Manfredonia

Epigrammi Domenicani (I)

Di:

Chi canosce llu scjuche de lli carte,
ddica sté ll’asse, i solde fè doppje?
A qquà… llu stèsse, nge fé a lla parte,
a fé stu scjuche addevinde stroppje.

Ce dice a llibbèrtà ne ndene prèzze,
ma sti chépe c’janne nu defètte,
llu cjucce u portene sènza capèzze
e ll’assessore ne nn’éje reggètte.

E allore? Evvive u mese de magge,
putèssem’a fé nu maretagge,
àmma truvè na zite a stu pajese,
mute uà jèsse, ciche, sorde e pelose.

Pascalonia
Chi conosce il gioco delle carte,/ quando c’è l’asso ed il denaro si raddoppia?/ Qui (è) identico, non si divide pari,/ e a fare sto gioco si diventa storpi.// Si dice: la libertà non ha prezzo,/ ma queste teste hanno un difetto,/ l’asino lo portano senza cabezza,/ e l’assessore non ha ricetto.// Ed allora? Evviva il mese di maggio/ potremmo fare un matrimonio,/ dobbiamo trovare una sposa a sto paese,/ muta deve essere, cieca, sorda e pelosa.

Epigrammi Domenicani (I) ultima modifica: 2017-06-07T11:11:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi