"Prima hanno iniziato dal vetro adesso lo stagno"

Appello lavoratori Manfredonia Vetro “Aiuto, vogliono smantellare il sito”

i lavoratori preannunciano di aver "allertato tutti i livelli politici confermando la volontà di voler difendere il sito, nulla uscirà da lì"


Di:

Manfredonia/Monte Sant’Angelo, 6 dicembre 2017. ”Il curatore fallimentare – disattendendo completamente le attenzioni del presidente Emiliano e le indicazioni del verbale dell’incontro svoltosi al MiSE di Roma, il 1° primo febbraio 2017-, ha indetto sostanzialmente lo smantellamento del sito. Difatti, con la vendita dello stagno si sta procedendo a smembrare tutto il sito della Sangalli Vetro Manfredonia, in località Macchia di Monte Sant’Angelo. Prima hanno iniziato dal vetro adesso lo stagno, necessario per la ripartenza. Dobbiamo evitare che questa cosa accada. Adesso bisogna spingere per un tavolo ministeriale affinché Teresa Bellanova, o chi per essa, faccia valere quel verbale e impedisca al curatore fallimentare di procedere in questo senso”.

Questo l’appello a StatoQuotidiano di un gruppo di lavoratori della Manfredonia Vetro di Manfredonia.

L’asta

Come risaputo, lo scorso 30 novembre 2017, alla presenza del Curatore dott. Luigi Di Fant nello studio di Treviso, era stata fissata procedura competitiva volta all’aggiudicazione delle giacenze di magazzino (vetro) oggetto di vendita ed appartenenti al fallimento “Sangalli Vetro Manfredonia” N. 38/2016 – del Tribunale fallimentare di Treviso, dr.ssa Elena Rossi -, oggetto di offerta irrevocabile di acquisto pervenuta al Curatore per l’importo di Euro 2.000.000,00, cauzionata del 10%.

FOCUS Asta per acquisto 3 aziende Sangalli Vetro
Come invece già ricordato, è andata “deserta” anche la seconda asta per la vendita congiunta in un unico lotto delle 3 aziende di proprietà dei fallimenti Sangalli Vetro Manfredonia S.p.A., Sangalli Vetro Satinato S.r.l. e Sangalli Vetro Magnetronico S.r.l., esercitate a Monte Sant’Angelo (FG), nella zona ASI – ex Enichem, “composte dal complesso degli immobili ed attrezzature per la produzione di lastre di vetro float chiaro ed extra-chiaro, di vetro stratificato, di vetro satinato e di vetro coatizzato per il risparmio energetico ed il controllo solare“.

In particolare, si fa riferimento al fallimento N. 38/2016, Giudice Delegato dott.ssa Elena Rossi, curatore dott. Luigi Di Fant – al fallimento N. 183/2015, Giudice Delegato dott.ssa Caterina Passarelli, curatore dott.ssa Maria Franziska Fiori – al fallimento N. 185/2015, Giudice Delegato dott. Gianluigi Zulian, curatore dott. Fabio Marchetto.

focus – Ecco come il Tribunale ha dichiarato il fallimento della Sangalli

Il Verbale di incontro – Gruppo Sangalli – 1° febbraio 2017

Come indicato dai lavoratori, il 1° febbraio 2017 si era svolto l’incontro del tavolo tecnico riguardante le società pugliesi Sangalli Vetro Manfredonia, Sangalli Vetro Satinato e Sangalli Vetro Magnetronico in procedura fallimentare. Tra l’altro, “Il Presidente Emiliano e la Vice Ministra Bellanova “avevano “espresso preoccupazione per l’allungamento dei tempi della procedura di asta e il rischio che non siano compatibili con la durata degli ammortizzatori sociali di cui usufruiscono attualmente gli addetti di Manfredonia. Hanno pertanto chiesto ai curatori fallimentari l’impegno di accorciare il più possibile il periodo di pubblicità del bando e in generale i tempi della procedura d’asta“.

I curatori” avevano dichiarato che “previa autorizzazione del tribunale, si cercherà di accorciare il più possibile i tempi di presentazione del bando” auspicandosi che l’asta si fosse potuta concludere “entro inizio marzo 2017“.

La Vice Ministra Bellanova aveva concluso l’incontro “chiedendo ai curatori l’impegno a prendere in considerazione innanzitutto le offerte relative all’acquisizione dell’intero compendio dei beni delle tre società del Gruppo Sangalli in fallimento, che siano finalizzate alla ripresa delle attività di produzione di vetro, e quindi a non procedere verso vendite parcellizzate prima de prossimo incontro del tavolo tecnico di confronto presso il MiSE”.

Forno di produzione Sangalli Vetro Manfredonia (IMMAGINE D’ARCHIVIO, 2014)

La scadenza della Cig

Ieri intanto il senatore Dario Stèfano aveva espresso la propria preoccupazione per il futuro dei lavoratori della Manfredonia Vetro “Il 16 dicembre è prevista la scadenza della cassa integrazione e i lavoratori della Manfredonia Vetro rischiano dunque il licenziamento proprio in un momento in cui sembra essere vicina la risoluzione della loro vicenda“.

L’appello dei lavoratori

Da parte loro i lavoratori preannunciano di aver “allertato tutti i livelli politici confermando la volontà di voler difendere il sito, nulla uscirà da lì“.

FOCUS
FOCUS VERTENZA – L’INCONTRO AL MISE DEL 19.07.2017

Sangalli Manfredonia “Il 19 luglio al MiSE per informazioni su piani industriali”

Cessione Sangalli, Caroli “Manifestazione d’interesse della Şişecam? Molto credibile”

FOCUS
ANALISI VERTENZA: DALLA PRODUZIONE AGLI SCIOPERI FINO AI FALLIMENTI (prima pubblicazione 27.10.2017)

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO, DDF – RIPRODUZIONE RISERVATA

Appello lavoratori Manfredonia Vetro “Aiuto, vogliono smantellare il sito” ultima modifica: 2017-12-06T14:29:36+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
33

Commenti


  • matteo

    Cosa c’è di strano? L iter fallimentare è questo. Come si fa a pagare le mensilità arretra? E i creditori e le banche?
    Non capisco perché il ministero dovrebbe andare fuori dalle leggi italiane il curatore
    Mette in atto la legislazione ne piu ne meno.
    Bisognava pensare prima di spingerla al fallimento a tutto questo.


  • luigi l

    Vendere per farà cassa e pagare i Credit non vuol dire smantellare il sito, ma portare avanti la procedura fallimentare avviat.

  • A tutti quelli che hanno beneficiato delle fabbriche a Manfredonia bmp,inside,Manfredonia vetro, se ben ricordo alla bmp ci lavoravano anche le donne una di queste donne non ha lavorato nemmeno un giorno in 5 anni era sempre incinta 5 anni cinque figli allora dico io alle fabbriche andate in Romania,Albania qui a Manfredonia a lavorare a vonn inganno tanto c’è mamma e papà che gli aiuta o frikatv povera Manfredonia


  • STEFANO'

    ANDATEVI A TROVARE IL LAVORO


  • Cittadino

    Secondo me la prima responsabile di tutto questa manovra in prima fila c’è la serracchiani poi sangalli in persona in accordo con i turchi xche hanno interessi ha non far ripartire il sito in ultimo curatore fallimentare (messo da sangalli)sta completando l’opera con i politici che stanno a cuccia perché la serracchiani comanda lei e basta


  • Dottore totaro

    Chiuderanno anche l”rssa di pulsano


  • Lorenzo

    Dopo la chiusura di Rsa pulsano Peppe 53 che farà? Resterà disoccupato ?


  • gigi

    e i politici locali che fanno?…. nulla come sempre…. tra un po inizieranno a fare farse promesse per prendere voti… lasciando per strada questi operai…. troppo giovani per la pensione e troppo vecchi per essere ricollocati… Mha… Bordo campo.. Riccardi Gatta… muovetevi… non solo con cazzate su facebook….


  • Lavoratore Mv

    È inutile parlare con chi gode su questa vicenda comunque non siamo noi che decidiamo se un’azienda deve fallire oppure no.
    Sono i numeri che hanno decretato che l’azienda non poteva seguire l’iter del concordato con la cessione dei beni. Questo sig. Matteo sono i fatti e non le chiacchiere.
    Che poi tutti i lavoratori, sindacati ed istituzioni abbiano fatto di tutto per non permettere che il sito fosse smantellato credo sia stato doveroso.
    Il fallimento ha permesso di seguire un iter diverso dalla procedura del concordato che ripeto aveva come unico obiettivo di vendere i singoli impianti per soddisfare i creditori e il relativo smantellamento del sito.
    Oggi a distanza di 3 anni e con tanti sacrifici fatti sappiamo che qualche possibilità concreta c’è per rivederla di nuovo produrre.
    Si informi meglio la prossima volta e si vada a leggere le 90 pagine della relazione dei commissari giudiziali che hanno portato il tribunale a respingere la richiesta del concordato e decretare lo stato d’insolvenza e successivo fallimento dell’azienda
    Buona giornata


  • naspi

    Se non vi Mettevate fuori ai cancelli per 5 mesi, oggi il sito era in parte ancora produttivo, e forse i turchi avrebbero acquistaro tutto il gruppo.
    Quindi non diciamo fesserie perché i fatti si sanno, sfido qualsiasi azienza che non produce nulla per 5 mesi se non fallisce.


  • paolo

    non bisognava spegnere il forno


  • gino

    LI AVETE VOTATI, E’ ALLORA TENETEVELI PER ALTRI 4 ANNI, BEN VI STA’.


  • alberto

    e finita la pakkia!!!!!!!!!

  • aveste scoperto l’america….chi ha consentito, tutto quuesto, sono coloro che vi dicevano …..lascia stare a quello che dice cazzate ….invece le cazzate le hanno dette ..iniziando dai grandissimi sindacalisti axziendali e finendo per emiliano
    passando tra campo riccardi bordo con il salame a 5 stelle ….
    ora non vi resta che fare anche voi le valigie cari amici degli amici miei.


  • alberto

    grande giorgio sangalli


  • nicola

    Era ora così almeno si fa un po di pulizia e di bonifica in Quell area.
    Ragazzi bisogna muoversi a trovare un lavoro e non di certo rimanere appesi alla cassa integrazione su un briciolo di dignità. Guardate cosa é successo alla Om carelli….hanno riaperto per modo di dire e hanno chiuso il giorno dopo licenziando tutti i dipendenti
    Quindi?


  • Alberto

    Chi abbiamo votato! D’ARIENZO ? Anche lui tra poco resterà disoccupato


  • Alberto

    Pd di Manfredonia,Monte,Mattinata , Della provincia, Regionale e Nazionale ANDATE in malora! Votiamo tutti M5s o Salvini ! EMILIANO vai a LAVORARE


  • Alberto

    Sono 5 anni che non lavorate. Bella la vita


  • Lettore attento

    Avete finito di divertirvi al presidio incantati dal canto delle sirene… che avevamo il culo al caldo


  • De Padova


  • Peppe 53

    A monte Chiuderà anche l’Rssa di Pulsano? Ma il Gatto e La Volpe che fine hanno fatto?


  • Alberto

    È finita la pakkia! Avrete altri regali? Quando andate a lavorare? Ma siete tutti ex comusti?


  • RICCARDI- BORDO-CAMPO-TROIANO

    È vero che i dipendenti della Sangalli sono stati tutti raccamondati dal partito COMUNISTA? A lavorare


  • Antonio

    Buonasera
    Leggendo i commenti noto quanta invidia e cattiveria c è nei confronti dei dipendenti della Manfredonia Vetro. La cosa lascia pensare che questa gente molto probabilmente non è riuscita a farne parte dunque ad entrarvi ed è per questo che nutre questo brutto sentimento. Mi spiace di questa cosa ma invito a riflettere. .La ruota gira..le brutte sorprese sono dietro l angolo ..inaspettate ..per tutti.
    Saluti


  • Cantante neomelodico

    Voglio dire a tutti quelli che remano contro : ‘ANDATE A FARE IN c..’


  • kalip

    MA IN QUESTA TERRA ABBIAMO I PATRIOTI…
    HO ABBIAMO UOMINI DI …


  • Roberto

    Il tenore dei commenti rispetto alle vicende personali è spropositato: ricordatevi che parliamo di famiglie che hanno contratto dei mitui o hanno organizzano la propria vita in un certo modo. Però vorrei dire una mezza cosa. Nel 2015, parlando con un amico, che fino a qualche giorno prima andava contro la nostra amministrazione, vedendo il sindaco in prima persona battersi per la vicenda si era lasciato persuadere che ce l’averebbero fatta, e allora cambio idea circa l’azione politica dell’attuale amministrazione. Io tra me e me pensavo: povero illuso. Oggi a distanza di due anni io avevo ragione, lui però ha votato.

  • Mi piacerebbe che il neo Consigliere Comunale Sig. De Padova, mi spiegasse come mai si è scelto la via dello sciopero ad oltranza e non si è scelto la via della Cassa integrazione ha rotazione in questo modo l’azienda non avrebbe chiuso. Un rappresentante dei lavoratori che non pensa alle famiglie dei lavoratori si deve assumere le sue responsabilità.


  • Giusto piu che giusto

    @matteo in mezzo a tanti commenti scritti su qesta testata, finalmente leggo un commento giusto, ponderato e mirato,
    Queste sono le cose da chiedersi, e da riflettere.in quel sito ci lavoravano circa 230 persone, e prima di decidere azioni scellerate, andavano ponderate no bene..ma piu che bene…in modo da evitare la chiusura di altre due aziende ubicate dentro la MV.chiaramente la maggior parte del personale oggi ha trovato altre strade,


  • RICCARDI- BORDO-CAMPO-TROIANO

    A DE Padova l’hanno votato tutti i dipendenti della Sangallo! Adesso farà andare la Fiat a Macchia


  • Ufo

    Io ho saputo da amici che li in azienda gli operai sempre in malattia, lasciavano la postazione di lavoro per andare a fumare una sigaretta vicino al mare, operai appartenente ai mafiosi locali che andavano solo camminando dentro alla fabbrica. Se è vero tutto questo allora ha fatto bene Sangalli a chiudere i battenti.


  • Il curatore delle "IENE"

    Cari operai siete lì ormai da tre anni aprite gli occhi vi stanno azzerando piano piano!!!! Hanno cominciato col vetro adesso con lo stagno e vedrete che a breve con il magnetronico!!! Tutto questo è diretto da un pezzo di M…. che è il curatore fallimentare sicuramente spinto da accordi sottobanco con i t….. e non è da escludere con qualche p……. Quello che va ostacolato in primis e’ il CURATORE! Un esempio pratico della situazione potete vederlo nel servizio delle iene mandato in onda martedì scorso che riguarda i curatori e i loro “imbrogli” . Aprite gli occhi e attenti a fidarvi di chiunque!!! In bocca al lupo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This