Sport
"Il tifo sano non può e non deve mai sfociare in cieca violenza"

Il CSV solidale con il Foggia Calcio, dopo gli atti di violenza di sabato scorso

Il Presidente, Pasquale Marchese: “Lo sport ha un ruolo educativo e formativo, svolge una funzione di traino nei processi di integrazione e contribuisce in modo efficace a diffondere la cultura del rispetto"

Di:

Foggia. Il CSV Foggia (Centro Servizi al Volontariato di Foggia) stigmatizza gli atti di violenza che hanno coinvolto, davanti allo stadio “Zaccheria”, i giocatori e lo staff del Foggia Calcio, presi di mira dopo la sconfitta di sabato scorso ad Andria. “Lo sport ha un ruolo educativo e formativo – sottolinea il Presidente del CSV Foggia, Pasquale Marchese – e, proprio grazie ai valori che lo animano, svolge una funzione di traino nei processi di integrazione e contribuisce in modo efficace a diffondere la cultura del rispetto e della convivenza. Lo sport è spesso presente nelle iniziative di volontariato, sia a livello amatoriale che agonistico, perché aiuta a superare le barriere sociali, mette in evidenza le capacità delle persone con disabilità e offre l’opportunità di sviluppare lo spirito di squadra. Il calcio, insieme al pallone, mette in campo la legalità, che si costruisce con la conoscenza delle regole, con il rispetto dell’altro e dei beni comuni, con la consapevolezza dei limiti della propria libertà. Il dissenso o la critica per una prestazione non felice non può e non deve mai sfociare in una cieca violenza, che nulla ha a che fare con i valori dello sport e con il tifo sano.

Esprimo – conclude Marchese – a nome del CSV Foggia piena solidarietà alla Società, ai giocatori e allo staff del Foggia Calcio, con cui è da poco iniziata una collaborazione che porterà la squadra a incontrare i detenuti della Casa Circondariale di Foggia, per un confronto sui valori dello sport. Per ricordare a tutti che il calcio è un’occasione di svago, di divertimento, di socializzazione, che può accrescere il senso di responsabilità, la perseveranza, la solidarietà, l’amicizia, anche e soprattutto nei luoghi ristretti”.

CSV Foggia – (Centro Servizi al Volontariato di Foggia)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!