Cronaca

Codacons: obbligo pneumatici invernali fuori dalle città, folle

Di:

Pneumatici invernali (st - Ph: motorlive)

E’ in arrivo sul fronte dei trasporti un provvedimento iniquo, ingiusto e palesemente dannoso per i cittadini italiani. Nella bozza del maxi emendamento del Governo al disegno di legge n. 3533 di conversione in legge del decreto-legge 18 ottobre 2012, n.179, recante “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”, è inserito un comma che obbligherà gli automobilisti ad utilizzare solo ed esclusivamente pneumatici invernali fuori dai centri abitati.

Il comma in questione, firmato dai Senatori Paravia e Ghigo della 10° Commissione, recita testualmente: “prescrivere al di fuori dei centri abitati, in previsione di manifestazioni atmosferiche nevose di rilevante intensità, l’utilizzo esclusivo di pneumatici invernali, qualora non sia possibile garantire adeguate condizioni di sicurezza per la circolazione stradale e per l’incolumità delle persone mediante il ricorso a soluzioni alternative”. “Questa misura non è altro che un maxi regalo milionario alle aziende che producono pneumatici termici, e non produrrà alcun miglioramento sul fronte della sicurezza stradale – afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – Non è possibile infatti obbligare per legge gli automobilisti ad utilizzare gli pneumatici invernali al posto delle catene da neve, e il fatto che debbano essere i gestori delle strade a decidere sull’adozione del provvedimento fuori dei centri abitati, creerebbe confusione e situazioni diversificate tra una arteria e l’altra”.

Per tale motivo, il Codacons annuncia un esposto contro l’assurdo obbligo, per verificare se questo configuri un ingiusto beneficio a favore delle aziende del settore, e impugnerà nelle sedi opportune il provvedimento allo scopo di impedirne l’applicazione.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
3

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi