Foggia
Le indagini scaturivano a seguito della rapina messa a segno alle ore 13,45 del 1° aprile 2016

Foggia, rapinarono Eurospin: 4 arresti (foto)

Le successive perquisizioni domiciliari consentivano, tra l’altro, il rinvenimento di 65 proiettili inesplosi per pistola nella illecita disponibilità di Walter Riganti

Di:

Foggia. IL 2 aprile scorso, personale della Squadra Mobile appartenente alle sezioni antirapina e falchi, ha sottoposto a fermo di p.g. i pregiudicati foggiani Vincenzo Lo Mele, di anni 25, Cosimo Alessio Palma, di anni 25, Walter Riganti, di anni 26, e Renato Nicola Viscillo, di anni 22, tutti ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di rapina aggravata, porto abusivo di arma comune da sparo e di ricettazione di autovettura.

Le indagini. Le indagini scaturivano a seguito della rapina messa a segno alle ore 13,45 del giorno precedente, 1 aprile, allorquando tre individui travisati in volto ed armati di pistola, facevano irruzione all’interno del supermercato “EUROSPIN” sito in questa Via Camarda. Nella circostanza, prima di asportare l’incasso, pari a circa 1.500,00 Euro, uno dei malfattori, con il calcio della pistola, colpiva al capo un cassiere che riportava un trauma cranico. I malfattori, quindi, si allontanavano a bordo di una Ford Fiesta, alla cui guida li attendeva un quarto complice. Nel prosieguo della giornata il veicolo utilizzato dai malfattori, risultato essere di provenienza illecita, veniva rinvenuto abbandonato, da agenti delle Volanti, in una traversa di Viale degli Artigiani, non molto distante, in linea d’aria, dal supermercato fatto oggetto della rapina. Nelle immediate vicinanze venivano individuate alcune telecamere di sorveglianza le cui immagini venivano acquisite ed attentamente visionate dagli agenti della Squadra Mobile preposti alle indagini il cui contenuto, peraltro, veniva comparato con le immagini di videosorveglianza del supermercato rapinato. L’acquisizione delle immagini forniva un prezioso spunto investigativo circa gli autori della rapina.

Le successive perquisizioni domiciliari consentivano, tra l’altro, il rinvenimento di 65 proiettili inesplosi per pistola nella illecita disponibilità di RIGANTI Walter che pertanto veniva deferito anche per la detenzione abusiva di munizioni; Vincenzo Lo Mele, sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza speciale con obbligo di dimora, veniva deferito alla A.G. anche per la violazione dell’art.75 d.l. 6 settembre 2011, n.159. I quattro fermati sono stati tutti associati nel carcere di Foggia dove, al termine degli interrogatori di garanzia, il G.I.P. Corvino ha disposto la custodia in carcere per Palma, Riganti, Lo Mele e gli arresti domiciliari per l’unico incensurato della banda, Viscillo Renato Nicola.

FOTOGALLERY VINCENZO MAIZZI

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!