Foggia
"Presto interrogazione parlamentare, ma serve mobilitazione popolare"

100.000 tonnellate di rifiuti, Nobile “E’ disastro ambientale”

"Coinvolti in questa triste vicenda sono *personaggi del mondo imprenditoriale (le imprese Lufa Service e Pulitem) e della politica, tra cui Primiano Calvo, esponente di Noi con Salvini e un dirigente ARPA Puglia"


Di:

Foggia. La notizia dei 19 arresti avvenuti in seguito allo svolgimento dell’operazione “*In Daunia venenum” condotta dalla DDA di Bari ci dà la triste conferma di quanto da tempo sospettavamo: in Capitanata esiste una “Terra dei Fuochi”. Le indagini hanno condotto anche al sequestro preventivo di beni per un valore di 9,3 milioni di euro e hanno rilevato che la zona
investita dall’attività di sversamento illecito di rifiuti pericolosi riguarda* 70 ettari* di terreno tra Zapponeta, Manfredonia, San Severo e San Paolo in Civitate.

Coinvolti in questa triste vicenda sono *personaggi del mondo imprenditoriale (le imprese Lufa Service e Pulitem) e della politica, tra cui Primiano Calvo, esponente di Noi con Salvini e un dirigente ARPA Puglia.

“Per quanto sia stata necessaria, in Capitanata la sola attività della magistratura non basta” afferma *Mario Nobile*, segretario di *SinistraItaliana*, “urge infatti un incontro con le numerose realtà sociali cittadine per un confronto su come affrontare il pericolo inquinamento e per tenere alta l’attenzione su un fenomeno che necessita un’attività di bonifica e di messa in sicurezza dei territori interessati dall’attività di sversamento”.

Sinistra Italiana Capitanata interesserà i Parlamentari del partito per inviare tempestivamente un’interrogazione parlamentare al *Ministero dell’Ambiente*, è dovere dell’on. Galletti a pochi giorni dal G7 sull’Ambiente affrontare la vicenda in modo determinato trattandosi di un’emergenza nazionale, al pari di quella verificatasi in Campania.

100.000 tonnellate di rifiuti, Nobile “E’ disastro ambientale” ultima modifica: 2017-06-07T15:33:07+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    EMERGENZA AMBIENTALE IN PROVINCIA DI FOGGIA
    CERA: “FENOMENO SOTTOVALUTATO. UN SUMMIT TRA LE REGIONI MERIDIONALI”

    Bari, 7 giu. – Si faccia un summit tra tutte le regioni meridionali sul tema della emergenza ambientale, per evitare che il traffico illecito dei rifiuti sia una questione affrontata dalle singole regioni, che non hanno capacità di contrastare efficacemente il fenomeno.
    L’operazione dei carabinieri, che hanno messo fine all’illecito traffico di rifiuti tossici in provincia di Foggia, deve far riflettere non solo per il grado di pericolosità che le organizzazioni criminali hanno raggiunto in materia ambientale, ma anche per perverso intreccio tra malaffare e pubblica amministrazione.
    Il traffico illecito di rifiuti pericolosi non è un tema circoscritto alla realtà della Capitanata, ma l’allarme riguarda tutta la Puglia e, direi, l’intero Mezzogiorno.. Non esistono, in tema ambientale, zone franche. L’emergenza riguarda la nostra regione e il Sud Italia.. Per questo è necessario agire in fretta e mettere in campo tutti gli strumenti per contrastare il fenomeno, evitando che gli errori del passato, i silenzi e le complicità del presente, possano diventare gli alibi del futuro.
    Sarebbe opportuno che il Consiglio regionale dedicasse ampio approfondimento all’emergenza ambientale, così come auspico che la commissione regionale di studio sulla criminalità dedichi un incontro sul tema della illegalità ambientale, magari in un’apposita convocazione a Foggia, alla presenza dei sindaci, dei rappresentanti delle forze dell’ordine e degli esperti nel settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This