Manfredonia

Omicidio Siponto, azione premeditata, non emersi elementi di mafia

Di:

Manfredonia, località Siponto, ritrovati morti 2 pregiudicati (STATO)

Manfredonia – CONTINUANO le indagini dei carabinieri della Compagnia di Manfredonia, con coordinamento del Comando provinciale di Foggia, dopo il duplice omicidio di Antonio Balsamo, 30 anni – classe 1982 (già destinatario di un ordine di esecuzione in carcere il 22/23 novembre 2010)- e Francesco Saverio Castriotta, 32 anni – classe 1980 – entrambi del centro sipontino, con precedenti. Come riferito, i due uomini sono stati trovati morti in una traversa a Sud di viale dei Pini, località Siponto, viale che conduce verso la Sp141 e dunque verso la Riviera Sud di Manfredonia. L’omicidio è avvenuto a sud di viale Eucalipti, strada interna della località turistica, teatro il 21 aprile 2009 dell’omicidio di esponenti del clan Romito, il boss Franco Romito di 43 anni e il suo autista Giuseppe Trotta di 64. Ma davvero improbabile una correlazione fra un fatto avvenuto oltre 3 anni fa, e rientrante nella faida del territorio, con l’omicidio di due soggetti con piccoli precedenti per droga e “di non elevato spessore criminale” e anche occupati in attività lavorative.

Confermato per l’orario della morte: fra le 21 e le 22 di martedì 5 giugno. Balsamo è stato rinvenuto cadavere, seduto alla guida in una Opel Corsa scura, intestata alla sua compagna. A terra alcune vaste chiazze di sangue. L’uomo è stato raggiunto da colpi alla testa e al torace. A notare il corpo sarebbe stato un passante nella zona. Il 30enne sarebbe andato sul posto per accompagnare l’amico, in base a fonti vicine all’ambiente. Da altri fonti spesso i due soggetti si muovevano insieme. I due cadaveri, dopo primi esami del medico legale arrivato sul posto, sono stati trasferiti all’obitorio dei riuniti di Foggia a disposizione del magistrato che ha disposto l’autopsia. Una prima ricognizione avrebbe permesso di accertare che entrambe le vittime sarebbero state raggiunte da diversi colpi di pistola: ipoteticamente 3 quelli che hanno ucciso Balsamo, 4 quelli che invece hanno ucciso Castriotta.

Dopo la segnalazione, l’arrivo del 118 e dei carabinieri del Comando Compagnia di Manfredonia, del Comandante Capitano F.Fazio. Le indagini di Pg sono state affidate all’Arma dei Carabinieri e dunque estese al Nor dei CC di Manfredonia, Tenente A.Stanizzi ed al Comando Provinciale di Foggia; collaborazione in ogni modo con la Mobile della Questura di Foggia e il Commissariato di PS di Manfredonia, del dirigente dottor Luciano Di Prisco.

Durante le fasi di recupero del 30enne Balsamo i militari dell’Arma hanno ritrovato il cadavere di un altro uomo, privo di documenti, corpo parzialmente carbonizzato e con il volto sfigurato dalle fiamme (e non per colpi di arma da fuoco): vale a dire Francesco Saverio Castriotta. Esclusa la modalità mafiosa del gesto: il volto sfigurato del 32enne sarebbe stato causato dalle fiamme che si sono estese lungo tutto il corpo dopo l’accensione degli abiti dell’uomo.

In base alla raccolta dati, l’uomo sarebbe stato trovato poco distante dall’Opel Corsa dove è stato rinvenuto il cadavere di Balsamo, forse per un allontanamento, per una fuga, in seguito all’agguato.

Il 32enne sarebbe “sposato con figli” e proprietario di un suolo nella zona con relativo fabbricato (ma non si tratterebbe dell’abitazione principale); da qui l’ipotetico incontro di ieri a Siponto. Incontro che sarebbe stato premeditato dai killer: dunque nessuna violenza improvvisa in seguito ad una discussione ma un gesto che al momento sembra premeditato, con vittime naturalmente ignare. Al momento non si hanno notizie del ritrovamento di droga e/o denaro sul luogo dell’omicidio.

Già effettuati i rilievi della Scientifica e le perizie sul posto del medico legale. La morte dei due uomini sarebbe stata causata dall’esplosione, in entrambi i casi, di colpi di arma da fuoco. Ipoteticamente una vendetta verso i due uomini, entrambi con precedenti penali. le indagini procedono ad ampio raggio, dalla pista droga ad una vendetta personale.

Redazione Stato@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi