Manfredonia
A Barletta si sta parlando in questi giorni del Piano del Commercio

“Che fine hanno fatto i mercatini per i ‘Disoccupati del mercoledì?”

Di:

Barletta – ”LA nostra triste storia è ormai alla ribalta dei media nazionali ma nessuno ancora ha avuto il coraggio di farsi carico dei nostri problemi derivanti dalla negazione del diritto al lavoro nella giornata del mercoledì dopo il cambiamento del mercato di Manfredonia al martedì, con la conseguenza che quel mercato, a distanza di soli tre anni, è stato distrutto ed ha perso il fascino di un tempo quando era il miglior mercato della Capitanata e forse anche della Puglia intera.

A Barletta si sta parlando in questi giorni del Piano del Commercio e siamo grati ai sindacalisti che hanno incontrato le Commissioni Consiliari, con a capo il Presidente di Unimpresa. A tal proposito siamo perfettamente in sintonia con la proposta avanzata di prevedere nel Piano del Commercio di Barletta un’area da destinare a mercatino per noi “Disoccupati del Mercoledì” in modo da mettere un pochino a posto la coscienza di tanti politici ed amministratori che hanno ignorato completamente il nostro dramma e la nostra frustrazione.

Tra le proposte che nei prossimi giorni saranno formalizzate proprio quei pochissimi sindacati che ci sono stati vicini e che non hanno barato, ci sarà proprio quella di istituire tale mercatino e noi ringraziamo anticipatamente per la sensibilità, al di la dei risultati che arriveranno e che speriamo positivi.

Tra questi colleghi ambulanti perdenti posto ci sono molti barlettani anch’essi abbandonati a se stessi nel periodo del dramma. Le promesse da marinai si sono sprecate e autorevoli esponenti politici sembravano dover prendere posizioni reali a nostra difesa ma solo fumo e niente più, con il risultato che centinaia di quei commercianti il mercoledì sono a spasso o nelle proprie abitazioni a piangere il morto con conseguenze anche psicologiche pesanti e certificate e qualche anziano collega che non c’è più e che da quell’episodio ne rimase scioccato ed umiliato.

Condividiamo quindi appieno la proposta partita dall’amico leader sindacale andriese e invitiamo l’Amministrazione Comunale a recepire la proposta per il bene anche dei consumatori e della città. Un mercatino del Mercoledì a Barletta come anche ad Andria dove il film è stato lo stesso se non peggiore vista l’inutile azione di personaggi famosi scesi in campo a chiacchiere. Un mercatino dunque che serva a darci la possibilità di recuperare non risorse economiche che è difficile o impossibile recuperare ma un minimo di dignità morale e psicologica.

Almeno ora che stiamo in campagna elettorale le amministrazioni comunali sentano il dovere di stare vicine ai lavoratori ambulanti che tante migliaia di voti hanno sempre regalato generosamente spesso a chi li ha dimenticati il giorno dopo e questo è scritto nella storia delle grandi città. Il Sindaco Cascella porti in consiglio comunale la nostra richiesta ed avrà dato un segnale di vicinanza che apprezzeremo e ricorderemo per sempre. Chiediamo a lui di fare ciò che gli altri non hanno mai avuto il coraggio di fare. Grazie”.

Redazione Stato

“Che fine hanno fatto i mercatini per i ‘Disoccupati del mercoledì?” ultima modifica: 2015-03-07T10:00:58+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti

  • chi vuole venire a manfredonia ,deve capire che il mercato si fara’ il martedi e basta. se lo capite e bene se non lo capite statevi a casa vostra.
    wwwwww il sindaco RICCARDI


  • Michele

    ahahahahhahah!! alla ribalta dei media nazionali? ma vi rendete conto di quello che dite? siete ridicoli, voi e la vostra merce !! Se volete venire il martedì a vendere la vostra ruba venite pure altrimenti fate quello che vi pare!! e basta con qeusti articoli da 4 soldi, scrivete sempre le stesse cose!!! ovviamente la critica non è riferita alla redazione che ha solo copiato il comunicato di questa gente che non ha niente di meglio da fare!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi