Manfredonia
"Ieri con raccomandata con ricevuta di ritorno mi hanno inviato il nuovo annullamento senza aver avuto bisogno di ritornare ad esibire la ricevuta"

Cittadino “Risolto problema con l’ufficio tributi di Manfredonia”

"Mi sono permessa di scrivere queste due righe per fare in modo che il Sindaco e tutta la comunità di Manfredonia possa farsi un'idea su quanto accaduto"

Di:

Manfredonia, 7 luglio 2017. ”Ringrazio pubblicamente la redazione di Stato Quotidiano ed Il Sipontino.net in quanto in seguito alla loro pubblicazione ho risolto il mio problema.

Voglio chiudere la vicenda facendo, però, tre riflessioni in merito a quanto accaduto:

1) ho ricevuto tre lettere raccomandate con ricevuta di ritorno. Il comune ha speso più di € 50,00 comprensivi dei diritti di notifica che non incasserà mai in quanto non dovuti. Lascio immaginare chi pagherà tale somma;

2) il responsabile del procedimento si è permesso pur mancandone i requisiti, come vi dimostrerò tra breve, di inviarmi per ben 2 volte la stessa ingiunzione di pagamento ed invece di essere chiamato a rispondere di danno erariale molto probabilmente a fine anno riceverà un bel premio di produttività;

3) infine voglio brevemente riassumere quanto avvenuto: nel 2009 c’era da pagare la “vecchia” ICI. Mio marito, anziano ed analfabeta, si reca al CAAF per l’assistenza fiscale ed effettua il versamento sulla base di quanto predisposto. Dopo 5 anni l’ufficio tributi di Manfredonia rileva un minor incasso ICI per € 79,58 (arrotondato a € 80,00) ed invia un’ingiunzione di pagamento. Mio marito da buon cittadino, che ha sempre onorato i debiti nei confronti dell’amministrazione comunale, effettua questo nuovo versamento. L’ufficio tributi incassa e tutto viene archiviato. Nel 2016 mio marito viene a mancare. Così, appena giunge la notizia all’ufficio in questione, qualcuno ha ben pensato di inviare a me, sua moglie ed erede, la stessa ingiunzione di pagamento con la speranza che io ripagassi, approfittando di quei giorni di smarrimento in cui versava la mia famiglia in seguito al lutto. Tengo a precisare che l’ufficio sapeva di aver incassato quella somma tant’è che per due anni non si erano fatti più sentire. Inoltre la lettera inviatami, che trovate in calce alla presente, è piena di errori: si parte da un debito di € 0,42 per poi arrivare a € 79,58 ed infine ammettere testualmente: “…, ovvero che è stato effettuato un pagamento parziale di € 80,00”.

Io prendo € 400,00 di pensione e ripagare quella somma non dovuta mi doleva il cuore. Così mio figlio decise di prendere un giorno di ferie e rientrò dal Nord dove lavora, spendendo più di € 100,00 per il viaggio che mai nessuno ci rimborserà. Trovata la ricevuta, di cui eravamo sicuri, si reca all’ufficio in Via delle Antiche Mura e come prima cosa non la esibisce ma chiede all’impiegato di fare una verifica se quel pagamento fosse stato eseguito. L’impiegato riscontra il versamento nel proprio terminale ed incredulo corre a chiamare il responsabile il quale, non sapendo cosa dire, si giustifica asserendo che c’era stato un errore col codice fiscale che però mio marito non aveva mai cambiato. Pertanto annullano l’avviso di pagamento. A distanza di circa 7 mesi, cioè qualche giorno fa il responsabile, senza nessuna curanza di verifica, si permette il lusso di rinviarmi per la seconda volta la stessa ingiunzione di pagamento.

Ed è così che ho deciso di scrivere agli organi di stampa locali.

Ieri con raccomandata con ricevuta di ritorno mi hanno inviato il nuovo annullamento senza aver avuto bisogno di ritornare ad esibire la ricevuta (..).

Mi sono permessa di scrivere queste due righe per fare in modo che il Sindaco e tutta la comunità di Manfredonia possa farsi un’idea su quanto accaduto.

Al responsabile del provvedimento voglio solo dire che io sono anziana e malata di cuore ma non mollo, che sia chiaro.

AVE CESARE.

PS: ringrazio chi mi ha aiutato a scrivere questa lettera”.

Cittadino “Risolto problema con l’ufficio tributi di Manfredonia” ultima modifica: 2017-07-07T11:10:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • ciro

    sono na massa di -che dire!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


  • OCCHIO

    DIREI UN PO’ DI ATTENZIONE PRIMA DI INVIARE GLI AVVISI ACCERTARE ED ESSERE SICURI…SENZA FAR LIEVITARE UN BILANCIO FALSO O CREDITI INESISTENTI…


  • ilproletario

    Una mia parente, vedova e madre di due figli con handicap motorio, ricevette, anni fa, una ingiunzione dall’Agenzia delle Entrate per una differenza d’imposta di 80 mila LIRE che si premuro di pagare immediatamente.
    L’anno dopo un altro avviso per L:90.000 che pagò immediatamente.
    Il terzo anno avviso per L:120.000. Per caso mi chiese se avessi potuto effettuare io il versamento. Preso l’avviso, mi sono recato all’Agenzia dove il Direttore, per caso scoprii, era il padre di un alunno della mia parente. Si mise a disposizione e cancellò l’addebito dovuto ad un errore. Ma prima rimase molto tempo nella stanza del c.d. “verificatore” che aveva materialmente redatto l’addebito. In pratica, il primo anno ci avevano “provato” ottenendo il risultato, la mia parente era entrata a tutti gli effetti nel numero nazionale degli “EVASORI ABITUALI” soggetta a controllo “speciale” tutti gli anni. Il funzionario era stato evidentemente “gratificato” per la …..!


  • Commercialista idealista

    Qualcuno spieghi all’ufficio tributi che l’imu si prescrive in 5 anni. Almeno l’abc, almeno questo


  • antonella

    Egregia signora, intanto voglio presentarle i miei ossequiosi Rispetti, brava, anzi bravissima per aver denunciato a mezzo stampa un modo di fare da parte di questi signori, ormai al limite della vessazione, da me conosciuto, in quanto nel 2011 ci hanno provato, inviandomi 33 richieste di pagamento, tutte errate, ..tutto diventa lecito? non si guarda in faccia a nessuno, allora fu interpellato l’ assessore al ramo, sempre lo stesso, ed il sindaco, conservo tutte le conversazioni, ricordo ogni particolare di quella storia, solo che allora ero ignara …oggi sono pronta ….chiunque.
    Gli anni passano ma le vecchie abitudini non cambiano a quanto pare, siamo noi cittadini che dobbiamo cambiare metodo verso la pubblica amministrazione, denunciare chi invia queste letterine con richieste di pagamento non dovute, …, fare una bella azione di classe contro e farci risarcire il danno di immagine, la mortificazione, il disturbo, nonchè le spese per il tempo perso per fornire la documentazione di pagamento che comunque è in dote e digitalizzata, percui impossibile sbagliare.
    Allora, ora mi piacerebbe che il sig. Sindaco esprimesse un opinione riguardo .. come mai dopo ben sei anni, siamo sempre allo stesso punto? La lezione proprio nessuno vuole impararla?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi