Musica

In ricordo di Piero Ciampi (AUDIO)

Di:

Un momento della serata (st)

IN ricordo del cantautore Livornese Piero Ciampi, “il più grande poeta degli anni ’80”.

Di seguito una canzone che ho cantato ad Albissola Marina, accompagnato dal Trio insieme al cantautore e poeta Marco Giacomozzi di Verona vincitore del premio Tenco per opera prima. La mia canzone si intitola ‘Vorrei che la Vita fosse più buona’. Questa una delle mie ultime esibizioni, la canzone è dedicata al grandissimo cantautore Livornese Piero Ciampi che è stato il più grande poeta degli anni ’80. Per via del suo carattere molto particolare fu sempre censurato in Rai oppure mandavano le sue apparizione all’una di notte.

Peccato perchè si era ridotto in uno stato pietoso causa ‘eccessivo consumo’ del suo amato Chianti. Grazie Piero per la mia formazione e per quello che mi hai potuto insegnare dai tuoi scritti e dalle tue musiche insieme al grande musicista e maestro Marchetti.

Clip audio



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Barto

    Grande Claudio mi ricordo di quella serata, esibizione straordinaria accompagnato dal trio e dal bravissimo cantautore Marco Giacomazzi,che nel 2008 ha pubblicato un disco di classe “La meraviglia”.Per finire ricordare il grande Piero è cosa davvero giusta,molto ragguardevole nei confronti di uno che ha fatto della musica una poesia di vita.Auguri,ciao Barto


  • Galan

    Meravigliosa serata del 9 di luglio 2005,al locale della “Terrazza” di Albissola Marina (SV)ciao a presto.


  • Claudio Castriotta

    Nel 1980 del 19 gennaio moriva il grande poeta cantautore livornese Piero Ciampi – persona scomoda a tanti per i suoi testi impegnati . Ciampi è stato un grande , anticipando tutti i tempi . Le sue apparizioni in televisione furono rare , sempre dopo la mezzanotte. Diceva Piero – Ha tutte le carte in regola per essere un artista: ha un carattere melanconico, breve come un irlandese. Se incontra un disperato non chiede spiegazioni. ” Da “Ha tutte le carte in regola”. Lo chiamavano il cantante di domani, collaborava con il grandissimo maestro pianista Marchetti. La sua musica fu una porta che si spalancò sui mondo oscuri e impossibili .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi