FoggiaSport
Al “Menti” di Castellammare di Stabia, i rossoneri si impongono senza tante difficoltà sulla Juve Stabia

Il Foggia chiude secondo, facile 3-1 alla Juve Stabia

Mister De Zerbi propone, almeno inizialmente, un 3-5-2 in cui Sainz-Maza supporta Iemmello in attacco

Di:

Foggia. Il Foggia chiude la regular season al secondo posto. Al “Menti” di Castellammare di Stabia, i rossoneri si impongono senza tante difficoltà sulla Juve Stabia, battuta per 3-1: doppio Iemmello e gran gol di Chiricò per i dauni, rete della bandiera gialloblu siglata da Diop. Mister De Zerbi propone, almeno inizialmente, un 3-5-2 in cui Sainz-Maza supporta Iemmello in attacco, mentre Chiricò ed Arcidiacono giocano larghi sulle fasce; risponde con il 4-4-2 mister Zavettieri, che punta su Nicastro e Gomez in attacco. Subito avanti il Foggia, che gestisce il possesso fin dal principio ed al 5’ passa: Arcidiacono serve Iemmello tra le maglie della difesa, il capocannoniere del campionato entra in area e batte Mascolo con freddezza. All’11’ bella azione dei padroni di casa, Nicastro serve sulla corsa Lisi che, tutto solo davanti a Micale, mette a lato non di molto. Gara contraddistinta da ritmi bassi, come spesso accade a fine stagione, al 27’ è Agnelli a svegliare tutti dal torpore, colpendo il palo alla sinistra di Mascolo con una conclusione dal limite. Il raddoppio rossonero arriva 2’ più tardi: Chiricò riceve sulla sinistra dell’area, con una finta manda al bar Navratil e conclude con un mancino a giro che va ad insaccarsi nell’angolino lontano, fulminando un incolpevole Mascolo. Il tris dei Satanelli è una formalità e giunge già al 32’, con Chiricò che sterza in area, crossando con il sinistro e pescando Iemmello, che di testa può schiacciare e siglare lo 0-3, archiviando la pratica. Al 41’ c’è il primo cambio da parte di Zavettieri, che sostituisce Nicastro con Diop. Si va all’intervallo sul triplo vantaggio ospite.

La ripresa si apre con ritmi molto lenti, il primo a provarci seriamente è Agnelli, che al minuto 61 manda a lato da buona posizione dopo essere scappato in contropiede. La Juve Stabia accorcia al 68’, con Liotti che punta e salta Lodesani, mettendo al centro per Diop, che spiazza con un debole tiro Micale e permette l’esultanza dei seicento tifosi di casa. C’è tempo per il miracolo di Micale al 74’, con l’estremo difensore rossonero che si supera, respingendo in tuffo la punizione calciata da Liotti dalla trequarti destra. Una conclusione di Mauro, ben parata da Micale a terra, è l’ultima emozione del match, che stancamente si trascina fino al triplice fischio, arrivato puntualmente al 92’.

TABELLINO
JUVE STABIA: (4-4-2) Mascolo; Cancellotti, Rosania, Navratil, Liotti; Carrotta, Favasuli, Maiorano (dal 76’ Mauro), Lisi; Nicastro (dal 41’ Diop), Gomez (dal 65’ Gatto). A disp.: Polito, Ioio, Elefante, Servillo, Grifoni, Del Sante, Montella. All.: Zavettieri.
FOGGIA: (3-5-2) Micale; Loiacono, Coletti, Di Chiara (dal 56’ Lodesani); Arcidiacono (dal 46’ Floriano), Gerbo, Quinto, Agnelli, Chiricò; Sainz-Maza, Iemmello (dal 60’ Lauriola). A disp.: De Gennaro, Gigliotti, Vacca, Sarno, Lanzetta. All.: De Zerbi.
Arbitro: sig. Guccini di Albano Laziale.
MARCATORI: 5’e 32’ Iemmello (F), 29’Chiricò (F), 68’ Diop (J).
AMMONITI: Carrotta (J);Chiricò (F).- ANGOLI: 4-1 per la Juve Stabia. – RECUPERI: 1’ p.t.; 2’ s.t..

(A cura di Salvatore Fratello – Redazione Stato Quotidiano.it)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Lucio_BO

    C.V.D. I Ragazzi hanno fatto il proprio dovere. GRAZIE RAGAZZI! Ora tocca allo ZACCHERIA! Si auspica la bolgia dei tempi che furono quando i campioni del Milan rimanevano frastornati per 20 minuti prima di capire cosa stesse succedendo….. Purtroppo non è più così se non a chiacchiere….. non c’è più unità d’intenti: 2 curve, ognuna per proprio conto ed il resto dello stadio che mugugna al primo passaggio sbagliato o alla prima esitazione! (Martina docet). Se vogliamo a tutti i costi salire, bisogna metterci del nostro, come i vecchi tempi, e rendere lo stadio una bolgia dove gli avversari non devono neanche comunicare tra loro, perché non si capiscono! Allora si che potremo goderci il Paradiso, dobbiamo essere NOI a trascinare i ragazzi e non viceversa. Proclamiamo un armistizio per 1 mese fra tutti, le 2 Curve in primis ed il risultato non può che essere automatico. ‘Za Fogg!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi