 alunni, mentre la delibera comunale non rispettava tale parametro, lasciando in piedi 5 Istituti con meno di 1000 alunni (tutte le scuole secondarie e il 5° circolo) e sopprimendo il 3° Circolo Didattico “Umberto Fraccacreta”, smembrandolo in due Istituti Comprensivi con due Scuole Secondarie (Zannotti-Giovanni XXIII e Beato Padre Pio); nonostante la divisione della scuola primaria i due Istituti Comprensivi restano sotto i 1000 alunni;
-ho evidenziato le conseguenze negative di tale smembramento, che oltre a non risolvere in radice il problema, avrebbero creato enormi problemi logistici, educativi e sociali alla città, con enormi disguidi logistici (la delibera prevede lo spostamento dei bambini di scuola primaria nei plessi delle secondarie), ignorando le precise indicazioni della riforma, ignorando le indicazioni date dalla Regione sul tema e non facendo chiarezza sull’assetto definitivi.
-con delibera di Giunta Comunale n. 333 del 24.11.11 l’Amministrazione di San Severo ha approvato la proposta venuta dagli operatori scolastici tutti;
-con delibera di Giunta Provinciale n. 349 del 30.11.11 l’Amministrazione Provinciale di Foggia, seppur tacendo ogni riferimento nel corpo della delibera alla realtà di San Severo, ha espresso un parere di non condivisione evidentemente immotivato, sintetico e apoditticamente indifferente rispetto alle molteplici ragioni poste a base della proposta della Città di San Severo;
-il mero riferimento aritmetico al numero di alunni (senza alcuna analisi delle dinamiche demografiche, della storia degli istituti, della logistica dei fabbricati scolastici), testimonia di una istruttoria che la stessa delibera della Provincia di Foggia riconosce superficiale e comunque non condivisibile;
-la mera affermazione che potrebbero esserci 6 o 7 istituti comprensivi fa emergere con chiarezza della siderale distanza della proposta rispetto alla realtà di San Severo (come si fa ad affermare una cosa tanto irrealizzabile e inipotizzabile per storia, logistica, tradizione, continuità didattica, rispetto degli operatori?);
-vanno invece difesi i criteri indicati dalla legge e dalla Regione (territorialità, storia dell’utenza, sevizio alle famiglie, buon funzionamento ed efficienza degli Istituti), per cui è necessaria una approfondita analisi della questione per dare una soluzione gradita alla totalità dei protagonisti delle scuole di San Severo e condivisa dalla Città;
-la pianificazione della rete scolastica di San Severo deve andare – come chiesto dai docenti, dai dirigenti, dai Consigli di Istituto e, da ultimo, dall’Amministrazione di San Severo – verso i 4 Istituti Comprensivi di numero superiore a 1000 alunni, per cui si devono accogliere le volontà espresse dalla Città di San Severo con conseguente sodalizio dei 4 circoli primari con le 4 scuole secondarie in conformità ai principi ispiratori sopra indicati.
***
Alla luce delle premesse, il sottoscritto Consigliere Regionale di San Severo dott. Francesco DAMONE
interroga
il Presidente della Giunta regionale e l’assessore Regionale al Diritto allo Studio e Formazione dott.ssa Alba Sasso per conoscere IMMEDIATAMENTE le loro valutazioni sul tema, allo scopo di poter tranquillizzare tutti i cittadini di San Severo.

Ridimensionamento scuole San Severo. Damone interroga Sasso ultima modifica: 2011-12-06T17:05:55+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi