ManfredoniaStato news
A cura di Pascalonia

Quande si bbèlle..

Di:

Quande sì bbèlle, tutte lli matine,
ammizz’a chjazze, ngudde llu scemuse,
sopraccègghje nove e tise lli rine:
ome de respètte, nu maffejuse!
P’u sgrigne mmocche, ne nguard’a nescjune,
ngecalute agnune, curve, rattuse
a ddarte lla méne, a farte llu nghine:
jummene fatte a cchéne, pappeluse.
Ll’agghje capite addu sté u mutive,
e pe nninde a llu munne vogghje pèrde
a scene. Agnune tene u scope suve.
Nu mutive andiche, ma sèmbe vèrde:
pjéce a lli chéne addica sté llu sive,
e cchjù de tutte d’allecché lla mmèrde.

Pascalonia

Quanto sei bello…
Quanto sei bello,/ tutte le mattine,/ in mezzo alla piazza/ addosso il cappotto, sopraciglie nuove e dritti i reni:/ uomo di rispetto, mafioso.// Con la smorfia sul muso, non guardi alcuno,/ confuso ciascuno, curvo, frettoloso,/ a darti la mano, a farti l’inchino:/ uomini fatti a cani, pappolosi.// L’ho capito dove vi è la causa/ e per nulla al mondo voglio perdere/ la scena. Ciascuno ha un suo scopo.// Una causa antica, ma sempre verde:/ piace ai cani (andare) dove vi è il sevo/ e più di tutto di leccare la merda.



Vota questo articolo:
3

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati