CulturaManfredonia

Fate rivivere Eugenio

Di:

Manfredonia, mare, gabbiani (altervista@)

A parlar del “Palazzo San Domenico “non è un difetto è il luogo della concordia di custodia cautelare del minimo espressivo di linguaggio, paradossalmente anche se ha la pretesa di girar le spalle al cittadino, e dire oggi sono di cattivo gusto, ammesso il caso che sappiano qualcosa, coloro che usano questa arroganza.. sono figli di questo ‘secolo’che sarebbe tradotto in toscano,”capaci di sonare la buccina”..ad ogni loro pensiero intellettivo vendono il tempo al naso e il fumo all’occhio,pur qualcuno ci dovrà cascare.

Già, mi dicevano che il capo ”sommo ebdomadario” ha una certa padronanza, sì, fu per appunto mio nonno che mi raccontò dell’anno 2012.. avrebbe soprasseduto un’ Signore’ dalla sostanza di liofobo,un certo sinistra – destra ..ma già, quale è la destra e la sinistra.. giuro che sono in tanti a non saperla distinguere, fanno fatica ,alla fine si convincono che sono tutte due destre. Ma veniamo al bando della matassa,che io ricordi da bambino non ho mai.. nè visto, nè sentito, che un capo che gioca all’ala sinistra aveva un preparatore atletico di destra.. domanda sciocca ma pur fine però ..’saranno amici’. Ma che vuoi che capisca io di politica,al limite posso capire bene la storia del “francescanesimo” ..forse, proprio se così si può dire.

Devo però, e mi ha incuriosito un certo assessore alla “cultura minuscola”.. assoluto dominatore del campo dell’arte di chi non so chi sei? Forse quella sua personale la sa, parla di catechesi ,al punto fine, niente in contrario. Mi permetto in piena franchezza e non dimenticherò mai “il povero caro Eugenio per gli amici Sasà ..”colui che ha dato tanto, alla storia del vecchio partito Comunista , fino a pochissimi anni fa ..poi ahimè preso da un male incurabile,è scomparso in modo rapido e prematuro .. Il grande Eugenio, mi permetto dire questo, perché ho certezza ..tutti l’hanno già dimenticato.

Ha visto passare in quelle piccole e lugubre sale, personaggi di grande spicco e tutta la vita politica già prima degli anni ’70 .. la cosiddetta serie’ A’. L’anima di una vita dedicata a portare su idee e reclutare su nuove leve … e per appunto una di queste ,e proprio il destrino – sinistro, che ricopre la carica al chiosco dei monaci politici. Mi ritornano in mente le parole di Eugenio,quando mi disse:- Mi hanno abbandonato in modo crudo e disgustoso ,e i nomi che mi ha fatto erano in quelli che sono.” Chi siete voi” ? Mi soffermo perché .. non sono mie qualità a parlar di queste cose ! La mia vita è concentrata su Camaldoli e La Verna ..dove vivevano un mondo migliore, che in minima parte mi aspettavo al mio ritorno a casa,ma mi sa che la situazione è peggiorata, è una questione del fiorito che non è buona. “Vostro devotissimo “ mi auguro di tutto cuore , per un riconoscimento da parte vostra ad” Eugenio La Scala”. Vi sarò grato se riconoscesse in me il pensiero, come quello di tante e tante persone: la gente non va mai dimenticata, rivive in noi e per noi.

(A cura del poeta e cantautore Claudio Castriotta)



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Galan

    Eugenio meritavi molto ma ti hanno dato poco poco,con i tuoi sani gesti di aiutare tutti..Hai fatto nascere tutti i politici di sinistra che oggi dovrebbero rappresentare Manfredonia,ma non lo fanno..Grazie per quello che hai fatto.Per tutti “Eugenio La Scala detto Sasà”,per tanti anni segretario del siindaco Magno e del sindaco Campo papà di Paolo.Un saluti a tutti quelli che vorranno comprendere la giustizia di questo articolo che solo uno come il Castriotta poteva vaere la bontà di scriverlo,per il suo modo di raccontare le cose che non vanno dimenticate.Grazie Redazione.


  • Redazione

    Grazie al sig. Castriotta, a Lei; buona giornata; Red.Stato


  • lalla

    Ci manca Eugenio ma io non lo dimentico… giornate intere per organizzare le festa tanto amata da lui…. sempre onesto ed essenziale! Ciao da come chiamavi tu Lella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi