Manfredonia

Pagata la sanzione. Di nuovo a Manfredonia il motopeschereccio Perla Nera


Di:

Ubli, Croatia (ST, fonte image: booked.net)

Manfredonia – SONO ritornati questa notte a Manfredonia , alle ore 4 e 30 circa, i 3 uomini facenti parte del motopeschereccio “Perla Nera”, iscritto nel porto di Manfredonia, con a bordo come detto tre persone di equipaggio, di cui il comandante Michele Spagnuolo, originario del centro sipontino.

FERMO DISPOSTO LO SCORSO 4 MAGGIO – Come si ricorderà il motopeschereccio iscritto nel circondario marittimo di Manfredonia era stato fermato il 4 maggio 2011, alle ore 12.30 circa ( Focus) a largo dell’Isola di Lastovo. Motovedette croate avevano intercettato il peschereccio, accusandolo di aver superato le acque territoriali nazionali. Dopo il fermo l’unità navale era stata scortata sino al porto di Ubli (Isola di Lastovo). La Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Manfredonia, con il coordinamento della Centrale Operativa del Comando Generale e della Direzione Marittima di Bari, si era prontamente attivata per stabilire un contatto telefonico costante con il comandante del motopesca (Spagnuolo) che aveva riferito le buone condizioni fisiche dei marittimi a bordo. Il motopeschereccio di Manfredonia era rimasto fermo nel porto di Ubli in attesa della definizione della problematica da parte delle autorità croate.

Già stabilita la sanzione a carico dell’armatore della nave, Michele Carpano: si tratta di 40mila euro, inflitta dai giudici croati per aver svolto attività di pesca in acque territoriali nazionali (Croazia, dunque sconfinamento), “reati” del quale i responsabili hanno dovuto rispondere nell’udienza svoltasi lo scorso giovedì 5 maggio in Tribunale. La somma fa riferimento al fisso per la sanzione, causa l’accertato sconfinamento, oltre alla maggiorazione dovuta dalla quantità di pescato trovato sull’unità navale e dunque causa (il pescato) di “danni ambientali e marini”.

RITORNO NEL PORTO DI MANFREDONIA ALLE ORE 4 E 30 DI STAMANE, 7 MAGGIO – Ieri sera il trasferimento dei soldi da Manfredonia in Croazia: da qui le pratiche e l’avvenuto dissequestro del natante e l’autorizzazione per l’equipaggio di far ritorno nella città sipontina. Il motopescherecchio Perla Nera – come confermato dalle autorità competenti – è sbarcato stanotte alle 4 e 30 nel porto di Manfredonia. Ottime le condizioni di salute dei 3 uomini facenti parte dell’equipaggio dell’unità navale.

L’accertamento di sconfinamenti in altre acque nazionali per le attività di pesca non è limitato al caso descritto, relativamente ad unità navali iscritte nel porto di Manfredonia: anche in passato altri motopescherecci del circondario marittimo locale erano stati fermati in acque croate per sconfinamento e conseguente illecita attività di pesca ( Focus sequestro Destriero e Focus sequestri Nuova Giovanna ed Andrea Cesarano ).


Redazione Stato, riproduzione riservata

Pagata la sanzione. Di nuovo a Manfredonia il motopeschereccio Perla Nera ultima modifica: 2011-05-07T12:34:40+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This