Manfredonia
Come da recente determina dirigenziale

Manfredonia, Agrispes autorizzata a variare piano alimentazione per impianto biogas

Variante consistente nella modifica del combustibile “matrice organica in immissione”

Di:

Manfredonia. CON recente determina dirigenziale del Comune di Manfredonia, la Agrispes s.a.r.l. è stata autorizzata ad eseguire la variante consistente nella modifica del combustibile “matrice organica in immissione”, con l’osservanza di tutte le prescrizioni e previa acquisizione di tutte le autorizzazioni, relativamente all’impianto per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile alimentata a biogas da biomassa ed in assetto cogenerativo, della potenza elettrica di 999 kWe comprensivo dei servizi annessi nonché sistemazione dell’area al contorno con recinzione del lotto cancello, sito nella zona D3E ex DI46, del Comune di Manfredonia”.

Come da relazione del dirigente del settore, in precedenza, nel maggio 2015 il Comune di Manfredonia aveva rilasciato il certificato di agibilità delle “opere edili” relative all’impianto in oggetto, con destinazione di “impianto a biogas da biomassa operante in assetto cogenerativo”. Con nota del 16.06.2015 la ditta IGW s.r.l. con sede a Calderara di Reno (BO), su mandato della società Agrispes s.a.r.l., aveva presentato istanza di P.A.S. non sostanziale per la variazione del piano di alimentazione dell’impianto, corredata di tutti gli elaborati grafici successivamente integrati.

Come evidenziato nella determina dirigenziale del Comune di Manfredonia, ”la variante al piano di alimentazione” in questione ”è da considerarsi non sostanziale in quanto non modifica il combustibile utilizzato, giusto chiarimento del Ministero dello Sviluppo Economico di cui alla nota n. prot. 17732 del 09.09.2013”.

In seguito (05.10.2015 e 10.03.2016) lo svolgimento di due riunioni della conferenza di servizi.

Questi i pareri espressi:
” – ASL di Foggia: esprime, per quanto di competenza, “parere di conformità precisando che dovrà essere prodotta con cadenza quadrimestrale una relazione sulle misurazioni odorimetriche” (parere espresso in conferenza di servizi del 05.10.2015);
Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Foggia: con il Certificato Prevenzione Incendi n. prot. 104 del 07.01.2016, acquisito al prot. com. n. 11642 del 01.04.2016, attesta “il rispetto delle prescrizione previste dalla normativa di prevenzione incendi e la sussistenza dei requisiti di sicurezza antincendio per l’attività in oggetto”.
Parere espresso in conferenza dei servizi del 10.03.2016 “Per quanto attiene il parere dei VV.FF. dalle risultanze della valutazione del rischio dovrà essere valutata se la modifica proposta rientra tra le modifiche rilevanti con o senza aggravio del rischio, avviando le relative procedure che consisteranno nella valutazione del progetto in caso di aggravio di rischio ovvero presentazione di SCIA ed asseverazione e dichiarazione di non aggravio a firma di tecnico iscritto alla ex. 818, in caso di non aggravio del rischio così come previsto dal D.P.R. 151/2001 e D.M. 07.08.2012.”
Provincia di Foggia: (parere del 10.03.2016 prot. 17448 acquisito al protocollo comunale n. 9136 del 11.03.2016) esprime, per quanto di competenza, “nulla-osta a condizione che si attesti per il progetto in questione l’esclusione di un’eventuale verifica di assoggettabilità alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i e che venga valutata opportunamente la produzione di emissioni in atmosfera nonché la raccolta e gestione delle acque sia meteoriche che nere ed eventualmente ricorrendone il caso, richiedendone la formale autorizzazione ai sensi delle vigenti leggi. Restano fatti salvi tutti gli altri provvedimenti di competenza comunale, provinciale, regionale e statale nonché degli organismi preposti alla valutazione della conformità tecnica, ai fini della legittima esecuzione dell’attività prevista, restano altresì fatti salvi ed impregiudicati eventuali diritti di terzi.”

Da ricordare come L’ARPA Puglia “Dipartimento Provinciale di Foggia” con nota n.9 015 del 10.03.2016 dichiarava che “ARPA Puglia non rilascia autorizzazioni e/o atti di assenso comunque denominati sulla base della legislazione vigente né è tenuta al rilascio di pareri previsti dall’art. 6 c. 5 del D.Lgs. 28/2011”.

Con dichiarazione scritta dello scorso 05.04.2016, del sig. Antonio De Vita, presidente protempore della società Agrispes s.a.r.l., si era attestata la non assoggettabilità dell’impianto, alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi del D.lgs 152/06 e s.m.i..

ALLEGATO
2016_434_Det_FERB_AGRISPESS(Vaiante PAS)

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • francesco

    Agrispes s.a.r.l. è stata autorizzata ad eseguire la variante consistente nella modifica del combustibile “matrice organica in immissione”, Redazione nell’autorizzazione al cambio non si capisce qual’è la nuova alimentazione. Io prevedo che la nuova alimentazione sarà la frazione umida dei rifiuti urbani. Con la collaborazione delle menti hanno trovato la maniera di non scriverlo.


  • svolta

    Gentilmente si potrebbe essere più espliciti sull’argomento, effettivamente, non è tanto chiaro l’argomento, tutti dicono la loro, ma nesssuno parla chiaro…. Grazie


  • antonella

    Redazione dateci spiegazioni piu chiare sul tipo di combustibile variato, gentilmente vorremmo dettagli più specifici.grazie


  • quante chiacchiere

    Quando le cose sono fattibili sono chiare


  • Matteo

    Il CAONS non dice nulla a riguardo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi