Cronaca

Marmo: “Sul ‘San Raffaele’ conflitto di interessi dell’assessore Pelillo”. “Non è vero”


Di:

L'assessore al bilancio regionale Michele Pelillo (archivio)

Bari – “DOPO avere aggirato e raggirato il Consiglio regionale, negando ogni pur urgente e doveroso utilizzo per necessità di assoluta evidenza dei 60 milioni di euro disponibili, il Governo regionale ha atteso le distrazioni d’agosto per impegnarli tutti per le sole opere murarie di una struttura ospedaliera d’importazione quale il ‘San Raffaele del Mediterraneo’ addirittura attraverso un ‘avvio anticipato’ del PAR FAS 2007-2013 Asse 3 di cui alla delibera di GR n.1880 del 6.8.2010″, ha detto in una nota il Consigliere regionale PDL, Nino Marmo, vicepresidente del Consiglio regionale.

“Un’opera che è valsa già un prezioso spot elettorale, che carissimo ci sta evidentemente costando, al Presidente Vendola tramite sperticata beatificazione pubblica da parte di Don Verzè, e la cui realizzazione accelererà i trasferimenti finanziari dalla Regione Puglia all’imprenditoria lombarda, che non saranno nemmeno più rallentati dai disagi della ‘mobilità’. Trattasi- tanto per intenderci- dello stesso Governo regionale che deve assolutamente tagliare, pena l’impossibilità imminente di pagare gli stipendi agli operatori sanitari, 19 Ospedali pubblici e 2200 posti-letto, e che sta facendo crollare la sanità privata pugliese sotto il peso dei pagamenti non effettuati, nel blocco totale in atto di ogni mandato di pagamento per effetto delle reiterate, irresponsabili, quanto deliberate violazioni del ‘patto di stabilità’.

Ma c’è di più e “ancora di peggio”. “L’Assessore al Bilancio che si è addirittura vantato di avere violato il ‘patto di stabilità’ (che non è più in grado di firmare un solo mandato di pagamento condannando di fatto a morte tanta parte del sistema-Puglia), che ha sponsorizzato l’operazione ‘San Raffaele’ e proposto la delibera di cui sopra – dice Marmo – è anche il socio di studio dell’avv. Paolo Ciaccia, Presidente designato dalla Regione Puglia, della Fondazione che beneficerà del finanziamento di cui sopra”.

Secondo Marmo, si tratta di una “operazione di dubbia legittimità (non si sarebbe dovuta effettuare una gara, come sostengono organizzazioni tarantine di tutto sospettabili tranne che di essere ostili al Governo-Vendola?), condotta con la tecnica del blitz ed in totale contraddizione con gli stessi presupposti ideologici e politici del vendolismo. Intanto si chiudono e/o si lasciano morire d’inedia Ospedali pubblici e si fanno soffocare per mancati pagamenti da parte della Regione Ospedali privati pugliesi, con devastanti conseguenze anche occupazionali”.

“Questo Assessore che non trova più un centesimo per i Pugliesi mentre riempie d’oro i forzieri di colonizzatori privati rappresentati da un suo socio da lui stesso all’uopo nominato, si deve immediatamente dimettere. Né queste dimissioni possono tardare un’ora di più, di fronte a tanto, spudorato conflitto d’interessi, implicitamente adombrato perfino dalle ultime esternazioni del Sindaco di Taranto che evidentemente ha deciso di togliersi l’anello dal naso”, conclude Marmo.

Pelillo: “Nessuna incompatibilità su San Raffaele” – Risposta dell’assessore al Bilancio, Michele Pelillo a seguito del comunicato del consigliere Marmo sulla questione San Raffaele di Taranto. “Prendo atto – dichiara – che il dibattito rincomincia nel modo peggiore, inasprito fin dalle prime battute”. “La questione della nomina dell’avv. Ciaccia è datata, in quanto lo stesso è stato designato nel CDA della fondazione dalla Regione nello scorso febbraio insieme ad altri due rappresentanti. Ed è stato nominato presidente del CDA non dalla Regione ma dallo stesso CDA. Tutti i componenti del CDA svolgono il proprio ruolo a titolo gratuito. Per quanto riguarda le incompatibilità, non vedo proprio dove possano essere. Ancora una volta esponenti della destra si esercitano nella richiesta di dimissioni, senza riuscire a far comprendere dove possano essere le incompatibilità pretese”

Marmo: “Sul ‘San Raffaele’ conflitto di interessi dell’assessore Pelillo”. “Non è vero” ultima modifica: 2010-09-07T18:36:28+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi