FoggiaManfredoniaSan Severo
"Il blitz di questa mattina dà prova del fatto che la provincia più colpita rimane quella di Foggia"

Traffico rifiuti nel Foggiano, 19 arresti. Legambiente “Un business rilevante”

Intanto il prossimo 3 luglio Legambiente presenterà il Rapporto Ecomafia 2017 con tutti i numeri e le storie della criminalità ambientale in Puglia


Di:

Foggia, 7 giugno 2017. “Questa operazione conferma come il traffico illegale dei rifiuti rappresenti un business economico di non poco conto. In Puglia, dal 2002 al 2016, grazie al capillare lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura nell’attività di controllo del territorio e contrasto dei reati ambientali, sono state ben 58 le inchieste condotte contro le attività organizzate per il traffico illecito dei rifiuti, circa il 18,5% delle inchieste su tutto il territorio nazionale. Il blitz di questa mattina dà prova del fatto che la provincia più colpita rimane quella di Foggia, come emerge dal Rapporto Ecomafia 2016, che la vede al primo posto nella classifica regionale delle illegalità nel ciclo dei rifiuti, con 122 infrazioni accertate, 80 denunce e 28 sequestri, mentre al sesto posto nella classifica nazionale, pari al 2,9% sul totale nazionale”.

È questo il commento di Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, a margine dell’operazione denominata “In Daunia venenum”, condotta dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari e dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Bari e dal personale del Commissariato della Polizia di Stato di Manfredonia, che ha portato a 19 arresti e al sequestro preventivo di beni per un valore di oltre 9 milioni di euro.

Intanto il prossimo 3 luglio Legambiente presenterà il Rapporto Ecomafia 2017 con tutti i numeri e le storie della criminalità ambientale in Puglia, dal traffico dei rifiuti all’abusivismo edilizio, dagli incendi boschivi al racket degli animali, dall’agromafia agli affari illeciti nel settore dei beni culturali e della green economy, passando per l’attività di repressione delle Forze dell’ordine impegnate a contrastare il business della criminalità ambientale.

Traffico rifiuti nel Foggiano, 19 arresti. 46 indagati (FT-VIDEO – III)

fotogallery

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata

Traffico rifiuti nel Foggiano, 19 arresti. Legambiente “Un business rilevante” ultima modifica: 2017-06-07T23:45:17+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • OCCHIO

    PER FAVORE VOGLIATE CONTROLLARE I LIQUAMI CHE OGNI GIORNO -CI FA’ CUSTARE…SPERO CHE QUALCUNO INTERVENGA…..


  • Marco

    Io direi una cosa: costruiamo una bella casetta per la detenzione di queste -sui rifiuti e li facciamo stare lì per 20 anni. Italiani non andate più a votare!!!! Protestiamo contro questa casta schifosa!! Deturpano l’Italia ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi