Cronaca
"Nella nostra proposta di legge chiediamo la rimozione della fattispecie normativa che permette all'aggressore di trasformarsi in vittima"

Legittima difesa: IDV, parte anche da Foggia la raccolta firme

"Con la nostra proposta chi si introdurrà nei privati domicili saprà, dunque, di pagare più severamente e di non potersi trasformare da aggressore in vittima chiedendo il risarcimento dei danni"

Di:

Foggia. “Parte anche a Foggia la raccolta firme a sostegno della proposta di legge popolare presentata in Cassazione dall’Italia dei Valori per rinforzare la legittima difesa e tutelare al massimo l’inviolabilità del domicilio. I cittadini potranno sottoscrivere la nostra proposta di legge recandosi in Comune, dove sono disponibili i moduli.Per informazioni, si può contattare il numero 06-69923306 o inviare una mail a info@italiadeivalori.it”. Lo afferma Ignazio Messina, segretario nazionale dell’Idv, secondo il quale “bisogna rispondere più efficacemente alla crescente domanda di sicurezza che proviene dai nostri territori. In particolare il fenomeno dei furti in abitazione è sempre più preoccupante, e noi di Idv riteniamo che, all’interno della propria casa o del proprio negozio, ciascuno debba essere libero di difendere se stesso, i propri cari e i propri beni come vuole. In più, nella nostra proposta di legge chiediamo la rimozione della fattispecie normativa che permette all’aggressore di trasformarsi in vittima: al ladro che s’introduce in casa nostra, infatti, è attualmente consentito chiedere in certi casi il risarcimento del danno. Una beffa a cui noi di Idv diciamo no”. Con la nostra proposta chi si introdurrà nei privati domicili saprà, dunque, di pagare più severamente e di non potersi trasformare da aggressore in vittima chiedendo il risarcimento dei danni”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Pasquale

    Finalmente una proposta giusta.
    In piu’ bisognerebbe affermare la ” legittima difesa” da parte del proprietario o occupante che viene aggredito, a prescindere da quello che derivi dall’aggressione subita, e non condannarlo per eccesso di difesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi