Lavoro

FIOM CGIL: 5 e 6 dicembre, otto ore di sciopero generale e manifestazioni

Di:

Proteste dipendenti FIOM (image STATO@)

LE tute blu della CGIL sono sul piede di guerra. Al via oggi la due giorni di sciopero generale di 8 ore e manifestazioni in tutta Italia indetta dalla FIOM CGIL “per la democrazia, il Contratto, il reddito, l’occupazione”. Una mobilitazione promossa dai metalmeccanici della CGIL per dire no a Federmeccanica e alla sua scelta di procedere verso un accordo separato sul Contratto nazionale della categoria.

A dare il via alla due giorni di proteste, mercoledì 5 dicembre sono la Lombardia, le Marche e la Toscana. A Milano, l’appuntamento è per le ore 9.30 a Porta Venezia. Da qui, un corteo muoverà verso piazza Duomo, dove il comizio conclusivo sarà tenuto da Maurizio Landini, Segretario generale della FIOM CGIL, Nino Baseotto, Segretario generale CGIL Lombardia, e Mirko Rota, Segretario generale FIOM CGIL Lombardia. A Firenze l’appuntamento è per le ore 9 a piazza dell’Indipendenza. Da qui un corteo si dirigerà verso piazza Strozzi dove prenderà la parola Giorgio Airaudo, Segretario nazionale FIOM CGIL. Infine, ad Ancona il concentramento è fissato per le ore 9 nei pressi del porto (zona Mandracchio). Il comizio conclusivo sarà tenuto da Roberta Turi, Segretaria nazionale FIOM CGIL.


Giovedì 6, a scendere in piazza saranno i lavoratori delle altre 17 regioni.


Per il Veneto la manifestazione regionale si svolgerà a Padova dove interverrà Maurizio Landini. Il concentramento dei manifestanti è fissato per le ore 9 nel piazzale della Stazione ferroviaria. Un corteo partirà da qui diretto a piazza dei Signori. A questa iniziativa parteciperanno anche i metalmeccanici del Trentino-Alto Adige. In Valle d’Aosta il concentramento alle ore 9.30 a Aosta, in piazza Émile Chanoux.


In Piemonte l’appuntamento è a Torino, alle ore 9.30, nel piazzale antistante la Stazione ferroviaria di Porta Susa. Da qui partirà un corteo alla volta di piazza Castello. Nel corso del comizio conclusivo, prenderanno la parola delegati provenienti dalle diverse provincie della Regione, Alberto Tomasso, Segretario generale della CGIL Piemonte, e Giorgio Airaudo, Segretario nazionale Fiom.


In Friuli-Venezia Giulia il concentramento regionale si terrà a Pordenone, alle ore 9.30, in largo San Giovanni. Qui prenderanno la parola Michela Spera, Segretaria nazionale Fiom-Cgil, Franco Belci, Segretario generale della Cgil Friuli-Venezia Giulia, e Gianpaolo Roccasalva, Segretario generale della Fiom regionale.


In Liguria a partire dalle ore 9.30, in questa regione, si terranno una serie di manifestazioni territoriali davanti alle varie sedi provinciali della Confindustria.


In Emilia Romagna manifestazione regionale a Bologna. Il concentramento è fissato alle ore 9.00 in piazza di Porta Saragozza. Da qui partirà un corteo diretto a piazza Ravegnana, dove prenderà la parola Bruno Papignani, Segretario generale Fiom Emilia-Romagna.


In Umbria come in Liguria, la giornata di lotta sarà articolata. In provincia di Perugia, presídi e iniziative si terranno davanti a diverse fabbriche: alle ore 12 alla Terexfis di Umbertide; alle ore 14 davanti alla Iver Plast/Emu di Marsciano; infine, alle ore 16, davanti alla Isotta Fraschini di Spoleto. Presídi a Terni davanti a diverse imprese metalmeccaniche, dove sarà presente Gianni Venturi, coordinatore nazionale siderurgia della Fiom.


Nel Lazio l’appuntamento a Roma, alle ore 9.30, in piazza della Bocca della Verità. Un corteo si dirigerà verso piazza Farnese, dove il comizio conclusivo sarà tenuto da Francesca Re David, neo Segretaria regionale della Fiom Lazio, e da Canio Calitri, della Segreteria regionale.


In Abruzzo si terranno in mattinata diverse iniziative articolate a livello provinciale.


In Molise alle ore 10, a Isernia, sarà effettuato un presidio davanti alla sede della locale Associazione degli industriali. Successivamente, una delegazione di scioperanti sarà ricevuta in Prefettura, ove esporrà le motivazioni dell’iniziativa di lotta.


In Campania manifestazione regionale a Napoli. Concentramento a piazza Mancini, a partire dalle ore 9:30. Poi corteo fino al Palazzo della Regione, dove parlerà Massimo Masat, coordinatore nazionale Finmeccanica della Fiom.


In Puglia la manifestazione regionale si tiene a Bari. Il concentramento degli scioperanti avrà luogo, a partire dalle 9:30, in piazza della Prefettura. Qui il comizio conclusivo sarà tenuto da Michele De Palma, coordinatore nazionale auto della Fiom.


In Basilicata a Potenza, a partire dalle ore 9.30, presidio davanti alla sede regionale della Confindustria. Il comizio conclusivo sarà svolto da Massimo Brancato, della Fiom nazionale.


In Calabria manifestazione regionale a Catanzaro, a partire dalle ore 10, davanti alla sede regionale della Confindustria. Comizio conclusivo di Sergio Bellavita della Fiom-Cgil nazionale.


In Sicilia manifestazione regionale a Palermo. Il concentramento è fissato a partire dalle ore 9.30 in piazza Marina. Un corteo partirà da qui alla volta di piazza Indipendenza, ove il comizio conclusivo sarà tenuto da Rosario Rappa, Segretario nazionale della Fiom.


In Sardegna concentramento regionale a Cagliari, a partire dalle ore 9.30, in piazza Garibaldi. Prenderà la parola Laura Spezia, della Fiom-Cgil nazionale.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi