Manfredonia

Abusivismo 12 immobili Siponto, Riesame rigetta il dissequestro

Di:

Un momento del sequestro (30.10.2012@)

Foggia/Manfredonia – IL Tribunale del Riesame di Foggia ha rigettato il dissequestro di 12 villette, in località Siponto a Manfredonia, oggetto del provvedimento di sequestro preventivo – emesso dal G.I.P di Foggia, dott.ssa Rita P.Curci, su richiesta del pm, dott. Antonio Laronga – per il reato di lottizzazione abusiva. L’operazione era stata condotta, il 30 ottobre 2012, dai finanzieri della Compagnia di Manfredonia – Comandante Ten. Carmine Lenza.


Il sequestro.
Il sequestro era stato effettuato a conclusione di articolate indagini svolte in materia di reati urbanistici, basate su “collaudate modalità operative”. In particolare, i rilievi fotografici delle aree edificate sospette – effettuati dalla Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Bari – erano stati riscontrati con la documentazione tecnico-amministrativa in possesso dei Comuni. Dalle investigazioni dei finanzieri di Manfredonia su un complesso residenziale formato da 12 case-vacanza – per un valore complessivo di circa 3 milioni di euro – a pochi metri dalla costa sipontina, è emersa la mancanza delle autorizzazioni di salvaguardia ambientale previste per la zona interessata, vincolata sotto il profilo archeologico, idrogeologico e ambientale trattandosi di un’area rientrante nel Parco Nazionale del Gargano.


12 i soggetti denunciati.
A carico dei 12 possessori (denunciati) delle villette la contestazione del reato di lottizzazione abusiva. Le indagini della Guardia di Finanza erano partite da oltre un anno (dall’aprile del 2011 al marzo 2012, con al comando il Tenente Enrico Della Valle) con particolare attenzione mostrata nei confronti dei minori presenti negli immobili, a carico dei famigliari interessati dalle notifiche.

Dall’indagine intercorsa gli immobili sequestrati fanno riferimento a quelli monitorati. Si ricorda che le sanatorie possono essere attuate con legge dello stato: la conseguenza di un abuso è o la confisca – con apprensione del bene al patrimonio dello stato – o la demolizione con il ripristino dell’area come era in precedenza.


Nella sentenza del 20.11.2012, il Riesame di Foggia ha dunque rigettato in toto le richieste dei legali – dei 12 soggetti denunciati – riconoscendo il fumus del reato di lottizzazione abusiva. Come riferito, si tratta di 12 immobili – “ad uso abitativo” – realizzati nel Podere 12 della località Siponto, su terreno di proprietà del Consorzio di Bonifica di Capitanata, con suolo – come altri – in corso di trasferimento all’Ente comunale. I legali avevano avanzato anche la richiesta di facoltà d’uso degli immobili, in alcuni casi, per “fini umanitari” (presenza di soggetti con minori, con situazioni anche di residenza).

Da quanto emerso, per talune posizioni si preannuncerebbe il ricorso in Cassazione dopo il rigetto del dissequestro. Nelle more della sentenza del Tribunale di Foggia il Pm avrebbe chiesto una proroga delle indagini.

FOCUS


ABUSIVISMO SIPONTO, IL CASO SUOLI (IN CORSO IL TRASFERIMENTO DEI SUOLI ALL’ENTE COMUNALE)


SIPONTO, ALTRI CASI DI ABUSIVISMO: LE DIFFIDE A DEMOLIRE DEL VII SETTORE DEL COMUNE

g.defilippo@statoquotidiano.it


Slide (Photogallery)




VIDEO





Vota questo articolo:
17

Commenti


  • giiuanumunicip

    Se c’era controllo del territorio, non si sarebbe arrivato a tale stato di cose… le case non sono come i funghi che nascono/crescono in una nottata!!!


  • Grazie Stato Quotidiano

    Una Nazione totalmente allo sfascio..mi domando quali stimoli possa avere un imprenditore straniero voglioso di investire nella nostra cara Italia.


  • Ziobello

    Date l’esempio le devono abbattere le casa …


  • Grazie Stato Quotidiano

    Caro Zio bello, non hai capito un tubo di come vanno le cose qui a Manfredonia in pieno meridione. Nessuno avrà il coraggio, tanto sono (inette e pavide le istituzioni), che quelle case resteranno li x sempre..visto che è un Far west e allora forse queste persone che hanno costruito le case abusive hanno approfittato della situazione.
    Un pò come la feccia della delinquenza dell’Est e del nordafrica che viene a delinquere in Italia perchè sa di trovare politici,istituzioni, giudici e leggi
    da totale ” buonismo” e quindi ne approfitta per la buona accoglienza, eventuali sussidi, tende di Abramo, mense della Caritas e licenza di delinquere. Ovviamente ci sono anche tanti lavoratori stranieri e straniere oneste che meritano davvero rispetto. Quindi il mio discorso non è xenofobo ma rivolto solo a chi delinque..e che non può farlo nel proprio paese, viene a farlo da noi che siamo considerati una massa di coglioni.


  • Ziobello

    Stato io ho capito bene ma da qualche parte bisogna incominciare …. Io purtroppo ho viaggiato in europa e oltre x lavoro poi ho deciso di stabilirmi al nord e credimi quando vengo a Manfredonia mi viene da piangere uno sentire tanta gente che ragiona a modo loro sono contenti di nn rispettare l’istituzione e marciare senza regole poi mi chiedo nn vi lamentate che il paese nn cresce …


  • ubell

    Ma tanto il comune nn ha i soldi per abbatterle…….(mah)


  • kallip

    quelle persone che hanno costruito sono gente che non ha la possibilita’di aquistare un immobbile di 200.000 mila euro.come fanno tutti i ricconi di manfredonia. perchè manfredonia è ricca come citta’,visto i costi.una povera persona che non rubba vive onestamente con 20.000 euro costruisce un all’oggio per vivere. se era un ma—– come — dite comprava una villa come voi di 300.000 mila euro.


  • Vito

    Signori intatanto andate a pagare l’IMU all 1.06% e poi chiedete al Sindaco e ai Vigili in che città vivono…perchè di tutto quello che succede a Manfredonia non ne sanno mai niente.


  • MANFREDONIANA

    TROPPO FACILE SVEGLIARSI LA MATTINA E DECIDERE DI COSTRUIRE SU TERRENI DEL COMUNE,E LA GENTE CHE PAGA AFFITTI E MUTUI ALL’ ORA è GENTE FESSA???????????CREDONO DI ESSERE HA HOLLIWOOD E COSTRUIRSI VILLE DEL TIPO BEAUTIFUL…MA PER FAVORE


  • Grazie Stato Quotidiano

    Chi si sveglia la mattina e decide di costruire sui terreni del Comune o altrove a proprio piacimento o di aprire un’attività clandestina, non lo fa perchè crede di trovare negli U.S.A (LI TI SBATTONI IN GALERA E DURANTE LA
    GALERA TI MANDANO A LAVORARE CON LE CATENE AI PIEDI SOTTO STRETTA SORVEGLIANZA ARMATA), chi a Manfredonia si macchia di certi reati lo fa semplicemente perchè è conscio di vivera la propria umile esistenza nella
    celeberrima “CITTA’ DEI BALOCCHI”.
    Buona notte


  • MANFREDONIANA

    si ma questo nn giustifica nulla…io nn oserei mai spendere soldi su un posto dove nn ho garanzia e so che da un giorno all altro il comune puo decidere di buttarla giu’….preferirei pagarmi l affitto e so che di casa nn puo buttarmi fuori nessuno(finche’ si e regolari nel pagare ovviamente)


  • U Carnvel

    Ecco un altro esempio di critiche gratuite???? Ma io dico vi siete informati chi ci abita in quelle villette????No allora ve lo dico io…son tutte persone che nn hanno un becco di un quattrino…e’ vero si son macchiati di un reato su un suolo che nn e’ di proprieta’..ma hanno costruito case con 10-15 mila euro… fatta a mano da loro…il che’ chimarle vilette vacanza mi fa un ridere perche’ anche dalla immagini scattate piu’ che un villaggio vacanza sembra che ci sia il degrado di Scampia…io direi invece se proprio dovete abbatterle date degli alloggi popolari a queste persone che nn posso pagare i grandi imprenditor manfredoniani…..a questo punto vi pongo una domanda??? ma l’edilizia Popolare a Manfredonia dove sta?????? Questa e’ una conseguenza di tale mancanza…..la gente e’ arrivata a viver in quei posti assurdi perche’ certamente e’ meglio che viver sotto i ponti……


  • Grazie Stato Quotidiano

    x Manfredoniana, nessuno butterà le case giù, vedrai che i politici sistemeranno la faccenda con qualche condono, la vuoi capire che Manfredonia è la città dei Balocchi e che nessuno mai chiamerà (neanche la magistratura foggiana) le ruspe dell’Esercito per fare tabula rasa delle case abusive?


  • MANFREDONIANA

    per grazie stato quotidiano….gran parte di quelle case costruite molti anni fa sono state gia condonate fidati..hanno gia pagato il condono,ma questo nn è servito ad un bel niente…conosco personalmente questo problema….per ucarnvel…concordo con te,le abbattessero’ ma dopo avergli dato un posto sicuro dove vivere,,ci sono tanti proprietari di case popolari ke hanno le case arredate per nn farsele togliere ma vivono al nord da anni…questa è truffa…..


  • Grazie Stato Quotidiano

    Se hanno pagato il condono, hanno espiato la colpa, a maggior ragione non possono abbatterle. A meno che il condono non era attitente a tutto il fabbricato ma ad un piccola parte di esso.


  • Franco

    Ridicolo il ricorso al Riesame e ancora più ridicolo il ricorso in Cassazione. SOLDI BUTTATI…


  • U Carnvel

    x Manfredoniana….. infatti…. abbiam da ridire su chi si e’ costruito una casetta a siponto per la disperazione ma non vediam tutti i proprietari di case popolari che sfoggiano auto di lusso,garage attrezzati ad altri appartamenti tipo …..depandance!!! allora controlliamo queste persone quante proprieta’ anno…..!!! Io invece direi di cercar di regolarizzare gli immobili a siponto…e cercar di fermare questo fenomeno con piu’ fermezza,specialmente in quel di Siponto!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi