Manfredonia

Si assenta momentaneamente durante turno, condannato farmacista

Di:

Manfredonia Si assenta momentaneamente durante turno, condannato farmacista (Ph: museofarmacia@)

Foggia – “SONO “Sono momentaneamente assente, chiamatemi a questo numero”: un messaggio che, al farmacista di turno, oggi può costare la condanna per “interruzione di pubblico servizio”!. La Suprema corte di Cassazione, infatti, ha recentemente stabilito che, quando la farmacia di turno risulti non reperibile all’utenza, vi è un obiettivo “turbamento della regolarità del servizio farmaceutico”. (così Cass. sent. n. 46755 del 3.12.2012)

Non influisce sulla circostanza del reato neanche il fatto che il farmacista abbia affisso un cartello con il proprio numero di telefono o che, nelle adiacenze, vi siano altre farmacie aperte e reperibili o, addirittura, vi sia il presidio urgente ospedaliero. La legge infatti garantisce ai cittadini l’accesso il più tempestivo e il meno disagevole possibile alle prestazioni pubbliche inerenti il servizio sanitario. La “tutela della salute” è infatti un bene tutelato dalla stessa Costituzione e non ammette deroghe.

Pertanto, ogni qualvolta il farmacista di turno non assicuri il tempestivo adempimento del servizio farmaceutico, vi è una condotta passibile di denuncia penale per “interruzione o sospensione del servizio”.

(A cura dell’Avv. Eugenio Gargiulo)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi