Economia

Imu, “obiettivo centrato”. Incassi giugno 9,5 mld

Di:

Imu, obiettivo centrato. Incassi giugno 9,5 mld (ST - image, agenziaimpress)

Roma – I versamenti Imu registrati con l’acconto di giugno ammontano a oltre 9,5 miliardi (9.551 milioni). Lo comunica il Mef. Risultano aver versato circa 23,8 milioni di contribuenti su una platea di 25,5 milioni. L’importo medio dei versamenti e’ stato di circa 400 euro. Per fine anno ad aliquote costanti l’incasso sara’ di 20 miliardi.

Sulla base di quanto versato fino ad ora dai contribuenti e indicato nelle deleghe di pagamento, si può proiettare a fine anno un gettito teorico pari a 19,2 miliardi. A questo importo occorre aggiungere la stima del gettito Imu che entrerà nei prossimi mesi: versamenti relativi a fabbricati rurali da accatastare entro novembre che verseranno con il saldo di dicembre (70 milioni di euro); versamenti per immobili non dichiarati in catasto: a partire dal 3 maggio 2012 e fino al 3 luglio 2012 sono stati pubblicati all’albo pretorio del comune gli atti relativi all’attribuzione della rendita ai cosiddetti ‘immobili fantasma’ individuati in 1.081.688 unità immobiliari di diverse tipologie. Per questi immobili il versamento (356 milioni di euro) avverrà con la rata di dicembre; versamenti relativi ai contribuenti che non hanno ancora pagato la prima rata: storicamente, l’analisi dei versamenti Ici ha evidenziato che nei mesi successivi alla scadenza di giugno sono sempre affluiti versamenti da parte di una quota di contribuenti che hanno beneficiato dello spostamento dei termini per le imposte sui redditi. Anche quest’anno per i contribuenti soggetti agli studi di settore, infatti, la scadenza dei versamenti è stata rinviata dal 18 giugno al 9 luglio e, con la maggiorazione dello 0,4 per cento, al 20 agosto. Inoltre per le società che approvano il bilancio in ritardo le scadenze per il versamento delle imposte sui redditi sono il 16 luglio ovvero il 20 agosto con lo 0,4 per cento di maggiorazione.

Alcuni di questi contribuenti preferiscono versare in ritardo anche l’Imu assieme alle imposte dirette subendo un modesto aggravio in termini di sanzioni e interessi. Per l’Imu si stima che gli ulteriori versamenti su base annua possano assommare a circa 500 milioni di euro. Risultano infatti 25,5 milioni di proprietari censiti in catasto nel 2010 e 23,8 milioni i contribuenti che hanno già versato l’Imu. La differenza è pari a 1,7 milioni. Al netto della percentuale fisiologica di non versanti, stimata nel 4% (media tra gli anni 2009 e 2010) e corrispondente a 1 milione di contribuenti, circa 700.000 contribuenti dovrebbero versare nei prossimi mesi un’imposta media di circa 700 euro. Sulla base del gettito di giugno, la previsione per l’intero anno (20.085 milioni di euro) è quindi in linea con la previsione iniziale di 20,1 miliardi di euro.

“Obiettivo centrato” per il gettito Imu che a giugno si attesta a 9,5 miliardi. Lo spiega il sottosegretario all’Economia, Vieri Ceriani, spiegando che dunque le aliquote, che il governo poteva ritoccare entro dicembre, “restano quelle che sono, non c’é nessuna necessità di intervenire”.

Il gettito Imu relativo alla prima casa è stato pari a giugno a 1.603 mln che su base annua si attesta a circa 3,3 mld, “perfettamente in linea con le previsioni”. Lo spiega il Mef. I contribuenti che hanno versato l’Imu sulla prima casa sono circa 16 milioni, con un importo medio di versamento di 100 euro. Solo il 5,5% dei contribuenti (877.000) ha optato per le due rate di versamento per un importo totale pari a 91,2 milioni. L’Imu sugli altri immobili è stata pari a 7,9 mld; 15,7 mln dai fabbricati rurali.

Il gettito Imu relativo alla prima casa è stato pari a giugno a 1.603 mln che su base annua si attesta a circa 3,3 mld, “perfettamente in linea con le previsioni”. Lo spiega il Mef. I contribuenti che hanno versato l’Imu sulla prima casa sono circa 16 milioni, con un importo medio di versamento di 100 euro. Solo il 5,5% dei contribuenti (877.000) ha optato per le due rate di versamento per un importo totale pari a 91,2 milioni. L’Imu sugli altri immobili è stata pari a 7,9 mld; 15,7 mln dai fabbricati rurali.

Le entrate tributarie dei primi 5 mesi dell’anno si attestano a 149.540 milioni, in crescita del 2,5% (+3.695 milioni) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un recupero di 1,2 punti percentuale rispetto al mese di aprile. Lo comunica il Mef. In calo le entrate Iva (-1,1%), nonostante l’aumento di un punto dell’aliquota.

Fonte Ansa

IMU, GUIDI (CONFAGRICOLTURA): AD OGGI GLI AGRICOLTORI HANNO PAGATO ALMENO IL DOPPIO DELLA VECCHIA ICI. “Il problema non è chi ha torto o ha ragione sulle cifre, anzi ci auguriamo di esserci sbagliati. Il problema è se il settore agricolo potrà sopportare questo incremento di fiscalità”. Il presidente di Confagricoltura Mario Guidi risponde al sottosegretario allo Sviluppo Economico Vieri Ceriani, che oggi ha diffuso i dati relativi al gettito Imu.

“Attendiamo di vedere a quanto ammonterà il carico fiscale per le imprese agricole a dicembre – continua il presidente di Confagricoltura – quando sarà stata versata l’imposta anche per i fabbricati rurali non accatastati. A quel punto tireremo le somme.
L’unica cosa certa, ad oggi, è che gli agricoltori hanno pagato di Imu dal doppio a tre volte della vecchia Ici”.

IMU, GUIDI (CONFAGRICOLTURA): AD OGGI GLI AGRICOLTORI HANNO PAGATO ALMENO IL DOPPIO DELLA VECCHIA ICI. “Il problema non è chi ha torto o ha ragione sulle cifre, anzi ci auguriamo di esserci sbagliati. Il problema è se il settore agricolo potrà sopportare questo incremento di fiscalità”. Il presidente di Confagricoltura Mario Guidi risponde al sottosegretario allo Sviluppo Economico Vieri Ceriani, che oggi ha diffuso i dati relativi al gettito Imu.

“Attendiamo di vedere a quanto ammonterà il carico fiscale per le imprese agricole a dicembre – continua il presidente di Confagricoltura – quando sarà stata versata l’imposta anche per i fabbricati rurali non accatastati. A quel punto tireremo le somme.
L’unica cosa certa, ad oggi, è che gli agricoltori hanno pagato di Imu dal doppio a tre volte della vecchia Ici”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Entità sempre vigile

    Bravi schiavi…brave pecore…fatevi controllare…fatevi manipolare…fatevi comandare…
    Non ho torto quando dico che gli Italiani sono le creature più imbecilli e passive delle popolazioni mondiali…ahahahhahah siete veramente una vergogna nell’evoluzione umana…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi